CN11,5

0 Utenti e 6 Visitatori stanno visualizzando questo topic.

Offline arturo

*****
10678
Re:CN11,5
« Risposta #420 il: 13 Gen 2019, 00:32 »
Allora, da casa.
Il coro : su cantiamo insieme... E la disoccupazione ha creato.
Ci sono stati a metà primo tempo, i telecronisti di merda, che evidentemente non li avevano sentiti in diretta, hanno letto l'agenzia di stampa a circa 15 minuti dalla fine.
Re:CN11,5
« Risposta #421 il: 13 Gen 2019, 00:35 »
Saranno stati sedicenti "laziali" appartenenti ad un gruppo ormai inattivo da tempo. In risposta agli adesivi antisemiti di qualche giorno fa dei romanisti.

Offline Achab77

*****
4051
Re:CN11,5
« Risposta #422 il: 13 Gen 2019, 01:06 »
Solo una riflessione "a monte": non prestare il fianco, per quanto mi riguarda, significa cercare di elaborare un vocabolario più ampio e connotare gli avversari con epiteti anche variopinti ma diversi. Per me i romanisti sono m.erde, non sono "ebrei". Non pretendo che si smetta di perpetrare un'usanza che è sempre stata molto diffusa nella nostra curva, così come è invece successo per i cori su Lotito, magicamente debellati. Però il nuovo corso che prevede la Lazio come bene comune superiore a tutti stride un po' con queste manifestazioni anche estemporanee, anche sussurrate, che non fanno altro che prepararci un'altra bella stagione disseminata di veleni, trappole e sanzioni di vario tipo.
E questo, sia chiaro, almeno per me NON È il bene della Lazio.

Offline pan

*
2337
Re:CN11,5
« Risposta #423 il: 13 Gen 2019, 02:02 »
Solo una riflessione "a monte": non prestare il fianco, per quanto mi riguarda, significa cercare di elaborare un vocabolario più ampio e connotare gli avversari con epiteti anche variopinti ma diversi. Per me i romanisti sono m.erde, non sono "ebrei". Non pretendo che si smetta di perpetrare un'usanza che è sempre stata molto diffusa nella nostra curva, così come è invece successo per i cori su Lotito, magicamente debellati. Però il nuovo corso che prevede la Lazio come bene comune superiore a tutti stride un po' con queste manifestazioni anche estemporanee, anche sussurrate, che non fanno altro che prepararci un'altra bella stagione disseminata di veleni, trappole e sanzioni di vario tipo.
E questo, sia chiaro, almeno per me NON È il bene della Lazio.

ma chi lo fa VUOLE prestare il fianco. è fatto apposta. non riescono a concepire la Lazio scollegata dal loro credo politico e dalla nomea di fasci puri che li inorgoglisce e rende famosi nell'ambiente ultras e mediatico.
dall'altra parte trovano terreno fertile perchè c'è una massa copiosa di gente romanista (addetti ai lavori, giornalisti, professionisti, semplici tifosi) che non je pare vero di lavare le proprie schifezze con sto giochino che tiene in piedi lo status quo, la leggenda di noi, tifosi laziali tutti, fascisti e razzisti e loro immacolati.
e quando se ne esce. può durare per l'eternità. e noi qua a incazzarci. è una tortura.

Offline Indaco

*
2870
Re:CN11,5
« Risposta #424 il: 13 Gen 2019, 09:45 »
pur senza voler dare per scontato che i cori ci siano stati, moltissimi qui infatti continuano a dire di no a distanza di più di mezza giornata, credo che l'episodio sia riconducibile a un fatto di fascisteria. Concordo insomma con chi ha scritto che gli eventuali cori fatti da una minoranza della minoranza della nord siano la risposta a quegli adesivi beceri su Lazio, napoli e Israele attaccati in vari punti di roma nord da fascisti romanisti della balduina.

Sono almeno 25 anni che la sud della roma e la nord della Lazio si rincorrono su quale curva sia più fascista, più estremista e ai laziali stavolta deve essere bruciato molto che sulle pagine dei giornali e sulle home dei siti d'informazione lo sdegno dei "benpensanti" abbia calpito il polliticamente scorretto dei loro rivali di sempre.

