Le palle quadrate di Simone Inzaghi.

0 Utenti e 6 Visitatori stanno visualizzando questo topic.

Le palle quadrate di Simone Inzaghi.
« il: 12 Dic 2016, 13:35 »
Apro un topic che viaggia per linee diverse da quello già aperto sul mister, prendendo ispirazione per il titolo da un topic aperto su Calcio, ma di contenuto diverso.Cerco di aprire un nuovo spunto di discussione sul nostro Mister dato che ormai sembra quasi scontato il lavoro che egli ha fatto.
Non starò a ripetere lo scenario in cui è si è delineato il suo incarico, è noto a tutti, ricordatevelo da soli.
Troppe critiche ho sentito in queste 16 giornate, le più cattive sempre dal popolo laziale; anche se la peggiore credo sia l'indifferenza che i media riservano a questa avventura degna di occupare le pagine di molti quotidiani.
Inzaghi è il nostro fulcro, da quello che ho potuto vedere fin'ora; la rosa è cambiata poco dall'anno scorso. Soliti infortuni, incertezze diverse, ma la squadra ha un carattere completamente diverso, sta in campo in maniera diversa e ragiona in maniera diversa. Una squadra che perde i due giocatori di riferimento (klose-Candreva e ci metto pure uno come Mauri che tanto ha fatto) al pari (con le dovute proporzioni) alla juve che perdeva vidal e pirlo.
Eppure dalla desolazione dell'anno scorso, dal "firmerei col sangue pe arrivà sesto", siamo passati al "Siamo secondi solo alla Juve"
Cosa è stato? Dalle centinaia di persone o poche migliaia dell'anno scorso, a rivedere finalmente la nostra curva DOMINARE la stracittadina e DOMINARE le tifoserie altrui in trasferta.
Secondo me il nocciolo non è tanto nella misura di valori della rosa, che per me è alto, quanto riomma e napule al momento, e molto più di merdalan.
La chiave della stagione è Inzaghi. Se inzaghi regge botta, se il mister tiene salda la squadra e continua a fare come ha fatto queste 16 partite vedo un futuro luminoso, non solo per quest'anno, ma soprattutto per il prossimo, che con un piazzamento champions (secondi o avendo superato il turno preliminare) ci ritroveremmo a competere per i primi quattro posti con consapevolezza e fiducia di essere una squadra temeraria. Rimanere due anni tra i primi tre - quattro posti aprirebbe scenari spropositati ( dai 60 agli 80  milioni in mano al signor Igli Tare per il mercato (che co du spicci è riuscito a rimediare ai partenti quest'anno con onore e gloria sua al momento),si potrebbe avere una società che potrebbe continuare ad investire sulla struttura come ha fatto con diaconale e peruzzi.
Ma sono convinto che tutto questo passi da Inzaghi, se quest'anno fa un mezzo miracolo portando la Lazio in champions, il prossimo anno partiremo come favoriti e con delle spalle abbastanza larghe, o anche per meglio dire, sulle spalle abbastanza larghe di Inzaghi  ;)
Le parole dei giocatori mi rinfrancano , perchè sembrano confermare ciò che molti hanno colto.
Uno attaccato alla Lazio, ai suoi giocatori, responsabilità;un allenatore che più che in panchina sembra che giochi ancora i 90 minuti, come il dodicesimo uomo o il tredicesimo se preferite contando la curva "ritornata".

Se regge lui, può reggere tutta la baracca. E magari far ritornare un pò di fiducia in quei laziali che ancora oggi sono titubanti e non riescono nemmeno più a immaginarsi una Lazio lontana da mediocrità e sfortuna.

Ho vissuto in pieno la Lazio di Cragnotti, i campioni, avevo 7-8 anni, e da li sono cresciuto. Ma non era Cragnotti che faceva la differenza, lui contava poco per me e ora ancor di meno. Non voglio un presidente milionario. Ma una squadra che incuta timore agli avversari e non li faccia dormire il giorno prima della partita pensando a come poter non prenderne.
E questo è tutto legato al nostro Mister adesso. Ritornare una squadra che stabilmente e annualmente miete il suo numero di vittime.
E' un peso enorme che porta da solo, e le critiche sono molto di più dei plausi nonostante ciò che ha fatto. Come è possibile? Anche su Lazionet il suo topic è lontano.

Chiedo se condividete con me questa convinzione, e se si , quali siano le cose positive e negative di una dipendenza dal proprio allenatore. E quanto possa reggere il nostro Mister e quanto ancora migliorare.

p.s. Spero che non venga preso per un intervento legato esclusivamente ad Inzaghi ben si ad un immaginario più complesso e secondo me tralasciato di questo primo scorcio di stagione.

