Il maxischermo di Fringe

0 Utenti e 2 Visitatori stanno visualizzando questo topic.

Il maxischermo di Fringe
« il: 19 Feb 2016, 19:03 »
Trattasi di uno dei momenti più tristi cui mi è capitato di accedere a Lazionet.

Fa male, fa male tutto, fa male immaginare di gente su questo forum che propone di radunarsi tutti insieme... per tifare. Ciò che è la normalità, almeno per noi che ci accaloriamo qui, è diventata una proposta carbonara, da sussurrarsi come un passaparola, come la parola d'ordine per un rave.

C'è una serie, Fringe, in cui i protagonisti hanno un loro alter ego in un mondo parallelo. Sono sempre loro, sono identici, ma i comportamenti cambiano. Il professore fissato ed un po' Einstein lascia il posto, nell'universo parallelo, al Dottor Stranamore, il nerd occhialuto è una sorta di James Bond.

Mi sembra che la nostra tifoseria sia stata catapultata dall'universo parallelo di Fringe. Un universo nel quale c'è un blackout tra l'oggetto del proprio amore (la propria squadra) e le modalità di manifestarlo. Anche nell'universo originale ci sono problemi. E non arrivo a pensare che in un diverso universo Lotito possa diventare un misto tra Robin Hood e Batman. Ma nell'universo alternativo la gente ha deciso che si tifa non tifando. Sempre profondendosi in accalorate elucubrazioni su quanto loro in realtà siano tifosi, anzi siano I tifosi. In questo universo i tifosi contestano, ma restano comunque vicino alla squadra, con la bizzarra giustificazione che la squadra non ha nulla a che vedere con l'oggetto della contestazione. Ma nell'universo alternativo non è così. La squadra arriva terza? Non importa, avendo perso i preliminari ha infranto i sogni e va abbandonata. Vince il derby della vita? La stagione successiva parte lugubremente, ed ogni gioia viene spazzata via immediatamente dalla tempesta dell'indignazione. Dopo sette risultati utili perde con la prima in classifica? Un tornado di ululati e di rabbia trascina tutto con sé. Il derby? Manco il gusto di ricordare in eterno il loro incubo ricorrente, la coppinfaccia. Disertiamo, lasciamo 4.000 poveracci in un angolino lassù.

Il nostro buon vecchio mondo ha un sacco di problemi. Strano che la maggior parte delle tifoserie siano rimaste in definitiva qua. E' un mondo in cui tranne poche squadre strisciate nessuno vince quasi nulla, ma per fortuna in tanti stadi ancora la mattina della domenica ci si mette la sciarpetta al collo e si va allo stadio. Eppure in tante realtà ci sono presidenti cialtroni o truffatori, si scaglia a perdifiato, la televisione che tiene incollata tanta gente non c'è solo a Roma.

Ma la nostra tifoseria è speciale. La nostra tifoseria viene dall'universo parallelo. La nostra tifoseria reagisce così. Per una partita casalinga della Lazio, quindi, ha deciso di organizzare una visione collettiva dell'incontro casalingo. Altrove, in un non-luogo. Facciamo il tifo, ma non ci sente nessuno. La squadra non ci sente, l'oggetto (gli oggetti) della nostra contestazione non ci sentono. In un delirio nel quale i trip psichedelici di Timothy Leary si mischiano all'erba piena di ammoniaca di Torbella.

Per carità. Che ogni tifoseria riprenda il giusto posto nel suo universo. Oppure fate venire in questo universo anche le altre tifoserie alternative. Così da non temere ogni volta che basti un Verona o un Frosinone a colorare il nostro stadio e a popolare di suoni e tifo il sepolcro domenicale. Ora temo - sono sicuro - che giovedì prossimo giocheremo di nuovo fuori casa, sovrastati, annichiliti da orde di mamma li turchi. Che so' pure giallorossi.

Speriamo solo che per una congiunzione astrale anche la tifoseria del Galatasaray subisca l'inversione spazio-temporale. E che decidano di vedersela in un bel maxischermo in quei di Scutari, perché la cessione di Hakan Sukur in Cina ha tolto loro la galatasarayetà...


Re:Il maxischermo di Fringe
« Risposta #1 il: 19 Feb 2016, 19:11 »
Era Burak Ylmaz  ;)

Online Palo

*****
11497
Re:Il maxischermo di Fringe
« Risposta #2 il: 19 Feb 2016, 19:13 »
Quanto c'hai ragione!!!


Te vojo bene!

Offline Dinamo

*
529
Re:Il maxischermo di Fringe
« Risposta #3 il: 19 Feb 2016, 19:13 »
Bellissimo post, grazie per aver cercato di razionalizzare l'assurdo che stiamo vivendo.