Dal nostro punto di vista di "democratici" possiamo dire che stavolta la feccia romanista poteva rimanere da sola a mostrare lo schifo di se stessa ma ieri i laziali hanno pensato bene di riequilibrare le sorti di questa guerra tra fascisti. Insomma, ci sono cascati con tutte le scarpe.

Offline bak

*
20140
Re:CN11,5
« Risposta #425 il: 14 Gen 2019, 11:23 »
Saranno stati sedicenti "laziali" appartenenti ad un gruppo ormai inattivo da tempo. In risposta agli adesivi antisemiti di qualche giorno fa dei romanisti.

BdN ?

Offline bak

*
20140
Re:CN11,5
« Risposta #426 il: 14 Gen 2019, 11:27 »
SERIE A14
Cori, niente sanzioni per Lazio e Bologna
Secondo quanto riportato da ispettori e arbitri non si sono verificate infrazioni significative

 Fabrizio Patania

lunedì 14 gennaio 2019 09:14

Quasi niente o poco all’Olimpico, stesso discorso o quasi al Dall’Ara. Casi da classificare e derubricare, per la giustizia sportiva, in base all’oggettiva percezione all’interno di uno stadio. Bologna e Lazio non rischiano sanzioni perché non si sono verificate infrazioni significative, o almeno così riportate, nella relazione degli ispettori federali e nel referto arbitrale. I paragoni sono scomodi e scivolosi, la condanna morale deve essere ferma in qualsiasi caso, si tratti di un solo imbecille, di dieci o di mille, ma poi tutto si misura attraverso l’entità della manifestazione. Dipende dalla percezione, da quanto si sente e con quale chiarezza. Complicato relazionare e mettere sullo stesso piano gli episodi di cui si è parlato sabato, in occasione degli ottavi di Coppa Italia, con gli ululati razzisti nei confronti di Koulibaly e dei napoletani ascoltati la notte del 26 dicembre durante la partita tra Inter e Napoli.

Un coro razzista, antisemita o discriminatorio deve avere una certa “rilevanza” per essere sanzionabile dal punto di vista sportivo. Restano le condanne morali, i possibili effetti penali e amministrativi attraverso Daspo. La Digos, anche attraverso lo studio delle immagini e dell’audio, ha già avviato un’indagine per identificare i responsabili di quanto è accaduto all’Olimpico tra il 29’ e il 30’ del primo tempo. I cori provenivano da una parte della Curva Nord occupata da un centinaio di tifosi biancocelesti. Se ne sono sentiti due. Uno discriminatorio contro i romanisti. Un altro contro i Carabinieri, forse nel solco degli scontri avvenuti mercoledì notte a Piazza della Libertà dopo i festeggiamenti per i 119 anni del club. Quei cori sono stati segnalati dall’Ansa, uditi da alcuni colleghi in tribuna stampa e da un ispettore federale posizionato sotto la Nord, non dagli altri due (secondo quanto riferito dalla Lazio) che si trovavano tra Tevere e Monte Mario. Appena 13 mila spettatori, in tanti neppure se ne sono accorti.

E anche oggi date una notizia vera domani. Servi

Offline Salohcin

*****
5966
Re:CN11,5
« Risposta #427 il: 14 Gen 2019, 11:32 »
Alla fine una gigantesca fake news?
Strano...

UnDodicesimo

UnDodicesimo

Re:CN11,5
« Risposta #428 il: 14 Gen 2019, 13:07 »
SERIE A14
Cori, niente sanzioni per Lazio e Bologna
Secondo quanto riportato da ispettori e arbitri non si sono verificate infrazioni significative