 :since :since :since :since :since :since :since :since :since :since


Offline zorba

*****
5712
Re:Le palle quadrate di Simone Inzaghi.
« Risposta #1 il: 12 Dic 2016, 15:17 »
Speriamo siano molto contagiose (le "palle", del mister, intendo) e che tutta la rosa venga infettata, unita chiaramente alla giusta quantità di sale in zucca...  :since :since :since

Alex_k

Alex_k

Re:Le palle quadrate di Simone Inzaghi.
« Risposta #2 il: 12 Dic 2016, 15:30 »
IMHO la figura di Peruzzi ha dato il suo grosso contributo.

Offline TheVoice

*****
4960
Re:Le palle quadrate di Simone Inzaghi.
« Risposta #3 il: 12 Dic 2016, 15:44 »
IMHO la figura di Peruzzi ha dato il suo grosso contributo.

In silenzio.

Dote rara....
Re:Le palle quadrate di Simone Inzaghi.
« Risposta #4 il: 12 Dic 2016, 17:49 »
Stamattina sul Corsera.

Alex_k

Alex_k

Re:Le palle quadrate di Simone Inzaghi.
« Risposta #5 il: 12 Dic 2016, 18:02 »
O persino dei tifosi, così tanto de core.
Cristia', me sa che te sei confuso co' quell'altri.

Incassato lo sgradevole voltafaccia del santone argentino, il presidente latinorum si è guardato di nuovo in giro e soltanto alla fine ha ripiegato su Simone. Risparmiamo almeno dei soldi.
Cristia', pure qua non c'hai capito un tazzo, ve'? Ma che per caso Arzilli è amico tuo?
 :roll:

Offline Palo

*****
11504
Re:Le palle quadrate di Simone Inzaghi.
« Risposta #6 il: 12 Dic 2016, 23:49 »
Ho letto questo articolo alla rovescia di come lo hai interpretato tu.

Offline TheVoice

*****
4960
Re:Le palle quadrate di Simone Inzaghi.
« Risposta #7 il: 12 Dic 2016, 23:59 »
Ho letto questo articolo alla rovescia di come lo hai interpretato tu.

Io pure

Online Ranxerox

*****
10718
Re:Le palle quadrate di Simone Inzaghi.
« Risposta #8 il: 13 Dic 2016, 00:53 »
Rispondendo a Inzaghi Jr.:

Inzaghi ha molta parte di merito in questo inaspettato primo scorcio di stagione. In realtà c'è stato un recupero complessivo rispetto all'ultimo anno che è stato invece sottotono rispetto al valore della squadra.
Già da Reja, e poi con Petkovic, la Lazio aveva dimostrato di essere una squadra che poteva dare fastidio in alto. Non a livello di lotta scudetto ma dal terzo al sesto posto si.
Un paio di stagioni sciagurate (spesso legate a scelte altrettanto sciagurate della società) hanno tolto quella continuità necessaria a prendere convinzione nei propri mezzi e a decollare definitivamente.
Un po' come il passo del gambero, due avanti ed uno indietro.
Il trauma Bielsa, secondo me, ha dato una scossa decisiva a Lotito che stavolta, forse per la prima volta da dodici anni a questa parte, ha capito che doveva mettersi in un angolo e lasciar fare a chi sa fare meglio di lui ciò che serve per portare la Lazio a ottimi livelli.
Da qui la ristrutturazione dei ruoli societari, la sua progressiva sparizione dai radar e, soprattutto, la scommessa Inzaghi. Che, non dimentichiamolo, è sempre stato in organigramma alla Lazio.
Uno di cui aver fiducia insomma.
È sorprendente quanto di buono ha fatto in così poco tempo.
La Lazio ha ritrovato solidità, concretezza, convinzione dei propri mezzi, spirito di squadra e voglia di fare una stagione importante. Il tutto senza strappi, nella normalità di un lavoro certosino a tutto tondo fatto con semplicità ed attenzione.
Siamo a buon punto, con pochi dubbi e molte certezze, grazie anche e soprattutto alla tranquillità con cui Simone da Piacenza sta guidando la squadra.
Manca qualche ritocco per fare l'ultimo e definitivo salto di qualità, ma mai come quest'anno stiamo assistendo a ciò che da molti anni a questa parte gran parte della tifoseria auspicava.
Una buona squadra che fa risultati e diventa molto competitiva, una gestione complessiva normale come quella di tutte le altre squadre che si rispettino, l'ingombrante figura di Lotito che finalmente non si sovrappone più a quella della Lazio.
Nel momento in cui ha accettato l'incarico credo che Inzaghi abbia messo alcuni paletti invalicabili.
Sarebbe stupido da parte dei tifosi non sostenere questa new way biancazzurra così come sarebbe stupido, da parte della società, stoppare questo nuovo percorso così convincente con scelte da braccino corto che già in passato non hanno pagato.
Al momento la classifica dice che siamo la quarta forza del campionato a pochi punti dalla seconda e dalla terza, nonostante un risorse inferiori e investimenti sul mercato meno sostanziosi.
Significa che volendo, organizzando per benino le cose e lasciando ad ognuno il suo ruolo, all'interno della Lazio ci sono competenze anche superiori a quelle degli altri.
Quest'anno può iniziare di nuovo un circolo virtuoso che può portarci lontano e Simone, senza alcun dubbio, se la sta giocando alla grande senza mostrare la seppur minima incertezza.
E pensare che è un esordiente.....

