Aereo russo caduto nel Sinai, non si esclude attentato

0 Utenti e 26 Visitatori stanno visualizzando questo topic.

Offline anderz

*
8270
Aereo russo caduto nel Sinai, non si esclude attentato
« il: 02 Nov 2015, 11:52 »


Re:Aereo russo caduto nel Sinai, non si esclude attentato
« Risposta #1 il: 02 Nov 2015, 15:34 »
Ad occhio e croce sembra una Bomba

Offline anderz

*
8270
Re:Aereo russo caduto nel Sinai, non si esclude attentato
« Risposta #2 il: 02 Nov 2015, 15:46 »
Strano come le autorità russe ed egiziane si siano affrettate a smentire in fretta e furia  l'attentato mentre ora "non escludono".
Re:Aereo russo caduto nel Sinai, non si esclude attentato
« Risposta #3 il: 02 Nov 2015, 16:10 »
Strano come le autorità russe ed egiziane si siano affrettate a smentire in fretta e furia  l'attentato mentre ora "non escludono".

direi che ce sta...
intanto dichiarano che non è un attentato e poi valutano gli eventi.
Comunque come fanno i russi ad andare ncora in vacanza in quei posti, questo è un mistero.

Offline anderz

*
8270
Re:Aereo russo caduto nel Sinai, non si esclude attentato
« Risposta #4 il: 02 Nov 2015, 16:41 »
MOSCOW— The break-up of a Russian passenger jet in mid-flight over the Sinai peninsula was not caused by malfunction or pilot error, the airline said Monday, deepening the mystery over the disaster but leaving open probes into some kind of plot or attack.

The latest statements in Moscow gave no indications of the direction of the investigations into Saturday’s crash that killed all 224 aboard. But Alexander Smirnov, deputy general director of the airline, insisted the tragedy could only be the result of some “mechanical impact on the aircraft.”
Dmitri Peskov, the personal spokesman to Russian President Vladimir Putin, said that an act of terrorism had not been ruled out, but urged patience until the investigation presents its results.

Putin called the crash an “enormous tragedy.”

“The plane was in excellent condition,” Smirnov told the news conference. “We rule out a technical fault and any mistake by the crew.”

Smirnov said the crash could not have occurred because of either a fuel problem or engine failure, as neither would lead to the plane breaking up in midair. He declined to elaborate on the theory of an “impact.”
The statement, however, could further draw attention to claims by the Islamic State-linked faction in the Sinai that it brought down the ­Metrojet Airbus 321-200 — an assertion quickly dismissed by Russian officials but leading some international carriers to reroute flights away from the Sinai.

Some defense experts also have raised strong doubts over whether the Islamic State would have missile systems capable to hitting an airliner at 31,000 feet.

Prime Minister Dmitry Medvedev called for a thorough investigation into the crash of the St. Petersburg-bound plane, which about 22 minutes into the flight from the Egyptian resort city of Sharm el-Sheikh.

“The key task is to investigate in detail what caused the tragedy,” Medvedev said in remarks shown by Rossiya-24 state television.

In Egypt, the prime minister’s office said the search for wreckage is likely to end Monday, and experts from Russia, Egypt and the airline will examine the recovered flight recorder.
Meanwhile, an emergency ministry plane with the remains of 144 victims of the crash arrived in St. Petersburg, Russia’s second largest city .

In St. Petersburg, two white trucks ferried the remains of the passengers of Kogalmyavia Flight 9268 from the tarmac to a city crematorium for identification by relatives. The government of St. Petersburg extended an official period of mourning through Monday, and makeshift memorials have appeared at the city’s main Pulkovo airport.

In Russia, the crash is being called the deadliest aviation disaster in the country’s history.

The repatriation of the remains came as Russian labor officials said Monday that Kogalymavia, the airline managing the charter flight, had not paid its employees in the last two months due to financial difficulties.

“The size of the debt is being assessed,” the press service for Rostrud, Russia’s Federal Labor Agency, wrote in a statement. Russian airlines are in severe financial distress because of the country’s economic crisis, and Transaero, Russia’s second-biggest airline, was grounded after filing for bankruptcy this month.

At the press conference, representatives for Kogalymavia confirmed they had held wages from employees, but denied that could have led to reduced safety standards.

