Moduli, situazioni tattiche a partita in corso e gestione rosa (17/18)

0 Utenti e 25 Visitatori stanno visualizzando questo topic.

Offline Luca MCM

*
426
Moduli, situazioni tattiche a partita in corso e gestione rosa (17/18)
« il: 01 Set 2017, 16:44 »
1 Settembre, 2017,
  La Lazio di Simone Inzaghi formato 2017/2018 può pensare finalmente solo al campo di gioco.
 Con quale modulo innanzi tutto, ci riaffacceremo alla terza giornata di campionato contro il Milan?
Inzaghi ha dimostrato sia nel precampionato, sia nelle tre partite ufficiali di voler puntare al 3-5-2 come modulo base, trovando nella difesa a tre buone garanzie e nel centrocampo l'equilibrio giusto nel supportare le due punte e nel fare filtro in mezzo.
L'acquisto di Nani, insieme al non-acquisto di un centrale mancino al posto di Hoedt, porta molti compreso me, a pensare che si possa tornare alla difesa a 4, giocando con il 4-3-3. Ma Nani, che insieme ad Anderson forma un mix di genio e fantasia esplosivo nella metà campo avversaria, possono giocare insieme solamente in quel modulo?
Forse no, penso per esempio al 3-4-2-1 modulo che permetterebbe a S. Inzaghi di mantenere l'amata difesa a tre, far giocare più alti Lulic/Lukaku e Basta/Marusic con in mezzo una coppia di mediani di sicuro rendimento e quantità Leiva-Parolo e i due estrosi esterni dietro la punta, ma non si può lasciare Milinkovic in questo momento fuori, giusto? Prima o poi però, Milinkovic dovrà anche riposare, se fossi Inzaghi in assenza del serbo valuterei molto seriamente l'utilizzo di questo modulo.
Altra opzione, il 4-2-3-1 di pioliana memoria, niente difesa a tre, terzini bassi ( quindi meglio Radu, che Lulic, e a destra meglio Basta, che Marusic ) coppia di mediani invariata, e in avanti lo sbizzarrimento, dietro a Ciro un possibile trio Nani, Milinkovic, Anderson da sinistra verso destra.
Rosa assai completa, dove in tutti e tre i moduli hai un giocatore di alto tasso tecnico, visione di gioco e tiro dalla distanza pronto a subentrare: Luis Alberto. Il talento proveniente da Cadice può giocare come mezzala, come trequartista, come mezzapunta nel modulo ad albero di natale e nel 3-4-2-1. Diverso il discorso del regista, sarebbe sbagliato, a mio modo di vedere, arretrarlo in quel modo, con Inzaghi il regista gioca molto più dietro che nello schema del suo predecessore, Pioli, dove Biglia poteva salire molto di più.
Come vice Immobile? Avrei preso una punta più pronta rispetto al buon Caicedo, che comunque deve dimostrare sul campo di essere un acquisto giusto o sbagliato. Palombi ha bisogno di crescere, un percorso simile a quello di Murgia, che nell'arco di un paio d'anni al massimo sarà a mio modo di vedere il titolare del centrocampo della Lazio.
Importantissimo è stata l'inversione di rendimento dell'ultimo anno di un rigenerato Stefan Radu, alta qualità nei palloni giocati, tiro velenoso e qualità nell'anticipo e nel recupero, ancora lacune purtroppo sulla lettura delle palle alte. Gli altri due, De Vrij e Wallace, formano e completano una difesa fortissima, che anche in coppia funzionerebbe meravigliosamente. Bastos? è forte, verrà il suo momento, certo è un bel enigma dover decidere, probabilmente per ora parte dietro a questi tre.
In porta Strakosha garantisce quello che Marchetti negli ultimi tre anni aveva perduto, lunga vita a lui perché dietro chi da garanzie?

La rosa è competitiva per affrontare le due competizioni che avremo da qui a Dicembre, 18 partite di campionato ( 16 ora ) e 6 di E League. Gennaio bisogna valutare l'ingresso di un ultimo centrale e di un secondo portiere, valutare il rendimento di Caicedo, Palombi e Di Gennaro, i due portoghesi di ottime speranze si faranno un anno di ambientamento, e chissà forse pure meno. I soldi per intervenire, qualora ce ne fosse bisogno ci sono in abbondanza. Per il resto, ho pochi dubbi, la rosa è quanto di più forte si sia visto negli ultimi 13 anni.

