Non conta il nome scritto dietro la maglietta, ma il simbolo davanti

0 Utenti e 15 Visitatori stanno visualizzando questo topic.

Non conta il nome scritto dietro la maglietta, ma il simbolo davanti
« il: 11 Mar 2015, 11:02 »
..che è il nostro motto, in sostanza.

La domanda è: questa idea di calcio, peraltro l'unica per noi praticabile in assenza di sceicchi, può davvero, con una buona programmazione diventare in qualche modo vincente, oppure, aldilà di belle prove, resteremo marginali?

Insomma il mantra lotitiano del: non è vero che vince chi spende di più, potrà diventare una solida realtà o resterà un sogno?





Offline Spartano

*
2083
Re:Non conta il nome scritto dietro la maglietta, ma il simbolo davanti
« Risposta #1 il: 11 Mar 2015, 11:11 »
Andrò pure controcorrente ma per me il nome scritto dietro ha molta importanza, io sono diventato tifoso della Lazio per Beppe Signori per esempio.

Offline fish_mark

*****
15968
Re:Non conta il nome scritto dietro la maglietta, ma il simbolo davanti
« Risposta #2 il: 11 Mar 2015, 11:14 »
I soldi non sono tutto, ma aiutano a vincere.
Se li hai qualche chances ce l'hai; se non li hai non hai nessuna chances.

Offline flender

*****
2035
Re:Non conta il nome scritto dietro la maglietta, ma il simbolo davanti
« Risposta #3 il: 11 Mar 2015, 11:39 »
Andrò pure controcorrente ma per me il nome scritto dietro ha molta importanza, io sono diventato tifoso della Lazio per Beppe Signori per esempio.

Il Beppe Signori di allora non era un campione, lo diventò alla Lazio. Quel Beppe Signori la Lazio di oggi se lo può permettere.

Offline fish_mark

*****
15968
Re:Non conta il nome scritto dietro la maglietta, ma il simbolo davanti
« Risposta #4 il: 11 Mar 2015, 11:45 »
Il Beppe Signori di allora non era un campione, lo diventò alla Lazio. Quel Beppe Signori la Lazio di oggi se lo può permettere.

Per la verità pagammo 10 cocuzze e aveva 24 anni.
Dovresti precisare il senso della tua affermazione.
Potremmo prendere il Signori che giocava con Baiano e Rambaudi o quello che esplose con Boksic e Rambaudi?
Re:Non conta il nome scritto dietro la maglietta, ma il simbolo davanti
« Risposta #5 il: 11 Mar 2015, 12:38 »
Per la verità pagammo 10 cocuzze e aveva 24 anni.
Dovresti precisare il senso della tua affermazione.
Potremmo prendere il Signori che giocava con Baiano e Rambaudi o quello che esplose con Boksic e Rambaudi?

si, ma non era un top, era un ragazzo che aveva segnato molto in quel Foggia lì

e comunque la domanda resta la stessa: solo coi soldi è possibile vincere? un budget minore, ben gestito, con attenzione, competenza e lungimiranza può colmare il gap?

Online Salohcin

*****
6145
Re:Non conta il nome scritto dietro la maglietta, ma il simbolo davanti
« Risposta #6 il: 11 Mar 2015, 12:40 »
Andrò pure controcorrente ma per me il nome scritto dietro ha molta importanza, io sono diventato tifoso della Lazio per Beppe Signori per esempio.
Io da piacentino ho iniziato a tifare Lazio seguendo Simone Inzaghi ;)

Offline fish_mark

*****
15968
Re:Non conta il nome scritto dietro la maglietta, ma il simbolo davanti
« Risposta #7 il: 11 Mar 2015, 12:40 »
si, ma non era un top, era un ragazzo che aveva segnato molto in quel Foggia lì

e comunque la domanda resta la stessa: solo coi soldi è possibile vincere? un budget minore, ben gestito, con attenzione, competenza e lungimiranza può colmare il gap?