Russian charter and domestic airlines have long had a spotty safety record, and a pilot on the Metrojet flight complained to his wife about the condition of the ­Airbus 321-200 shortly before take-off, Russian state television reported.
However, the pilot did not send an SOS signal before the crash, Egyptian Civil Aviation Minister Hossam Kamal said, and the plane broke up in midair, spreading debris over seven square miles, according to a senior Russian aviation official on a visit to the crash site this weekend.

Metrojet officials said the same jetliner sustained damage when the tail struck the runway during a landing in Cairo in 2001, but was repaired by Airbus and regularly inspected since then. At the time, the aircraft serviced flights run by Middle East Airlines.

Modern planes do not usually fall apart in flight, barring an explosion caused by a bomb or missile, but Viktor Sorochenko, an official with Russia’s Interstate Aviation Committee, said it is too early to tell what caused the crash.

The plane crashed in a remote area of central Sinai, a large desert expanse where Islamist militants are waging a violent anti-government insurgency.

The crash occurred just weeks after Russian warplanes began targeting rebel positions in Syria, and the Islamic State’s Sinai affiliate was quick to seize the opportunity to declare that it had shot down the plane in retaliation.

Both Russian and Egyptian officials have denied claims by the Islamic State militant group that it had downed the plane, however.

Russian Transport Minister Maxim Sokolov was in Egypt with a team of experts to help with the investigation, but said “little information” had been gathered so far, the Reuters news agency reported Sunday.

Egyptian officials said the Civil Aviation Ministry was analyzing data from two recovered flight recorders now at the ministry headquarters in Cairo.

Four major international airlines and a regional carrier announced they would avoid flying over Sinai until investigators know what caused the crash of Flight 9268. The move by Lufthansa, Air France-KLM, Qatar Airways and the Dubai-based Emirates and FlyDubai airlines to divert flights from Sinai’s airspace underscored growing international concerns about the jihadists’ reach in the region.

The only U.S. airline that flies in the region, United, does “not see a need” to change its routes at this time, a spokesman said Sunday.

Germany’s Transportation Ministry urged the country’s airlines not to use the route the Russian plane was flying when it crashed, according to the Associated Press. Before the crash, the ministry had issued a warning to airlines about flying over the northern part of the peninsula, which is a militant stronghold.

The Islamic State’s local affiliate is believed by security experts to possess shoulder-fired anti-aircraft missiles that can hit low-flying aircraft in the area. But those weapons systems are not capable of hitting aircraft above 10,000 feet, analysts say.

In July 2014, Malaysian Airlines Flight 17 was shot down over eastern Ukraine by a warhead fired from a Russian-built Buk missile system, Dutch investigators said. That plane was flying at 33,000 feet after its departure from Amsterdam airport.

If militants in the Sinai were responsible for the destruction of the Russian airliner Saturday, they could only have done so with the acquisition of a similar sophisticated weapons system — or through the placement of a bomb while the plane was still on the ground.

Offline anderz

*
8270
Re:Aereo russo caduto nel Sinai, non si esclude attentato
« Risposta #5 il: 09 Nov 2015, 09:27 »
L'ipotesi attentato è sempre più convincente
Lo sostengono ormai molte fonti diverse, sulla base delle registrazioni della scatola nera e di alcune intercettazioni ai miliziani

18121
Tra il pomeriggio e la sera di venerdì 6 novembre sono uscite due nuove notizie sull’aereo russo della compagnia Metrojet che è precipitato il 31 ottobre sulla penisola del Sinai, in Egitto: le due novità – una riguardante un’esplosione che secondo alcuni si sente dalla scatola nera dell’aereo e l’altra su alcune informazioni ottenute dalle intelligence di Regno Unito e Stati Uniti – sembrano rafforzare l’ipotesi che l’aereo si sia schiantato a causa dell’esplosione di una bomba a bordo, uno scenario ritenuto sempre più probabile anche da diversi analisti che si occupano di terrorismo. L’aereo di Metrojet era partito da Sharm el-Sheikh, in Egitto, ed era diretto a San Pietroburgo, in Russia: tutte le 224 persone a bordo sono morte. Nel pomeriggio il ministro dell’Aviazione civile egiziano ha rafforzato senza citarla l’ipotesi della presenza di una bomba, spiegando che «nell’ultimo secondo della registrazione [delle scatole nere] è presente un rumore».