Offline ian

*
7680

Offline ian

Re:Il maxischermo di Fringe
« Risposta #4 il: 19 Feb 2016, 19:34 »
Caro GM sono perfettamente d'accordo con questo ed altri tuoi posts (e di altri, dello stesso tenore).
Io ormai sono passato alla fase2: non mi curo più del problema, non credo che si risolva più il problema, mi vivo la Lazio e la Lazialita individualmente, interiormente, e ti dirò che (mancanza del tifo a parte) non mi dolgo neanche più della assenza di bori, personaggi truculenti, signore coatte, ragazzetti decerebrati.
Tanto so che la loro eventuale e ormai sporadica presenza ci può al massimo portare qualche giornata di squalifica del campo o di alcuni settori, e che se s si dovesse mai trattare di festeggiare qualcosa (hai visto mai) c'è li ritroviamo tutti li.
Chi col bomber nero, chi con l'espressione da castoro, chi col coro LPDM pronto, chi col collegamento con climasystem in canna.

Non sono per le liste di proscrizione, ma sogno una tifoseria ed un ambiente rinnovati per un buon 70%
Re:Il maxischermo di Fringe
« Risposta #5 il: 19 Feb 2016, 19:41 »
piano con gli insulti ai 4000 poveracci
poi giovedì ci saranno pure loro e infatti lo si noterà dalla tevere parterre piena e dai DNE piena pure lei
il tutto sarà evidente per l'aumento da 2 a 20 dei LPDM
il problema non sono loro che mi stanno sulle palle solo per gli huhu ma che comunque hanno voglia di venire
il problema è che gli altri sono pochi e aumentano solo se andiamo molto bene
Re:Il maxischermo di Fringe
« Risposta #6 il: 19 Feb 2016, 21:51 »
Grazie Guy che con eleganza traduci i miei sentimenti.
Fatico infatti a non insultare la pochezza di un comportamento che trovo disgustoso, folle ed imbecille.
Insomma ,in parole povere altamente romanista.
Re:Il maxischermo di Fringe
« Risposta #7 il: 19 Feb 2016, 23:17 »
prima si erano distaccati dal calcio giocato
poi si sono distaccati dallo stadio
ora si distaccano definitivamente dalla realtà

psichedelici

Re:Il maxischermo di Fringe
« Risposta #8 il: 20 Feb 2016, 08:15 »
Trattasi di uno dei momenti più tristi cui mi è capitato di accedere a Lazionet.

Fa male, fa male tutto, fa male immaginare di gente su questo forum che propone di radunarsi tutti insieme... per tifare. Ciò che è la normalità, almeno per noi che ci accaloriamo qui, è diventata una proposta carbonara, da sussurrarsi come un passaparola, come la parola d'ordine per un rave.

C'è una serie, Fringe, in cui i protagonisti hanno un loro alter ego in un mondo parallelo. Sono sempre loro, sono identici, ma i comportamenti cambiano. Il professore fissato ed un po' Einstein lascia il posto, nell'universo parallelo, al Dottor Stranamore, il nerd occhialuto è una sorta di James Bond.

Mi sembra che la nostra tifoseria sia stata catapultata dall'universo parallelo di Fringe. Un universo nel quale c'è un blackout tra l'oggetto del proprio amore (la propria squadra) e le modalità di manifestarlo. Anche nell'universo originale ci sono problemi. E non arrivo a pensare che in un diverso universo Lotito possa diventare un misto tra Robin Hood e Batman. Ma nell'universo alternativo la gente ha deciso che si tifa non tifando. Sempre profondendosi in accalorate elucubrazioni su quanto loro in realtà siano tifosi, anzi siano I tifosi. In questo universo i tifosi contestano, ma restano comunque vicino alla squadra, con la bizzarra giustificazione che la squadra non ha nulla a che vedere con l'oggetto della contestazione. Ma nell'universo alternativo non è così. La squadra arriva terza? Non importa, avendo perso i preliminari ha infranto i sogni e va abbandonata. Vince il derby della vita? La stagione successiva parte lugubremente, ed ogni gioia viene spazzata via immediatamente dalla tempesta dell'indignazione. Dopo sette risultati utili perde con la prima in classifica? Un tornado di ululati e di rabbia trascina tutto con sé. Il derby? Manco il gusto di ricordare in eterno il loro incubo ricorrente, la coppinfaccia. Disertiamo, lasciamo 4.000 poveracci in un angolino lassù.