 Fabrizio Patania

lunedì 14 gennaio 2019 09:14

Quasi niente o poco all’Olimpico, stesso discorso o quasi al Dall’Ara. Casi da classificare e derubricare, per la giustizia sportiva, in base all’oggettiva percezione all’interno di uno stadio. Bologna e Lazio non rischiano sanzioni perché non si sono verificate infrazioni significative, o almeno così riportate, nella relazione degli ispettori federali e nel referto arbitrale. I paragoni sono scomodi e scivolosi, la condanna morale deve essere ferma in qualsiasi caso, si tratti di un solo imbecille, di dieci o di mille, ma poi tutto si misura attraverso l’entità della manifestazione. Dipende dalla percezione, da quanto si sente e con quale chiarezza. Complicato relazionare e mettere sullo stesso piano gli episodi di cui si è parlato sabato, in occasione degli ottavi di Coppa Italia, con gli ululati razzisti nei confronti di Koulibaly e dei napoletani ascoltati la notte del 26 dicembre durante la partita tra Inter e Napoli.

Un coro razzista, antisemita o discriminatorio deve avere una certa “rilevanza” per essere sanzionabile dal punto di vista sportivo. Restano le condanne morali, i possibili effetti penali e amministrativi attraverso Daspo. La Digos, anche attraverso lo studio delle immagini e dell’audio, ha già avviato un’indagine per identificare i responsabili di quanto è accaduto all’Olimpico tra il 29’ e il 30’ del primo tempo. I cori provenivano da una parte della Curva Nord occupata da un centinaio di tifosi biancocelesti. Se ne sono sentiti due. Uno discriminatorio contro i romanisti. Un altro contro i Carabinieri, forse nel solco degli scontri avvenuti mercoledì notte a Piazza della Libertà dopo i festeggiamenti per i 119 anni del club. Quei cori sono stati segnalati dall’Ansa, uditi da alcuni colleghi in tribuna stampa e da un ispettore federale posizionato sotto la Nord, non dagli altri due (secondo quanto riferito dalla Lazio) che si trovavano tra Tevere e Monte Mario. Appena 13 mila spettatori, in tanti neppure se ne sono accorti.

E anche oggi date una notizia vera domani. Servi

sara' ma a me l'articolo dal quel senso di 'Laziali colpevoli ma c'e' il cavillo che li salva'.

mentre a Bologna non ci sono dettagli su chi, quanti e dove erano quindi non e' successo.

Offline GiPoda

*
3608
Re:CN11,5
« Risposta #429 il: 14 Gen 2019, 13:36 »
Anni fa, un Lazio_Cagliari, l' ansa se ne uscì con una agenzia di pari contenuto (si veniva dall' ennesimo polverone mediatico sempre sullo stesso tema) tra primo e secondo tempo.
Ricordo che, con stupore, appresi la "notizia" a casa visto che allo stadio nn avevo percepito nulla al riguardo.
Mi sembra anche in questo caso lo stesso sporco gioco di allora.

Offline Sliver

*
1012
Re:CN11,5
« Risposta #430 il: 14 Gen 2019, 23:24 »
Anni fa, un Lazio_Cagliari, l' ansa se ne uscì con una agenzia di pari contenuto (si veniva dall' ennesimo polverone mediatico sempre sullo stesso tema) tra primo e secondo tempo.
Ricordo che, con stupore, appresi la "notizia" a casa visto che allo stadio nn avevo percepito nulla al riguardo.
Mi sembra anche in questo caso lo stesso sporco gioco di allora.

tutti i forum degli ultras e le loro trasmissione radio si stanno rivendicando i cori, che ci sono stati, al di là della partecipazione. Poi, da bravi fascisti piagnoni, si lamentano del doppiopesismo, in questa rincorsa continua contro "il complotto" dei romanisti, di repubblica, di cerqueti e dei rettiliani. Sicuro non parliamo di poche decine di persone, chi va allo stadio sa la dimensione di massa di questi cori. Al derby, tutta la curva, almeno il 90% canta i cori nazisti. Lo fanno da Ponte milvio fino allo stadio. Continuo a dire che, prima (o insieme) alle denunce delle strumentalizzazioni, occorre guardare il mostro in faccia: generazioni cresciute a Hitler e Lazio, alla sovrapposizione delle cose, al rafforzamento della lazialità tramite le vigliaccate repubblichine, le scodinzolate alle pagine più [...] di questo paese. Stamattina, un tipo a nome degli irr ha detto alla radio che loro non fanno cori razzisti ma solo anticomunisti. Stamo così, con gente che chiede uno strapuntino al banchetto del bimbominchia del viminale, lo stesso che insieme a Maroni ha votato le leggi più [...] contro ultras e tifosi. utili idioti, decerebrati, servi del potere, forti con i deboli e sottomessi alle mostrine che contano. questa merda avvelena ogni nostra domenica, spesa a sostenere la nostra Lazio. questi tifano se stessi, terzo reich e poi la Lazio. Per questo la pagheremo ancora una volta.

