Quesito giuridico

0 Utenti e 40 Visitatori stanno visualizzando questo topic.

Online Splash

*****
33644
Quesito giuridico
« il: 13 Mag 2019, 19:52 »
Visto che non ne capisco molto e visto che sono costretto a lavorare sotto una societa` per buona parte del capitale italiana, volevo porgervi un quesito riguardo ad un punto sul nuovo contratto. Magari voi che lavorate sotto la legislazione italiana potete aiutarmi a capire meglio.

Sotto la voce Corsi di Formazione, ci sono i seguenti punti :

1. Dietro richiesta del Datore di Lavoro, il Dipendente e` obbligato a frequentare un corso formativo da svolgersi in Italia, nonche` tutti i corsi formativi svolti dal Datore di Lavoro e/o da terzi indicati dal Datore di lavoro, da svolgere in Albania e/o all`estero.

2.I costi relativi al corso formativo ed alle spese riguardanti vitto, allogio e transporto del Lavoratore sono a carico del Datore di Lavoro. Quando il corso formativo ha luogo all`estero, le spese del trasporto del Lavoratore sono a carico del Datore del Lavoro solo nella misura comprendente:
a) il viaggio di andata all`inizio del corso formativo;
b) il viaggio di ritorno al termine dello stesso;
c) il trasporto locale all`estero che si rende necessario per la frequentazione del corso
d) i viaggi ordinati in scritto dal Datore di Lavoro


3. Nel caso in cui, successivamente al termine del percorso formativo il Dipendente risolvera` unilateralmente il contratto di lavoro entro sei mesi dal termine della formazione, il Dipendente sara` obbligato a restituire tutti i costi e le spese pagate dal Datore di Lavoro per la formazione del dipendente

4. Al termine del corso formativo, il Datore di Lavoro ed il Dipendente firmeranno l`apposito verbale dove saranno specificati tutti i costi e spese sostenute dal Datore di Lavoro per la formazione del Lavoratore, nonche` le condizioni, termini e modalita` di restituzione della summenzionata somma nell`eventualita` di applicazione dell`art. 3 del presente contratto.


Poi, in un allegato del documento, intitolato Integrazione del contratto di lavoro, c`e` pure il seguente punto :

2. Informazione ed accettazione del rimborso di ogni corso di formazione che viene organizzato dal datore di lavoro all`interno del paese e all`estero.

2.1 Ogni corso di formazione o ogni viaggio per ragioni professionali che verra` organizzato dal datore di lavoro per il dipendente durante l`orario di lavoro con la condizione pero` che il raporto di lavoro continui per altri 2 anni dal momento del corso di formazione o del viaggio effettuato, altrimenti in caso di giusta causa o anche senza da entrambe le parti, questo rapporto di lavoro cessi prima di questo termine, il dipendente dovra` al datore di lavoro la somma spesa e ogni spesa amministrativa sostenuta per egli per corso di formazione o viaggio.


Le domande sono : secondo questo contratto, io sono obbligato a prendere parte a questi corsi di formazione oppure no? Nel caso ci prendessi parte, sarei costretto a pagare in caso di risoluzione unilaterale da parte mia oppure in ogni caso di risoluzione, fino a 2 anni dal termine del corso (nel mondo in cui lavoro, ambito informatico, 2 anni sono un`eternita`)?
Abbiamo chiesto spiegazioni, ma le risposte non sono state convincenti e ci hanno detto che aggiungerano qualcosa sull`allegato, del tipo "sara` costretto a rimborsare i costi nel caso accetti di prendere parte al corso" o qualcosa di simile.

Chiedo scusa se vi ho fatto perdere tempo e chiedo scusa alla signora lazionet se non e` permesso postare questi quesiti sul forum. Non bannatemi :DD


Re:Quesito giuridico
« Risposta #1 il: 13 Mag 2019, 23:29 »
a leggere quello che hai postato la risposta e' si ad entrambe le domande.

visto pero' che non sono stati convincenti con le risposte e devono aggiungere altro, ti/vi consiglio di cercarvi un avvocato. puo' darsi non stiano facendo le cose in perfetta regola, ma per quello ci serve uno esperto in materia.

Online Splash

*****
33644
Re:Quesito giuridico
« Risposta #2 il: 14 Mag 2019, 11:49 »
Per diverse ragioni, rincorrere all`avvocato credo sia poco percorribile, in tal caso sarebbe molto piu` semplice cambiare lavoro. Aspettero` le modifiche nel frattempo, ma non mi aspetto molto, e quindi mi sa che non firmero` e cercero` qualcos`altro.

Offline arturo

*****
9638
Re:Quesito giuridico
« Risposta #3 il: 14 Mag 2019, 12:02 »
è un pò contorto , non si capisce bene se la restituzione dei costi sostenuti dal datore siano da restituire sempre o solo nel caso di dimissioni volontarie del dipendente.

Re:Quesito giuridico
« Risposta #4 il: 14 Mag 2019, 16:08 »
Se sei assunto in Albania e si applicano il diritto del lavoro e la legislazione sociale locali una risposta ai tuoi quesiti può dartela un giuslavorista albanese. A leggerlo senza cognizione di causa io trovo che l'allegato e la voce corsi di formazione siano per lo meno un po' contraddittori. Se si applicassero il diritto del lavoro e la legislazione sociale italiani ti direi che un contratto del genere non sta né in cielo né in terra.
Re:Quesito giuridico
« Risposta #5 il: 15 Mag 2019, 11:57 »
Non credo che il fatto che la società sia di proprietà italiana abbia una qualche rilevanza.
Io lavoro in Italia per una società italiana di proprietà 100% svedese, ma il mio rapporto di lavoro è regolato dalla legislazione italiana.

Immagino quindi che sia lo stesso in Albania: se la "legal entity" è albanese, vale la legislazione albanese, come diceva chi mi ha preceduto.

In Italia dubito che quelle clausole avrebbero qualche valore: è parte del rischio d'impresa investire nella formazione del lavoratore e tenerlo legato a se.
Al limite potrei capire il discorso sulla formazione (ma solo nel caso di roba a livello master, non corsi di una settimana), i viaggi per lavoro invece sono sempre e solo a carico dell'azienda.




 

Powered by SMFPacks Alerts Pro Mod