Il nostro buon vecchio mondo ha un sacco di problemi. Strano che la maggior parte delle tifoserie siano rimaste in definitiva qua. E' un mondo in cui tranne poche squadre strisciate nessuno vince quasi nulla, ma per fortuna in tanti stadi ancora la mattina della domenica ci si mette la sciarpetta al collo e si va allo stadio. Eppure in tante realtà ci sono presidenti cialtroni o truffatori, si scaglia a perdifiato, la televisione che tiene incollata tanta gente non c'è solo a Roma.

Ma la nostra tifoseria è speciale. La nostra tifoseria viene dall'universo parallelo. La nostra tifoseria reagisce così. Per una partita casalinga della Lazio, quindi, ha deciso di organizzare una visione collettiva dell'incontro casalingo. Altrove, in un non-luogo. Facciamo il tifo, ma non ci sente nessuno. La squadra non ci sente, l'oggetto (gli oggetti) della nostra contestazione non ci sentono. In un delirio nel quale i trip psichedelici di Timothy Leary si mischiano all'erba piena di ammoniaca di Torbella.

Per carità. Che ogni tifoseria riprenda il giusto posto nel suo universo. Oppure fate venire in questo universo anche le altre tifoserie alternative. Così da non temere ogni volta che basti un Verona o un Frosinone a colorare il nostro stadio e a popolare di suoni e tifo il sepolcro domenicale. Ora temo - sono sicuro - che giovedì prossimo giocheremo di nuovo fuori casa, sovrastati, annichiliti da orde di mamma li turchi. Che so' pure giallorossi.

Speriamo solo che per una congiunzione astrale anche la tifoseria del Galatasaray subisca l'inversione spazio-temporale. E che decidano di vedersela in un bel maxischermo in quei di Scutari, perché la cessione di Burak Ylmaz  in Cina ha tolto loro la galatasarayetà...


 :hail: :hail: :hail: :hail:

Offline Babu1975

*
5121
Re:Il maxischermo di Fringe
« Risposta #9 il: 20 Feb 2016, 08:17 »
Secondo me è arrivato il momento di evitare anche solo di parlarne...non vanno? Chissenefrega.

Inviato dal mio LG-P760 utilizzando Tapatalk

Offline tommasino

*
11165
Re:Il maxischermo di Fringe
« Risposta #10 il: 20 Feb 2016, 08:26 »
Grandissimo GM, ennesimo post che avrei voluto scrivere io, che la chicca di Sukur rende ancora più prezioso.

Offline robylele

*****
31645
Re:Il maxischermo di Fringe
« Risposta #11 il: 20 Feb 2016, 08:34 »


- Ringrazio Guy Montag per questa opportunità, ai cinesi non sarebbe mai venuto in mente.

Offline tommasino

*
11165
Re:Il maxischermo di Fringe
« Risposta #12 il: 20 Feb 2016, 08:44 »
Che poi il maxiraduno alternativo è stato programmato in una domenica nella quale la Lazio probabilmente nemmeno giocherà.
Re:Il maxischermo di Fringe
« Risposta #13 il: 20 Feb 2016, 09:50 »
Si, la cosa divertente è che questi geni tiferanno la Ferrari sul maxischermo, a quell'ora...

Offline Bambino

*
5103
Re:Il maxischermo di Fringe
« Risposta #14 il: 20 Feb 2016, 10:46 »
se, come sembra, il prossimo anno tolgono le barriere voglio vede' che scusa se inventano per non entrare.. sti fenomeni..

Offline vagabond

*
9396
Re:Il maxischermo di Fringe
« Risposta #15 il: 20 Feb 2016, 10:54 »
Basta, mi hai spoilerato Fringe. Esco da questo gruppo di spoileroni XD :beer:
Re:Il maxischermo di Fringe
« Risposta #16 il: 20 Feb 2016, 11:08 »
Che cazzo je voi di' a guy montag?

Inviato dal mio SM-G925F utilizzando Tapatalk

Re:Il maxischermo di Fringe
« Risposta #17 il: 20 Feb 2016, 12:57 »


Che cazzo je voi di' a guy montag?







Solo applausi.


Re:Il maxischermo di Fringe
« Risposta #18 il: 20 Feb 2016, 13:01 »
Guy Montag è uno dei motivi per cui continuo a frequentare questo posto

Cialtron_Heston

Cialtron_Heston

Re:Il maxischermo di Fringe
« Risposta #19 il: 20 Feb 2016, 13:01 »
Tutto vero, ma si rendono conto della follia di riunirsi per tifarsi addosso?
Ovvio che no, però sono intelligenti, io sono ottimista e sono sicuro che torneranno.
La più grande Curva d' Italia non la possiamo regalare così, no.
 

Powered by SMFPacks Alerts Pro Mod