Online Ranxerox

*****
10718
Re:Le palle quadrate di Simone Inzaghi.
« Risposta #9 il: 13 Dic 2016, 01:00 »
Ovviamente "rispondendo a Inzaghi Jr." era "rispondendo a Paris Jr"...
 :=))

Alex_k

Alex_k

Re:Le palle quadrate di Simone Inzaghi.
« Risposta #10 il: 13 Dic 2016, 06:04 »
Ho letto questo articolo alla rovescia di come lo hai interpretato tu.

Secondo me invece è vagamente perculatorio, non tanto nei confronti di Inzaghi, ma nei confronti della Società.
Perché dire che Inzaghi è stato scelto per risparmiare, e non perché:
1) L&T ci hanno sempre creduto, SEMPRE
2) perché è laziale vero (cosa che si chiede da anni, la "lazialità")
3) perché ha leadership da vendere

Io nell'articolo ci ho letto un paio di luoghi comuni, ma magari sbaglio io. Sarà che con l'età divento sempre più puzzone...
 :=))

Offline sorazio

*
9206
Re:Le palle quadrate di Simone Inzaghi.
« Risposta #11 il: 13 Dic 2016, 07:55 »
Rispondendo a Inzaghi Jr.:

Inzaghi ha molta parte di merito in questo inaspettato primo scorcio di stagione. In realtà c'è stato un recupero complessivo rispetto all'ultimo anno che è stato invece sottotono rispetto al valore della squadra.
Già da Reja, e poi con Petkovic, la Lazio aveva dimostrato di essere una squadra che poteva dare fastidio in alto. Non a livello di lotta scudetto ma dal terzo al sesto posto si.
Un paio di stagioni sciagurate (spesso legate a scelte altrettanto sciagurate della società) hanno tolto quella continuità necessaria a prendere convinzione nei propri mezzi e a decollare definitivamente.
Un po' come il passo del gambero, due avanti ed uno indietro.
Il trauma Bielsa, secondo me, ha dato una scossa decisiva a Lotito che stavolta, forse per la prima volta da dodici anni a questa parte, ha capito che doveva mettersi in un angolo e lasciar fare a chi sa fare meglio di lui ciò che serve per portare la Lazio a ottimi livelli.
Da qui la ristrutturazione dei ruoli societari, la sua progressiva sparizione dai radar e, soprattutto, la scommessa Inzaghi. Che, non dimentichiamolo, è sempre stato in organigramma alla Lazio.
Uno di cui aver fiducia insomma.
È sorprendente quanto di buono ha fatto in così poco tempo.
La Lazio ha ritrovato solidità, concretezza, convinzione dei propri mezzi, spirito di squadra e voglia di fare una stagione importante. Il tutto senza strappi, nella normalità di un lavoro certosino a tutto tondo fatto con semplicità ed attenzione.
Siamo a buon punto, con pochi dubbi e molte certezze, grazie anche e soprattutto alla tranquillità con cui Simone da Piacenza sta guidando la squadra.
Manca qualche ritocco per fare l'ultimo e definitivo salto di qualità, ma mai come quest'anno stiamo assistendo a ciò che da molti anni a questa parte gran parte della tifoseria auspicava.
Una buona squadra che fa risultati e diventa molto competitiva, una gestione complessiva normale come quella di tutte le altre squadre che si rispettino, l'ingombrante figura di Lotito che finalmente non si sovrappone più a quella della Lazio.
Nel momento in cui ha accettato l'incarico credo che Inzaghi abbia messo alcuni paletti invalicabili.
Sarebbe stupido da parte dei tifosi non sostenere questa new way biancazzurra      così come sarebbe stupido, da parte della società, stoppare questo nuovo percorso così convincente con scelte da braccino corto che già in passato non hanno pagato.
Al momento la classifica dice che siamo la quarta forza del campionato a pochi punti dalla seconda e dalla terza, nonostante un risorse inferiori e investimenti sul mercato meno sostanziosi.
Significa che volendo, organizzando per benino le cose e lasciando ad ognuno il suo ruolo, all'interno della Lazio ci sono competenze anche superiori a quelle degli altri.
Quest'anno può iniziare di nuovo un circolo virtuoso che può portarci lontano e Simone, senza alcun dubbio, se la sta giocando alla grande senza mostrare la seppur minima incertezza.
E pensare che è un esordiente.....
Abbiamo cambiato il magnifico pantone?