Offline arturo

*****
10678
Re:CN11,5
« Risposta #431 il: 15 Gen 2019, 09:13 »
tutti i forum degli ultras e le loro trasmissione radio si stanno rivendicando i cori, che ci sono stati, al di là della partecipazione. Poi, da bravi fascisti piagnoni, si lamentano del doppiopesismo, in questa rincorsa continua contro "il complotto" dei romanisti, di repubblica, di cerqueti e dei rettiliani. Sicuro non parliamo di poche decine di persone, chi va allo stadio sa la dimensione di massa di questi cori. Al derby, tutta la curva, almeno il 90% canta i cori nazisti. Lo fanno da Ponte milvio fino allo stadio. Continuo a dire che, prima (o insieme) alle denunce delle strumentalizzazioni, occorre guardare il mostro in faccia: generazioni cresciute a Hitler e Lazio, alla sovrapposizione delle cose, al rafforzamento della lazialità tramite le vigliaccate repubblichine, le scodinzolate alle pagine più [...] di questo paese. Stamattina, un tipo a nome degli irr ha detto alla radio che loro non fanno cori razzisti ma solo anticomunisti. Stamo così, con gente che chiede uno strapuntino al banchetto del bimbominchia del viminale, lo stesso che insieme a Maroni ha votato le leggi più [...] contro ultras e tifosi. utili idioti, decerebrati, servi del potere, forti con i deboli e sottomessi alle mostrine che contano. questa merda avvelena ogni nostra domenica, spesa a sostenere la nostra Lazio. questi tifano se stessi, terzo reich e poi la Lazio. Per questo la pagheremo ancora una volta.

 :hail:
Re:CN11,5
« Risposta #432 il: 15 Gen 2019, 11:35 »
BdN ?
No non lo so, era una battuta per sfottere repubblica ;)
Re:CN11,5
« Risposta #433 il: 15 Gen 2019, 12:47 »
tutti i forum degli ultras e le loro trasmissione radio si stanno rivendicando i cori, che ci sono stati, al di là della partecipazione. Poi, da bravi fascisti piagnoni, si lamentano del doppiopesismo, in questa rincorsa continua contro "il complotto" dei romanisti, di repubblica, di cerqueti e dei rettiliani. Sicuro non parliamo di poche decine di persone, chi va allo stadio sa la dimensione di massa di questi cori. Al derby, tutta la curva, almeno il 90% canta i cori nazisti. Lo fanno da Ponte milvio fino allo stadio. Continuo a dire che, prima (o insieme) alle denunce delle strumentalizzazioni, occorre guardare il mostro in faccia: generazioni cresciute a Hitler e Lazio, alla sovrapposizione delle cose, al rafforzamento della lazialità tramite le vigliaccate repubblichine, le scodinzolate alle pagine più [...] di questo paese. Stamattina, un tipo a nome degli irr ha detto alla radio che loro non fanno cori razzisti ma solo anticomunisti. Stamo così, con gente che chiede uno strapuntino al banchetto del bimbominchia del viminale, lo stesso che insieme a Maroni ha votato le leggi più [...] contro ultras e tifosi. utili idioti, decerebrati, servi del potere, forti con i deboli e sottomessi alle mostrine che contano. questa merda avvelena ogni nostra domenica, spesa a sostenere la nostra Lazio. questi tifano se stessi, terzo reich e poi la Lazio. Per questo la pagheremo ancora una volta.