La rotazione va fatta, le partite sono molte e i giocatori ci sono, i giovani in rampa di lancio hanno dimostrato di essersi adattati rapidamente, grazie anche all'ambiente internazionale e allo stesso tempo familiare che la Lazio ha costruito. Infatti poche squadre possono vantare un affiatamento come lo spogliatoio laziale. Farris, vero tattico dello staff tecnico di Inzaghi, ogni volta che parla dimostra quanto siano preparati i nostri uomini. Altro punto a favore? Staff medico reduce da una stagione da 8 in pagella, quest'anno sarà un banco di prova ulteriore e più importante, fiducia.
La garanzia Simone Inzaghi, e l'aver tolto dallo spogliatoio i giocatori scontenti ( con un occhio speranzoso per il rinnovo del Difensore Divino DeVrij ) danno un punto ulteriore per essere ottimisti.

Si guardi la classifica dal girone di ritorno in poi, di grazia. Per ora, concentrazione e cattiveria partita dopo partita, solo per i 3 punti.
Questa Lazio può volare, stiamogli vicino.
Ci aspetta un anno di battaglie, un anno meraviglioso !
Affondiamo il Milan

FORZA LAZIO SEMPRE !!!


Offline Raptus

*
2956
Re:Moduli, situazioni tattiche a partita in corso e gestione rosa (17/18)
« Risposta #1 il: 01 Set 2017, 19:34 »
Facendoti i complimenti per l'analisi, mi permetto di fare qualche osservazione.
Riguardo ai moduli, su cui ho aperto un topic a parte, abbiamo molte scelte rispetto alle caratteristiche dei giocatori, anche per me il 4-2-3-1 potrebbe essere la soluzione migliore, o in alternativa il 3-4-2-1, anche se Inzaghi sembra prediligere il 3-5-2.
Anch'io mi aspettavo un attaccante di spessore pronto a dare fiato a Immobile, giocatore la cui generosità porta a consumare molte energie, Caicedo è un altro tipo di attaccante non molto prolifico, ma abbiamo comunque diverse frecce da sparare. Milinkovic, L.Alberto, Parolo  e anche Lulic sanno trovare soluzioni da fuori, Nani ha dimostrato di avere anche fiuto del gol oltre che una rapidità eccezionale.
La difesa mi pare coperta, è rientrato anche Prce dal prestito che può essere reintegrato, e consideriamo che a gennaio avremo l'inserimento sicuro di Caceres, ottimo ricambio per tutti i ruoli della difesa e anche come esterno di centrocampo.
L'Europa League ci impegnerà speriamo il più a lungo possibile e ci sarà bisogno di tutte le forze disponibili, infortuni, affaticamenti e squalifiche sono sempre dietro l'angolo.
La rosa è completa direi per 3/4, forse ci volevano un altro paio di giocatori esperti, ma direi che potremo vivere una stagione che ci darà soddisfazioni.

Offline sergione

*
2540
Re:Moduli, situazioni tattiche a partita in corso e gestione rosa (17/18)
« Risposta #2 il: 01 Set 2017, 22:45 »
Ho letto tutta l'estate dell'insistenza di Inzaghi per il 3-5-2, ma credo che quando si parla di numeri si rischia di fare confusione.
La Lazio non ha i giocatori per fare il 3-5-2, tanto meno quest'anno con la vendita di Biglia.
Il centrocampo a 3 (tipico del 3-5-2) e' stata una pregorativa di Pioli (allora con il 4-3-3) perche' avevamo due interpreti fantastici per quel modulo: Biglia e Parolo.
Il primo quasi unico nel ruolo di metronomo davanti alla difesa, il secondo il migliore incursore italiano che assiste ai lati il metronomo. Poi a turno si alternavano come terzo di cc Mauri o Lulic, anch'essi ottimi incursori anche se con caratteristiche diverse.
Gia' l'anno scorso con Inzaghi, l'esplosione di SMS come raccordo tra attacco e cc (e non come interno), ci ha portato a giocare sempre o con il 4-2-3-1 o con il 3-4-1-2, ma mai con il 3-5-2 a meno che non si pensi che SMS agisse come interno nei 3 di cc (sbagliato perche' non e' il suo ruolo).
Quest'anno con la vendita di Biglia (secondo me proprio perche' non piu' funzionale ad un cc a 2), con l'acquisto di Leiva (non assolutamente in grado di far giostrare la squadra ma di randellare bene bene) ed un Parolo che va verso i 32 anni e quindi non piu' fresco per le sue incursioni, il centrocampo a 3 per un 3-5-2 non e' mai stato (secondo me) considerato dal Mister.
Il modulo della Lazio nella testa del Mister (con la squadra al completo) fino al 30 agosto era il 3-4-1-2 o 3-4-2-1 a seconda della posizione di FA se piu' o meno vicino a Immobile.
Dall'acquisto di Nani bisognera' trovare un posto in piu' li' davanti ed un posto in meno al centro della difesa (che infatti si e' privata di Hoedt senza rimpiazzarlo) e quindi 4-2-3-1.
Da questo cambiamento potra' essere penalizzato Lukaku e Luis Alberto.
Con Wallace accanto a De Vrij, i due randellatori a cc e i 4 diavoli davanti credo ci leveremo delle soddisfazioni sia sul piano del gioco che del risultato.