Online DajeLazioMia

*****
42361
Re:Le palle quadrate di Simone Inzaghi.
« Risposta #12 il: 13 Dic 2016, 08:05 »
Secondo me invece è vagamente perculatorio, non tanto nei confronti di Inzaghi, ma nei confronti della Società.
Perché dire che Inzaghi è stato scelto per risparmiare, e non perché:
1) L&T ci hanno sempre creduto, SEMPRE
2) perché è laziale vero (cosa che si chiede da anni, la "lazialità")
3) perché ha leadership da vendere

Io nell'articolo ci ho letto un paio di luoghi comuni, ma magari sbaglio io. Sarà che con l'età divento sempre più puzzone...
 :=))
Secondo me ricostruisce una serie di luoghi comuni (e alcune verità) che i risultati dovrebbero calcellare dando a Inzaghi la ribalta che spetta a uno che sta facendo un campionato da vertice, invece è innegabile che non abbia ancora i giusti riconoscimenti.
Sul discorso complessivo del topic quoto @ranxerox, è giunto il momento di dare continuità ai risultati evitando gli errori del passato, la Lazio ha la forza e i mezzi per lottare tutti gli anni per le prime 5 piazze e se possibile sperare in un incastro anche più ambizioso (sempre sbagliando pochissimo visto che investiamo meno di altri).
Su Lotito eclissato condivido e spero ci sia la volontà di inserire una ulteriore figura, un DG che sappia il suo come Diaconale da AC.
Re:Le palle quadrate di Simone Inzaghi.
« Risposta #13 il: 13 Dic 2016, 11:21 »
Rispondendo a Inzaghi Jr.:

Inzaghi ha molta parte di merito in questo inaspettato primo scorcio di stagione. In realtà c'è stato un recupero complessivo rispetto all'ultimo anno che è stato invece sottotono rispetto al valore della squadra.
Già da Reja, e poi con Petkovic, la Lazio aveva dimostrato di essere una squadra che poteva dare fastidio in alto. Non a livello di lotta scudetto ma dal terzo al sesto posto si.
Un paio di stagioni sciagurate (spesso legate a scelte altrettanto sciagurate della società) hanno tolto quella continuità necessaria a prendere convinzione nei propri mezzi e a decollare definitivamente.
Un po' come il passo del gambero, due avanti ed uno indietro.
Il trauma Bielsa, secondo me, ha dato una scossa decisiva a Lotito che stavolta, forse per la prima volta da dodici anni a questa parte, ha capito che doveva mettersi in un angolo e lasciar fare a chi sa fare meglio di lui ciò che serve per portare la Lazio a ottimi livelli.
Da qui la ristrutturazione dei ruoli societari, la sua progressiva sparizione dai radar e, soprattutto, la scommessa Inzaghi. Che, non dimentichiamolo, è sempre stato in organigramma alla Lazio.
Uno di cui aver fiducia insomma.
È sorprendente quanto di buono ha fatto in così poco tempo.
La Lazio ha ritrovato solidità, concretezza, convinzione dei propri mezzi, spirito di squadra e voglia di fare una stagione importante. Il tutto senza strappi, nella normalità di un lavoro certosino a tutto tondo fatto con semplicità ed attenzione.
Siamo a buon punto, con pochi dubbi e molte certezze, grazie anche e soprattutto alla tranquillità con cui Simone da Piacenza sta guidando la squadra.
Manca qualche ritocco per fare l'ultimo e definitivo salto di qualità, ma mai come quest'anno stiamo assistendo a ciò che da molti anni a questa parte gran parte della tifoseria auspicava.
Una buona squadra che fa risultati e diventa molto competitiva, una gestione complessiva normale come quella di tutte le altre squadre che si rispettino, l'ingombrante figura di Lotito che finalmente non si sovrappone più a quella della Lazio.
Nel momento in cui ha accettato l'incarico credo che Inzaghi abbia messo alcuni paletti invalicabili.
Sarebbe stupido da parte dei tifosi non sostenere questa new way biancazzurra così come sarebbe stupido, da parte della società, stoppare questo nuovo percorso così convincente con scelte da braccino corto che già in passato non hanno pagato.
Al momento la classifica dice che siamo la quarta forza del campionato a pochi punti dalla seconda e dalla terza, nonostante un risorse inferiori e investimenti sul mercato meno sostanziosi.
Significa che volendo, organizzando per benino le cose e lasciando ad ognuno il suo ruolo, all'interno della Lazio ci sono competenze anche superiori a quelle degli altri.
Quest'anno può iniziare di nuovo un circolo virtuoso che può portarci lontano e Simone, senza alcun dubbio, se la sta giocando alla grande senza mostrare la seppur minima incertezza.
E pensare che è un esordiente.....