Sliver, tutto quello che hai scritto lo rivendico parola per parola, il problema e' quello che NON hai scritto o hai toccato solo de struscio, perche' l'atteggiamento dei mezzi di informazione sulla questione di cui si parla non e' scollegato, non e' che viene prima o dopo, e' parte del problema, e' proprio il comburente del fuoco che s'accende ogni volta e fermo restando quello che scrivi perfettamente, non affrontare contemporaneamente il problema informazione, non da piagnoni, ma dalla posizione di chi s'e' proprio rotto er cazzo de sto giochetto che va avanti oramai da anni, non si risolvera' mai nulla, perché io so il primo a guardare lo sporco in casa mia ma poi non mi voglio sentir dire "lo vedi che siete zozzi.. lo hai capito pure te"... perche' poi alla fine e' cosi che va a finire, e cornuto e mazziato proprio no, perche se non ci fossero i cori demmerda non ci sarebbe la stampa, ma il sospetto e' che proprio perche c'e' 'sta stampa che c'ha senso falli quei cori

Offline Sliver

*
1012
Re:CN11,5
« Risposta #434 il: 15 Gen 2019, 18:20 »
Sliver, tutto quello che hai scritto lo rivendico parola per parola, il problema e' quello che NON hai scritto o hai toccato solo de struscio, perche' l'atteggiamento dei mezzi di informazione sulla questione di cui si parla non e' scollegato, non e' che viene prima o dopo, e' parte del problema, e' proprio il comburente del fuoco che s'accende ogni volta e fermo restando quello che scrivi perfettamente, non affrontare contemporaneamente il problema informazione, non da piagnoni, ma dalla posizione di chi s'e' proprio rotto er cazzo de sto giochetto che va avanti oramai da anni, non si risolvera' mai nulla, perché io so il primo a guardare lo sporco in casa mia ma poi non mi voglio sentir dire "lo vedi che siete zozzi.. lo hai capito pure te"... perche' poi alla fine e' cosi che va a finire, e cornuto e mazziato proprio no, perche se non ci fossero i cori demmerda non ci sarebbe la stampa, ma il sospetto e' che proprio perche c'e' 'sta stampa che c'ha senso falli quei cori

Pablo sai quanto ti stimo, ma questo atteggiamento per me ormai è un po' spuntato. Tu, credo, hai risolto il problema dello stadio non andando più in curva nord o dintorni. Io qualche domenica fa ho portato mia figlia, 3 anni e mezzo, per la prima volta in distinti nord est. E per fortuna che ancora comprende poco alcuni messaggi e cori: ho pensato che non posso portarla in un luogo dove può essere affogata e cresciuta a prezzo di ululati, insulti agli ebrei, "cori anticomunisti", insulti sessisti di ogni risma. Non perchè nel mondo non ci sono nazi, razzisti e [...], figurati, ma perché almeno uno si sceglie un posto dove ridurre il danno. E quella curva, molto spesso, diventa una fogna. Il problema delle strumentalizzazioni contro la Lazio è che sono vere, ma vengono dopo lo schifo che esprimiamo quasi ogni domenica. Gli altri fanno lo stesso? Alcuni, forse. Non vengono bastonati a dovere? Alcune volte, non tutti. Ma questo a me non importa più: non mi consolo pensando che oltre Battisti deve "marcire in galera" anche Fioravanti. E' proprio una partita persa. Per ridurre il danno, serve che scoppi una "rivolta", prima di tutto culturale, di linguaggio, di contesa della lazialità, in cui prendano parola tutti, tifosi semnplici, giornalisti, giocatori, dirigenti, e blablabla. Per questo auspico non la giustizia penale (stronzate giustizialiste: non si può e non si deve andare in carcere per un saluto romano o un coro nazista) ma un utilizzo "di parte" della giustizia sportiva: chiusura del settore, squalifiche mirate, ecc. per far si che a un certo punto la partita dei laziali sarà: o tifi Lazio, e la salvi, o tifi hitler, e la condanni. Deve aprirsi una contraddizione insanabile, una "guerra civile". Se accade questo, parallelamente, avranno senso le battaglie contro i giornalisti con la sciarpetta o contro i poteri forti. Sennò torniamo allo scenario di questi repubblichini senza dignità: prima inneggiano allo sterminio e poi piangono. Come i nonni, troppi pochi finiti a testa in giù.