Per vincere, ma cosa in particolare? Questa società ha già dimostrato di poter vincere qualcosa.
Per vincere la posta massima - lo scudetto, tanto per capirsi - deve spendere di più. E' matematica applicata al calcio.

Offline flender

*****
2035
Re:Non conta il nome scritto dietro la maglietta, ma il simbolo davanti
« Risposta #8 il: 11 Mar 2015, 12:48 »
Per la verità pagammo 10 cocuzze e aveva 24 anni.
Dovresti precisare il senso della tua affermazione.
Potremmo prendere il Signori che giocava con Baiano e Rambaudi o quello che esplose con Boksic e Rambaudi?

Il senso mi sembra chiaro, 10 cucuzze te le puoi permettere oggi per un giocatore.
Se riesci a prendere a prezzi ancora relativamente contenuti gente del calibro di FA, DeVrij, Biglia, Candreva per me qualche chance ce l'hai. Il fatturato conta, ma conta più saper spendere. Una buona dose di fortuna, strategia e programmazione aiutano.

Offline charlie

*
8959
Re:Non conta il nome scritto dietro la maglietta, ma il simbolo davanti
« Risposta #9 il: 11 Mar 2015, 12:49 »
A me il processo sembra chiaro: crescita costante, sia per il mercato, sia per il monte ingaggi.

Offline fish_mark

*****
15968
Re:Non conta il nome scritto dietro la maglietta, ma il simbolo davanti
« Risposta #10 il: 11 Mar 2015, 12:52 »
Il senso mi sembra chiaro, 10 cucuzze te le puoi permettere oggi per un giocatore.
Se riesci a prendere a prezzi ancora relativamente contenuti gente del calibro di FA, DeVrij, Biglia, Candreva per me qualche chance ce l'hai. Il fatturato conta, ma conta più saper spendere. Una buona dose di fortuna, strategia e programmazione aiutano.

Per la verità i top player dell'epoca, quelli affermati e sulla cresta dell'onda, andavano via con 15-20 miliardi.
Quindi, non fu proprio un prezzo d'occasione, anche perché nel frattempo cedevamo un certo Ruben Sosa pressappoco alla stessa cifra.
Re:Non conta il nome scritto dietro la maglietta, ma il simbolo davanti
« Risposta #11 il: 11 Mar 2015, 12:53 »
Per vincere, ma cosa in particolare? Questa società ha già dimostrato di poter vincere qualcosa.
Per vincere la posta massima - lo scudetto, tanto per capirsi - deve spendere di più. E' matematica applicata al calcio.

e quindi per vincere uno scudetto, siamo out, fuori, secondo te con questo management
non intravedi un processo che pian piano ti può portare a dama

io sono più ottimista
Re:Non conta il nome scritto dietro la maglietta, ma il simbolo davanti
« Risposta #12 il: 11 Mar 2015, 12:55 »
In alto ci puoi arrivare . Il problema e' che poi NON ci resti .

Con tutti i rischi annessi e connessi .

Quindi GRAZIE LOTITO ma se arriva Bulat Utemuratov a me va bene .  :p
Re:Non conta il nome scritto dietro la maglietta, ma il simbolo davanti
« Risposta #13 il: 11 Mar 2015, 12:58 »
In alto ci puoi arrivare . Il problema e' che poi NON ci resti .

Con tutti i rischi annessi e connessi .

Quindi GRAZIE LOTITO ma se arriva Bulat Utemuratov a me va bene .  :p

certo, restare al vertice è complicato
non a caso solo la juve ci riesce

però se arrivi costantemente in CL aumentano i ricavi, se farai il tuo stadio pure, se lavori con intelligenza e senza l'arroganza stolta delle merde, puoi crescere molto, anche in dimensione europea con questa Lazio, con questa gestione...

non è impossibile

Offline fish_mark

*****
15968
Re:Non conta il nome scritto dietro la maglietta, ma il simbolo davanti
« Risposta #14 il: 11 Mar 2015, 12:58 »
e quindi per vincere uno scudetto, siamo out, fuori, secondo te con questo management
non intravedi un processo che pian piano ti può portare a dama

io sono più ottimista

Il mio ottimismo non arriva a tanto, ma mi godo il momento che è strepitoso.
Per arrivare a dama servono un paio di carichi, di quelli buoni.