Offline BEPPE!

*
387
Re:Moduli, situazioni tattiche a partita in corso e gestione rosa (17/18)
« Risposta #3 il: 02 Set 2017, 12:19 »
FORMELLO - Amichevole con la Primavera: 3-1. Doppietta per Di Gennaro, Milinkovic in gruppo
02.09.2017 11:00 di Carlo Roscito Twitter: @carloroscito    articolo letto 4903 volte
Fonte: Carlo Roscito - Lalaziosiamonoi.it
FORMELLO - Amichevole con la Primavera: 3-1. Doppietta per Di Gennaro, Milinkovic in gruppo

FORMELLO - L’ultimo allenamento settimanale è una partitella amichevole con la Primavera. Finisce 3-1, ma più che il risultato a interessare è il rientro in gruppo di Milinkovic, fermo negli ultimi giorni per un affaticamento muscolare e oggi invece nella formazione iniziale della prima squadra (per lui un tempo di gioco, poi il rientro negli spogliatoi per non rischiare). Inzaghi la schiera con il 3-5-2: Guerrieri in porta; Bastos, Wallace, Luiz Felipe in difesa; Basta, Leiva, Di Gennaro, Crecco, Radu a formare la linea dei centrocampisti; davanti Milinkovic a sostegno di Oikonomidis. Di Gennaro dimostra di essere in palla e realizza una doppietta, Basta sigla il tris prima dell’eurogol di Miceli: il capitano dei baby di Bonatti batte rapidamente una punizione e insacca con un pallonetto stupendo dai 50 metri.

IL PIANO. Felipe Anderson è ancora ai box per la tendinopatia all’adduttore, Nani in questo momento si trova in Spagna e raggiungerà Formello tra domani e lunedì. La prossima settimana lo staff medico cercherà di capire se potrà essere a disposizione o meno con il Milan (a luglio aveva riportato un infortunio al ginocchio). Inzaghi intanto continua a lavorare senza i 10 calciatori convocati dalle rispettive nazionali: Strakosha, de Vrij, Lukaku, Lulic, Marusic, Parolo, Immobile, Caicedo più gli Under 21 Murgia e Palombi. Nella ripresa del test con la Primavera l’allenatore “lancia” Radu in regia, Crecco mezzala e il giovane Prce (tornato dall’esperienza al Brescia) sulla fascia sinistra. Di seguito le formazioni schierate da Inzaghi e Bonatti nei due mini-tempi di Formello:

LAZIO (Primo tempo): Guerrieri; Bastos, Wallace, Luiz Felipe; Basta, Leiva, Di Gennaro, Crecco, Radu; Milinkovic, Oikonomidis

LAZIO (Secondo tempo): Rus; Bastos, Wallace, Luiz Felipe; Basta, Di Gennaro, Radu, Crecco, Prce; Javorcic, Oikonomidis

LAZIO PRIMAVERA (Primo tempo): Vargic; Spizzichino, Kalaj, Silva, Alaj; Miceli, Marchesi, Del Signore; Javorcic, Rezzi, Lukaj.

LAZIO PRIMAVERA (Secondo tempo): Guerrieri; Spizzichino, Kalaj, Silva, Alaj; Rezzi, Marchesi, Miceli; Del Signore, Lukaj, Maloku.