Completamente d'accordo, e credo che sta volta la società anche a gennaio farà delle scelte diverse dal passato. Ma credo che anche questo giri intorno ad Inzaghi. Se il mister si impone e chiede un paio di pedine ( pagate da buoni movimenti in uscita) credo che Lotito e Tare non potranno che accontentarlo, soprattutto se ci ritroviamo tra le prime tre-quattro posizioni. Ok braccino corto, e il passato deludente del mercato di gennaio...
Ma non credo che lotito e tare c'abbiano il prosciutto negli occhi, hanno visto come è andata a finire restando congelati a gennaio, non ripeteranno lo stesso errore.

Offline bak

*
20159
Re:Le palle quadrate di Simone Inzaghi.
« Risposta #14 il: 13 Dic 2016, 13:00 »
IMHO la figura di Peruzzi ha dato il suo grosso contributo.

Merito riconosciutogli domenica sera anche dal certaldese.

A me Inzaghi piace molto; low profile e tanto lavoro, nonché l'immane lavoro di compattare lo spogliatoio, insieme come detto a Peruzzi.
Re:Le palle quadrate di Simone Inzaghi.
« Risposta #15 il: 19 Dic 2016, 11:22 »
anche ieri grandi palle quadrate. Squadra bestiale nei primi tempi, capace di non far entrare nell'aria le squadre avversarie per più di metà partita ogni volta.

Inzaghi è un mister eccezionale, e se ne parla pochissimo.
Quasi 10 punti in più dell'anno "miracoloso" di Pioli,
significa che questo al momento è il miglior anno dell'era Lotito, con il miglior allenatore dell'era Lotito, e sicuramente la squadra più forte dell'era Lotito.
Per adesso un enorme grazie Mister, per il mercato di gennaio vedremo se dovremmo leccare i piedi a tare e lotito.
A fine anno vedremo se dovremmo sentire anche i LPDM oppure dei bei cori per Simone! Che sarebbe anche ora di dedicargli ad ogni partita.
Re:Le palle quadrate di Simone Inzaghi.
« Risposta #16 il: 19 Dic 2016, 19:58 »
Intanto non sarebbero male delle scuse per quell' "uomo piccolo" che gli fu tirato addosso così, a buffo.
Lui è stato anche bravo a tenersi tutto dentro, e appena può lo ripete che...
a) dopo il finale dell'anno scorso si aspettava la conferma
e
b) dopo quasi due decenni alla Lazio, si aspettava di essere considerato un Laziale, e invece quando si chiedeva a gran voce qualcuno che avesse la Lazio come seconda pelle si faceva il nome di chiunque tranne il suo.
Re:Le palle quadrate di Simone Inzaghi.
« Risposta #17 il: 19 Dic 2016, 20:32 »
Non gli davo due lire....
Non tanto dal punto di vista tecnico ma su quello del carisma e della personalità. Pensavo fosse travolto dagli eventi e dalle pressioni dell'ambiente e invece ....
Complimenti Mister! Sicuramente una delle tante note liete di quest'anno
Re:Le palle quadrate di Simone Inzaghi.
« Risposta #18 il: 01 Mar 2017, 22:52 »
Gran campionato all'esordio. C'è poco da dire. Altro che bielsa

Online laziAle82

*****
11461
Re:Le palle quadrate di Simone Inzaghi.
« Risposta #19 il: 01 Mar 2017, 23:08 »
Ti voglio bene Simo'.
Laziale VERO.
 

Powered by SMFPacks Alerts Pro Mod