Offline Duca

*****
6197
Re:Non conta il nome scritto dietro la maglietta, ma il simbolo davanti
« Risposta #15 il: 11 Mar 2015, 12:59 »
..che è il nostro motto, in sostanza.

La domanda è: questa idea di calcio, peraltro l'unica per noi praticabile in assenza di sceicchi, può davvero, con una buona programmazione diventare in qualche modo vincente, oppure, aldilà di belle prove, resteremo marginali?

Insomma il mantra lotitiano del: non è vero che vince chi spende di più, potrà diventare una solida realtà o resterà un sogno?


Atletico Madrid Docet...

Offline hidalgo

*
5125
Re:Non conta il nome scritto dietro la maglietta, ma il simbolo davanti
« Risposta #16 il: 11 Mar 2015, 13:02 »

..che è il nostro motto, in sostanza.

La domanda è: questa idea di calcio, peraltro l'unica per noi praticabile in assenza di sceicchi, può davvero, con una buona programmazione diventare in qualche modo vincente, oppure, aldilà di belle prove, resteremo marginali?

Insomma il mantra lotitiano del: non è vero che vince chi spende di più, potrà diventare una solida realtà o resterà un sogno?
Riuscire ad essere un outsider occasionale può capitare.
Successe al Verona di Bagnoli, alla Samp di Mancini, il Vicenza del giovane Paolo Rossi, al Perugia di Castagner.
Nel calcio moderno è tutta un'altra storia.
Paradossalmente avere budget illimitato può non essere necessariamente la soluzione.
Bisogna saperli investire con intelligenza.
Le spese folli di Moratti negli anni della sua presidenza avrebbero dovuto fruttargli almeno 10 scudetti, fosse così semplice.
C'è bisogno del giusto equilibrio.
Su questo aspetto la Lazio di quest'anno sta dando ragione a Lotito e Tare.
Senza il minimo dubbio.

Offline fish_mark

*****
15968
Re:Non conta il nome scritto dietro la maglietta, ma il simbolo davanti
« Risposta #17 il: 11 Mar 2015, 13:02 »

Atletico Madrid Docet...

Non è proprio così semplice semplice, facile facile.
Bisognerebbe comprare giocatori fortissimi a mezzi i con certe finanziarie con sede nelle Bahamas. Cose abbastanza spregiudicate e inquietanti.

Offline carib

*****
28260
Re:Non conta il nome scritto dietro la maglietta, ma il simbolo davanti
« Risposta #18 il: 11 Mar 2015, 13:04 »
Il fatturato conta, ma conta più saper spendere. Una buona dose di fortuna, strategia e programmazione aiutano.
Ottima sintesi.

Offline flender

*****
2035
Re:Non conta il nome scritto dietro la maglietta, ma il simbolo davanti
« Risposta #19 il: 11 Mar 2015, 13:06 »
Per la verità i top player dell'epoca, quelli affermati e sulla cresta dell'onda, andavano via con 15-20 miliardi.
Quindi, non fu proprio un prezzo d'occasione, anche perché nel frattempo cedevamo un certo Ruben Sosa pressappoco alla stessa cifra.

Scusami non afferro il senso, lo so che non era un prezzo d'occasione, anche se ricordavo meno, il succo del mio è, si può vincere lo scudetto con questo tipo di acquisti. Hernanes, Biglia ma anche i Parolo ed i Basta.
 

Powered by SMFPacks Alerts Pro Mod