Offline Tarallo

*****
90913
Re:CN11,5
« Risposta #435 il: 15 Gen 2019, 18:39 »
Sono completamente d'accordo con Sliver, che per primo concede che almeno questi due fronti avanzino parallelamente piuttosto che affermare che senza l'uno l'altro non esiste.
Siccome però gli stakeholders sono diversi, ci sia concesso di insistere su entrambi contemporaneamente. Perché una è una lotta di società, di cives, di tifosi. Lunghissima per chi ha l'età mia ed è passato 15 anni fa per la stessa esperienza di disgusto da stadio, difficilissima, ma chi sono io per negare che vada fatta, e magari vinta?
L'altra invece è in mano quasi unicamente a Lotito. C'è ben poco che possiamo fare noi per stabilire un rapporto sano con i media. E per favore, lasciateci questa ambizione, questo sogno, non facciamo male a nessuno proprio perché sono due percorsi paralleli. Se è vero che c'è il rischio qui dentro di vedere giornalista terrorista rimpiazzare lotte più importanti, là fuori non è così.
Re:CN11,5
« Risposta #436 il: 15 Gen 2019, 19:44 »
Pablo sai quanto ti stimo, ma questo atteggiamento per me ormai è un po' spuntato. Tu, credo, hai risolto il problema dello stadio non andando più in curva nord o dintorni. Io qualche domenica fa ho portato mia figlia, 3 anni e mezzo, per la prima volta in distinti nord est. E per fortuna che ancora comprende poco alcuni messaggi e cori: ho pensato che non posso portarla in un luogo dove può essere affogata e cresciuta a prezzo di ululati, insulti agli ebrei, "cori anticomunisti", insulti sessisti di ogni risma. Non perchè nel mondo non ci sono nazi, razzisti e [...], figurati, ma perché almeno uno si sceglie un posto dove ridurre il danno. E quella curva, molto spesso, diventa una fogna. Il problema delle strumentalizzazioni contro la Lazio è che sono vere, ma vengono dopo lo schifo che esprimiamo quasi ogni domenica. Gli altri fanno lo stesso? Alcuni, forse. Non vengono bastonati a dovere? Alcune volte, non tutti. Ma questo a me non importa più: non mi consolo pensando che oltre Battisti deve "marcire in galera" anche Fioravanti. E' proprio una partita persa. Per ridurre il danno, serve che scoppi una "rivolta", prima di tutto culturale, di linguaggio, di contesa della lazialità, in cui prendano parola tutti, tifosi semnplici, giornalisti, giocatori, dirigenti, e blablabla. Per questo auspico non la giustizia penale (stronzate giustizialiste: non si può e non si deve andare in carcere per un saluto romano o un coro nazista) ma un utilizzo "di parte" della giustizia sportiva: chiusura del settore, squalifiche mirate, ecc. per far si che a un certo punto la partita dei laziali sarà: o tifi Lazio, e la salvi, o tifi hitler, e la condanni. Deve aprirsi una contraddizione insanabile, una "guerra civile". Se accade questo, parallelamente, avranno senso le battaglie contro i giornalisti con la sciarpetta o contro i poteri forti. Sennò torniamo allo scenario di questi repubblichini senza dignità: prima inneggiano allo sterminio e poi piangono. Come i nonni, troppi pochi finiti a testa in giù.

Romanista ebreo fa vomitare. Anche il "parallelo" con l'Africa, sopratutto quando dall'Africa  (ma pure dal medioriente) affogano per cercare scampo o un futuro minimo per i bambini (che affogano per primi). La scusa dell'anticomunismo (per me, sia maledetto Marx e discendenza, ma non c'entra una mazza nel discorso) è patetica.
Hanno - avete - rotto il cazzo.
Io sono per la guerra civile.

