Piazza Tienanmen

0 Utenti e 22 Visitatori stanno visualizzando questo topic.

Piazza Tienanmen
« il: 04 Giu 2020, 13:07 »
30 anni fa oggi.
Oggi vietate manifestazioni in Cina e a Hong Kong.....
Un pensiero per le persone dimenticate.


Offline FatDanny

*****
19456
Re:Piazza Tienanmen
« Risposta #1 il: 04 Giu 2020, 13:55 »
Premessa non rivolta ad AN, ma al tema:

Il peggiore ricordo di Tienanmen, così come degli eroici rivoltosi ungheresi e cecoslovacchi di qualche anno prima, è la spregevole strumentalizzazione nei loro confronti in chiave anticomunista.
Una seconda barbarie compiuta sulle loro persone.
Tienanmen esplode con le celebrazioni da parte degli studenti del segretario generale del partito comunista da poco deceduto.
La rivolta ungherese nasce "a sinistra" del regime di allora, chiedendo democrazia e potere diretto agli organismi popolari e in termini simili potremmo parlare della vicenda cecoslovacca.

Se davvero si hanno a cuore questi "dimenticati" mi sembra il minimo ricordarli per quello che erano e soprattutto secondo gli ideali per cui lottavano.
Penso che se le mie critiche allo stalinismo venissero usate un giorno per promuovere il liberismo sfrenato mi incazzerei non poco.

Con Tienanmen, con gli studenti ungheresi, con i rivoltosi di ogni epoca.
Sempre e per sempre dalla stessa parte mi troverai


Re:Piazza Tienanmen
« Risposta #2 il: 04 Giu 2020, 13:57 »
A mio avviso una delle più belle e importanti vignette della storia della satira politica in Italia.
Ebbi modo di dirglielo anche personalmente.


Offline carib

*****
28615
Re:Piazza Tienanmen
« Risposta #3 il: 04 Giu 2020, 14:11 »
Gli anni son 31 :-)

A proposito di ideali, qui una testimonianza diretta

https://left.it/2020/06/04/democracy-and-freedom-lutopia-degli-studenti-di-piazza-tienanmen/

Offline orchetto

*****
12460
Re:Piazza Tienanmen
« Risposta #4 il: 04 Giu 2020, 19:22 »
La rivolta ungherese nasce "a sinistra" del regime di allora
Quella cecoslovacca e quella di tien a men hanno avuto componenti di sinistra al loro interno, quella ungherese che citi era una rivolta reazionaria, tra l'altro raccontata con pienezza di fake news ante litteram dai giornali dell'epoca.

Offline FatDanny

*****
19456
Re:Piazza Tienanmen
« Risposta #5 il: 04 Giu 2020, 20:14 »
Siamo OT riguardando il topic Tienanmen, comunque qui una ricostruzione dei fatti di Ungheria da parte di uno storico marxista:

https://www.assaltoalcielo.it/2016/11/11/la-rivoluzione-ungherese-dei-consigli-operai/

A prescindere da questa interpretazione storica da me condivisa senza dubbio opinabile, basti pensare che al governo nagy collaborarono persone come lukacs e che al termine della rivolta nagy si rifugió nell'ambasciata jugoslava e non in una occidentale.
Soprattutto si possono prendere in considerazione i 16 punti programmatici avanzati dagli insorti che tutto mi sembrano fuorché reazionari.
Richieste più che legittime, oserei dire sacrosante.

Credo che questi elementi puramente fattuali e insindacabili la dicano lunga sulla natura del processo, la loro interpretazione resta invece sindacabilissima.
Ad esempio a me reazionaria (e ultranazionalista) sembra proprio l'Unione sovietica dell'epoca.
Opinioni.

Eot
Re:Piazza Tienanmen
« Risposta #6 il: 04 Giu 2020, 20:34 »
Siamo OT riguardando il topic Tienanmen, comunque qui una ricostruzione dei fatti di Ungheria da parte di uno storico marxista:

https://www.assaltoalcielo.it/2016/11/11/la-rivoluzione-ungherese-dei-consigli-operai/

A prescindere da questa interpretazione storica da me condivisa senza dubbio opinabile, basti pensare che al governo nagy collaborarono persone come lukacs e che al termine della rivolta nagy si rifugió nell'ambasciata jugoslava e non in una occidentale.
Soprattutto si possono prendere in considerazione i 16 punti programmatici avanzati dagli insorti che tutto mi sembrano fuorché reazionari.
Richieste più che legittime, oserei dire sacrosante.