Lo schianto era stato rivendicato quasi subito dalla provincia del Sinai, un gruppo terroristico che nel novembre del 2014 ha dichiarato fedeltà allo Stato Islamico (o ISIS). La provincia del Sinai non ha ancora fornito prove inconfutabili della sua responsabilità nell’attentato, ma ha detto che presto le pubblicherà. Dopo l’iniziale diffidenza, diversi analisti ed esperti di terrorismo stanno cominciando a ritenere più credibile l’ipotesi di un attentato.

La scatola nera, le fonti dell’intelligence
La scatola nera dell’aereo è stata ritrovata in buone condizioni e da giorni viene esaminata dagli investigatori egiziani che si stanno occupando di capire quanto successo. Venerdì sia i media francesi che BBC hanno detto di avere parlato con alcune loro fonti – tra cui funzionari dell’aviazione francese che sono voluti rimanere anonimi – che hanno riferito che ascoltando le registrazioni della scatola nera si può sentire il rumore di un’esplosione (una fonte di BBC la definisce «violenta e improvvisa»).
Le indiscrezioni sul contenuto della scatola nera sono state poi rafforzate da un nuovo articolo di Reuters costruito sulla base di fonti dell’intelligence. Secondo le fonti di Reuters, i servizi segreti britannici e americani hanno intercettato una conversazione fra sospetti miliziani che sembrano suggerire che una bomba nascosta nella stiva abbia causato l’incidente. Una delle fonti di Reuters ha spiegato: «non possiamo esserne ancora totalmente sicuri, ma c’è una pista credibile che porta all’ipotesi della bomba». Il ministro degli Esteri egiziano ha però detto che le informazioni raccolte dai servizi segreti stranieri non sono state condivise col governo egiziano.

Cosa succede laggiù
Intanto la situazione nel Sinai è piuttosto confusa da diversi giorni: diverse importanti compagnie aeree europee avevano sospeso i propri voli da e per Sharm el-Sheikh e migliaia di turisti erano rimasti bloccati nei loro hotel. Da venerdì varie compagnie hanno però attivato alcuni “voli di emergenza” per recuperare i turisti occidentali ancora nel Sinai. A causa di problemi con le autorità egiziane, della ventina di voli previsti ieri ne sono partiti solo 8 (fra cui non c’è il volo Easyjet che doveva arrivare a Milano Malpensa venerdì pomeriggio). Anche oggi sono previsti circa venti voli, ma non è chiaro se tutti verranno effettuati. La compagnia Easyjet per esempio ha cancellato un nuovo volo per Malpensa previsto per le 17 di oggi, e ha fatto sapere che oggi effettuerà due soli voli, entrambi diretti nel Regno Unito.
Una portavoce dell’unione russa per il turismo, un’associazione che raccoglie le aziende del settore, ha detto che in Egitto ci sono ancora «quasi 80mila turisti russi» – ieri era circolata una cifra più bassa: 45mila – ma che non esiste alcun piano di evacuazione di emergenza. Il vice-primo ministro russo Arkady Dvorkovich ha precisato che «i turisti russi torneranno quando lo prevede il loro programma. La maggior parte della gente ha prenotato per due settimane: quindi rientreranno nel giro di due settimane». Per far rientrare i primi turisti, sabato il governo russo invierà 44 aerei vuoti nel Sinai, per recuperare alcuni dei turisti presenti a Sharm el-Sheikh e Hurgada (un’altra nota località turistica). I governi di Danimarca, Norvegia e Finlandia hanno invece deciso di sospendere i voli per l’aeroporto di Sharm el-Sheikh.
Nel corso di un altro incidente avvenuto lo scorso agosto, un aereo inglese che stava atterrando all’aeroporto di Sharm el-Sheikh, ha dovuto evitare un missile sparato da terra. I piloti hanno compiuto una manovra di emergenza e il missile è passato a circa 300 metri dall’aereo. I passeggeri a bordo non si sono accorti di nulla e l’aereo è atterrato regolarmente. Il governo inglese ha confermato venerdì l’incidente dicendo che le indagini hanno dimostrato che il missile era stato sparato per errore nel corso di un’esercitazione dell’esercito egiziano.
 

Powered by SMFPacks Alerts Pro Mod