Offline Luca MCM

*
426
Re:Moduli, situazioni tattiche a partita in corso e gestione rosa (17/18)
« Risposta #4 il: 04 Set 2017, 10:33 »
Ho letto tutta l'estate dell'insistenza di Inzaghi per il 3-5-2, ma credo che quando si parla di numeri si rischia di fare confusione.
La Lazio non ha i giocatori per fare il 3-5-2, tanto meno quest'anno con la vendita di Biglia.
Il centrocampo a 3 (tipico del 3-5-2) e' stata una pregorativa di Pioli (allora con il 4-3-3) perche' avevamo due interpreti fantastici per quel modulo: Biglia e Parolo.
Il primo quasi unico nel ruolo di metronomo davanti alla difesa, il secondo il migliore incursore italiano che assiste ai lati il metronomo. Poi a turno si alternavano come terzo di cc Mauri o Lulic, anch'essi ottimi incursori anche se con caratteristiche diverse.
Gia' l'anno scorso con Inzaghi, l'esplosione di SMS come raccordo tra attacco e cc (e non come interno), ci ha portato a giocare sempre o con il 4-2-3-1 o con il 3-4-1-2, ma mai con il 3-5-2 a meno che non si pensi che SMS agisse come interno nei 3 di cc (sbagliato perche' non e' il suo ruolo).
Quest'anno con la vendita di Biglia (secondo me proprio perche' non piu' funzionale ad un cc a 2), con l'acquisto di Leiva (non assolutamente in grado di far giostrare la squadra ma di randellare bene bene) ed un Parolo che va verso i 32 anni e quindi non piu' fresco per le sue incursioni, il centrocampo a 3 per un 3-5-2 non e' mai stato (secondo me) considerato dal Mister.
Il modulo della Lazio nella testa del Mister (con la squadra al completo) fino al 30 agosto era il 3-4-1-2 o 3-4-2-1 a seconda della posizione di FA se piu' o meno vicino a Immobile.
Dall'acquisto di Nani bisognera' trovare un posto in piu' li' davanti ed un posto in meno al centro della difesa (che infatti si e' privata di Hoedt senza rimpiazzarlo) e quindi 4-2-3-1.
Da questo cambiamento potra' essere penalizzato Lukaku e Luis Alberto.
Con Wallace accanto a De Vrij, i due randellatori a cc e i 4 diavoli davanti credo ci leveremo delle soddisfazioni sia sul piano del gioco che del risultato.
Con l'assenza di Biglia e l'acquisto di Leiva la creazione di gioco si sposta più avanti, mentre sulla distruzione del gioco avversario hai rimpiazzato alla grande, il nostro 352 è il modulo di partenza poi sono d'accordo con te che le posizioni non sono mai fisse e l'interpretazione del ruolo che Milinkovic si da è diversa dall'interpretazione che si da Parolo, pur essendo entrambi "sulla carta " due mezze ali. Con caratteristiche diverse lui e Luis Alberto saranno gli incaricati di creare gioco e diventa interessante il giochino " chi tolgo?".
A mio avviso sarebbe sbagliato togliere dal campo Luis Alberto che si sta esprimendo bene ma può essere anche più incisivo, Milinkovic non ne parliamo. La prima chimera per Inzaghi sarà proprio questa: con l'ingresso di Nani in rosa, chi gli deve far spazio? Come cambia la Lazio?
Al momento forse è un bene che non sia in condizione, per studiare al meglio le varie opzioni e intanto affrontare il Milan con i due migliori fino adesso.
Io mi collocherei così: (3-4-2-1 ) Strakosha, Wallace, De Vrij, Radu, Lukaku, Leiva, Parolo, Basta, Milinkovic, Luis Alberto, Immobile.

Ho messo Lukaku perché è pronto, crea imprevidibilità e ha piedi migliori rispetto a Lulic, dall'altra parte Basta perché per un esterno di spinta contro il Milan ci vuole anche uno più basso che scali in difesa e mantenga la posizione, al momento è sicuramente più pronto rispetto a Marusic, in mezzo la coppia Leiva Parolo garantisce copertura alla oliata difesa a 3. Come mezze punte Milinkovic e Luis alberto garantiscono qualità visione di gioco e pericolosità al tiro.

I cambi Marusic, Lulic, Murgia sarebbero ottimi per dare lucidità nell'ultima mezzora senza perderci.
Re:Moduli, situazioni tattiche a partita in corso e gestione rosa (17/18)
« Risposta #5 il: 04 Set 2017, 10:49 »
due dubbi:

- secondo me Inzaghi molto difficilmente abbandonerà la difesa a 3. lo fará solo se costretto.

- per me Nani e Felipe, viste anche le coppe, di base si alterneranno. come sarebbe stato con Keita.