Credo che questi elementi puramente fattuali e insindacabili la dicano lunga sulla natura del processo, la loro interpretazione resta invece sindacabilissima.
Ad esempio a me reazionaria (e ultranazionalista) sembra proprio l'Unione sovietica dell'epoca.
Opinioni.

Eot
FD, io non ne faccio una questione se i tentativi di manifestazione, le motivazioni dietro fossero a sinistra della sinistra o meno.
Ne faccio una questione di libertà.
La libertà di manifestare e di far valere (meglio se pacificamente) le proprie idee e i propri valori. Questo non è potuto succedere allora, non è successo nei regimi dittatoriali a tutte le latitudini a partire dal Sud America, e sta succedendo ancora oggi in tanti paesi del mondo.

Offline FatDanny

*****
19456
Re:Piazza Tienanmen
« Risposta #7 il: 05 Giu 2020, 13:25 »
Certamente Adler, anche avessero avuto altra origine sarebbe stata legittima l'espressione del dissenso, sottolineavo questo aspetto da una parte perché appare ancora più evidente il paradosso della repressione, dall'altra però perché non ha molto senso parlarne in chiave anticomunista.
Ha invece molto senso sottolineare quel che quei regimi sono diventati partendo da un'ideale comunista. Molto senso, a prescindere da come la si pensi.
Non è qualcosa, ad esempio, su cui non mi interrogo.
Ravvedo anch'io nella tradizione comunista un seme malato, marcio, che tende all'assolutismo identificando il proprio credo con "il bene della classe".
Per questo faccio del pluralismo politico un vero e proprio dogma. Anche fosse guidato dalla logica razionale fatta persona/organizzazione, anche raggiungesse straordinari traguardi un qualsiasi regime a partito unico è malato e marcio di per sé.
Re:Piazza Tienanmen
« Risposta #8 il: 05 Giu 2020, 14:02 »
Certamente Adler, anche avessero avuto altra origine sarebbe stata legittima l'espressione del dissenso, sottolineavo questo aspetto da una parte perché appare ancora più evidente il paradosso della repressione, dall'altra però perché non ha molto senso parlarne in chiave anticomunista.
Ha invece molto senso sottolineare quel che quei regimi sono diventati partendo da un'ideale comunista. Molto senso, a prescindere da come la si pensi.
Non è qualcosa, ad esempio, su cui non mi interrogo.
Ravvedo anch'io nella tradizione comunista un seme malato, marcio, che tende all'assolutismo identificando il proprio credo con "il bene della classe".
Per questo faccio del pluralismo politico un vero e proprio dogma. Anche fosse guidato dalla logica razionale fatta persona/organizzazione, anche raggiungesse straordinari traguardi un qualsiasi regime a partito unico è malato e marcio di per sé.

Certo, ma tu sei un apostata.

E non sei Laziale per caso, ovvio.

Offline FatDanny

*****
19456
Re:Piazza Tienanmen
« Risposta #9 il: 06 Giu 2020, 11:00 »
Ma non è affatto vero che sono io ad essere l'apostata, il problema è che c'è un enorme scarto tra quello che pensano quelli come me e come sono rappresentati, grazie anche all'esistenza di macchiette folkloristiche (evito di fare nomi ma sono davanti agli occhi di tutti).
La rappresentazione becera della sinistra radicale, volta a screditarne i contenuti e quindi a ridurne la pericolosità, è il leitmotiv della mia vita.
Peggio che con la Lazio, pensa tu che può essere (e pensa a viverla doppia :lol:).

Un esempio su tutti: la foto di Tienanmen venne scelta per la tessera di democrazia proletaria del 1990.
Non vent'anni dopo per ravvedersi. La prima tessera dopo quei fatti aveva quel soggetto.
Una scelta che più chiara di così non si può.

 

Powered by SMFPacks Alerts Pro Mod