Re:CN11,5
« Risposta #437 il: 15 Gen 2019, 19:47 »
Romanista ebreo fa vomitare. Anche il "parallelo" con l'Africa, sopratutto quando dall'Africa  (ma pure dal medioriente) affogano per cercare scampo o un futuro minimo per i bambini (che affogano per primi). La scusa dell'anticomunismo (per me, sia maledetto Marx e discendenza, ma non c'entra una mazza nel discorso) è patetica.
Hanno - avete, se ci leggete  - rotto il cazzo.
Io sono per la guerra civile.

(Scusate, mi sono quotato da solo non so perché e per come  ;)  )

Offline TomYorke

*****
9392
Re:CN11,5
« Risposta #438 il: 15 Gen 2019, 20:13 »
Pablo sai quanto ti stimo, ma questo atteggiamento per me ormai è un po' spuntato. Tu, credo, hai risolto il problema dello stadio non andando più in curva nord o dintorni. Io qualche domenica fa ho portato mia figlia, 3 anni e mezzo, per la prima volta in distinti nord est. E per fortuna che ancora comprende poco alcuni messaggi e cori: ho pensato che non posso portarla in un luogo dove può essere affogata e cresciuta a prezzo di ululati, insulti agli ebrei, "cori anticomunisti", insulti sessisti di ogni risma. Non perchè nel mondo non ci sono nazi, razzisti e [...], figurati, ma perché almeno uno si sceglie un posto dove ridurre il danno. E quella curva, molto spesso, diventa una fogna. Il problema delle strumentalizzazioni contro la Lazio è che sono vere, ma vengono dopo lo schifo che esprimiamo quasi ogni domenica. Gli altri fanno lo stesso? Alcuni, forse. Non vengono bastonati a dovere? Alcune volte, non tutti. Ma questo a me non importa più: non mi consolo pensando che oltre Battisti deve "marcire in galera" anche Fioravanti. E' proprio una partita persa. Per ridurre il danno, serve che scoppi una "rivolta", prima di tutto culturale, di linguaggio, di contesa della lazialità, in cui prendano parola tutti, tifosi semnplici, giornalisti, giocatori, dirigenti, e blablabla. Per questo auspico non la giustizia penale (stronzate giustizialiste: non si può e non si deve andare in carcere per un saluto romano o un coro nazista) ma un utilizzo "di parte" della giustizia sportiva: chiusura del settore, squalifiche mirate, ecc. per far si che a un certo punto la partita dei laziali sarà: o tifi Lazio, e la salvi, o tifi hitler, e la condanni. Deve aprirsi una contraddizione insanabile, una "guerra civile". Se accade questo, parallelamente, avranno senso le battaglie contro i giornalisti con la sciarpetta o contro i poteri forti. Sennò torniamo allo scenario di questi repubblichini senza dignità: prima inneggiano allo sterminio e poi piangono. Come i nonni, troppi pochi finiti a testa in giù.

100%

Offline GiPoda

*
3608
Re:CN11,5
« Risposta #439 il: 15 Gen 2019, 20:14 »
Non sono d accordo con sliver ma sono in linea con pablohoney.
Trovo utopico sperare di debellare una minoranza idiota (presente in moltissimi stadi) a forza di chiusure di settori (in pratica continuando a mettere sotto ricatto le società di calcio) mentre trovo più percorribile, anche se difficile, molto difficile, sperare di avere una stampa finalmente meno cialtrona che affronti sempre e comunque il problema, se veramente come (non) credo ha davvero a cuore sostenere questa battaglia di civiltà.
La responsabilità oggettiva è una follia.
È mettere le proprie palle in mano ai delinquenti.
Se penso poi che la si applica anche a fatti lievi, come la multa per avere noi tifosi (me compreso) mandato al diavolo quel fenomeno di Irrati, allora siamo oltre ogni residuo di logica umana.
 

Powered by SMFPacks Alerts Pro Mod