Offline Nico

*****
1134
Re:Moduli, situazioni tattiche a partita in corso e gestione rosa (17/18)
« Risposta #6 il: 04 Set 2017, 11:12 »
Vedere in campo insieme Immobile, FA, Nani, LA e il Sergente sarebbe fantastico ma tatticamente difficile.... quando tutti saranno a disposizione Inzaghi dovrà trovare la quadratura e non sarà semplicissimo...     

Offline DajeLazioMia

*****
41681
Re:Moduli, situazioni tattiche a partita in corso e gestione rosa (17/18)
« Risposta #7 il: 04 Set 2017, 11:36 »
due dubbi:

- secondo me Inzaghi molto difficilmente abbandonerà la difesa a 3. lo fará solo se costretto.

- per me Nani e Felipe, viste anche le coppe, di base si alterneranno. come sarebbe stato con Keita.
Concordo.
Nani gli devi far fare 25-28 partite tirato a lucido (alternandosi con Anderson), senza chiedergli di correre troppo in ripiego, il più possibile vicino alla porta. Nani poi anche a partita in corso ha la fucilata da fuori e il dribblig secco e può risolvertene parecchie.
Allora sì che ci divertiamo. Secondo me.
Poi chiaro che a volte giocheremo anche col tridente Anderson Immobile Nani o col 4231.
Re:Moduli, situazioni tattiche a partita in corso e gestione rosa (17/18)
« Risposta #8 il: 04 Set 2017, 14:10 »
Concordo.
Nani gli devi far fare 25-28 partite tirato a lucido (alternandosi con Anderson), senza chiedergli di correre troppo in ripiego, il più possibile vicino alla porta. Nani poi anche a partita in corso ha la fucilata da fuori e il dribblig secco e può risolvertene parecchie.
Allora sì che ci divertiamo. Secondo me.
Poi chiaro che a volte giocheremo anche col tridente Anderson Immobile Nani o col 4231.

già. e per me giusto così. credo sia più importante vedere questa situazione come un opportunità per affrontare al meglio il doppio impegno, piuttosto che come una maniera di incartarsi il cervello per trovare una quadra e mettere in campo tutte le figurine. anche perchè 1) o Nani si alterna con Felipone 2) o Nani e Felipe non hanno riserve.
Tutta la questione è: Igli nostro, famo che il 2 Gennaio ci porti un difensore da paura e s'abbracciamo duro.

Offline TheVoice

*****
4913
Re:Moduli, situazioni tattiche a partita in corso e gestione rosa (17/18)
« Risposta #9 il: 04 Set 2017, 21:07 »
Vedere in campo insieme Immobile, FA, Nani, LA e il Sergente sarebbe fantastico ma tatticamente difficile.... quando tutti saranno a disposizione Inzaghi dovrà trovare la quadratura e non sarà semplicissimo...     

Per me nella formazione di partenza ne giocheranno solo 2 su 4, salvo caso particolari o a partita in corso (per modificarne le sorti).

La difesa a 4 la vedremo poco a mio avviso

In corso

Offline Luca MCM

*
426
Re:Moduli, situazioni tattiche a partita in corso e gestione rosa (17/18)
« Risposta #10 il: 11 Set 2017, 11:01 »
Ieri Inzaghi ha totalmente vinto il duello tattico con Montella, che si è anche imbrigliato da solo schierando un centrocampo compassato e un attacco senza senso. Lo schieramento "trappola" 3-5-2,
difensivamente Milinkovic stava più basso rispetto a Luis Alberto, vero ago della bilancia ieri. Poi, quando la Lazio avanzava si creava una sorta di 3-2-4-1 dove le ali  Basta e Lulic andavano nello spazio allargando il Milan, che a sua volta creava spazi in mezzo dove Sergej Milinkovic, Luis Alberto e Immobile giostravano e spaziavano alla perfezione. Anche Parolo ha avuto modo di inserirsi in quel caso un esterno rimaneva più basso e accentrato.
La coppia Milinkovic e Luis Alberto in quella posizione garantisce imprevidibilità e qualità, fatico a immaginare una Lazio senza di loro in questo momento. Su Luis Alberto devo ribadire un concetto, ora, in questo stato di forma, è lui l'insostituibile. Certo, Immobile che non ha dietro tutto questa concorrenza, ma Luis finchè gioca così, gioca.
Parolo è tornato a grandi livelli, con Leiva formano una cerniera a centrocampo di alto livello.
Difesa senza sbavature.

Insistiamo nel rodare questo 3-4-2-1 mascherato da 3-5-2 e vediamo quando tornano Anderson e Nani che altre soluzioni possiamo adottare.
 

Powered by SMFPacks Alerts Pro Mod