la elle sul cuore

0 Utenti e 7 Visitatori stanno visualizzando questo topic.

Offline Pikkio

*****
6727
la elle sul cuore
« il: 09 Dic 2015, 20:34 »
la domanda che ci dovremmo fare e': stiamo veramente parlando di un gioco? se la risposta e' si, allora vanno bene tutte le analisi che abbiamo fatto e che faremo.

se stiamo parlando davvero di un gioco, il problema principale e' che giochiamo male. in questi casi o sono sbagliati gli interpreti, o e' sbagliato il modulo. in ogni caso c'e' un errore, o di pianificazione o di realizzazione: sulla prima non si puo' tornare indietro adesso, sulla seconda si. servirebbe una mano, in questi casi. ma problema chiama problema, la gente si disaffeziona, la sfica non si distrae mai e continuiamo a giocare tutte le partite da zero a uno senza manco far fare la fatica agli avversari di fare un tiro in porta che ci pensiamo da soli, e non parliamo della questione arbitrale per carita'. ma anche in questo caso, se e' vero che degli arbitri non si deve neanche parlare, se e' vero che contro la sfica tutto cio' che possiamo fare e' usare la scaramanzia, quello su cui si dovrebbe lavorare e' la disaffezione. il problema, un altro, e' che preferiamo entrare allo stadio camminando solo su un piede, sedersi sempre costantemente allo stesso seggiolino, vedere tutta la partita con le dita incrociate sulla palle e non fare un fiato per novantacinque minuti ma se qualcuno intona lotitopezzodimerda, oh, il problema manco me lo pongo. cosi' mentre la samp affonda, la sua gente canta e sventola le bandiere fino al novantesimo, quando partono i giusti fischioni; mentre il verona e' ultimissimo la sua gente canta e tifa e sventola le bandiere, dice che non serve a un cazzo ma, ohibo', mi sembra qualcosa di vicino al tifo. tutti quanti noi a parole cantiamo e beviamo per la lazio, poi andiamo allo stadio e non abbiamo che una sola reazione al silenzio, rivolta verso la tribuna d'onore.

ma lo giuro, io non volevo aprire l'ennesimo topic sugli errori della societa', di pioli, dei calciatori, di lotito e dei laziali, e su quanto invece sono fichi gli altri. e' tutto vero e tutto giusto: gli errori individuali di mauricio sono evidenti come quelli della societa' in sede di calciomercato, o quelli del parrucchiere di felipe anderson nella ricerca del taglio alla michael jackson quando aveva sette anni e cantava coi fratelli nei jackson five, o ancora quelli del pioli di questa stagione, del quale non abbiamo che una foto, preso di spalle, testa bassa e braccia larghe, fatta durante qualsiasi evento, sportivo e non, alla quale ha partecipato anche a livello personale. insomma, lotito va avanti per la sua strada, pioli pure, noi anche, i calciatori idem, e ognuno di noi sbatte contro un altro. sembra un quadro di snake con quattro serpenti che camminano e si ingrandiscono: il gioco dura poco, qualcuno si piglia subito di sicuro.

io non ho medicine ne' cure. dovremmo dare tutti qualcosa in piu', non so cosa: qualcosa. ma darlo noi, senza chiedere che lo facciano gli altri. e invece pioli lo chiede alla squadra, la squadra al pubblico, il pubblico alla societa', la societa' a pioli e finisce il giro. fermiamo 'sto cazzo di giro della morte. c'e' livore, di tutti nei riguardi di tutti, mentre dovremmo essere quantomeno solidali. ci gonfiamo il petto quando parliamo dell'appartenenza ma non ci apparteniamo, stiamo perdendo la gioia, il sorriso, l'orgoglio di essere quelli che siamo per diventare quelli che vorremmo essere. la verita', forse, e' una sola: l'assunto iniziale e' sbagliato, non stiamo parlando di un gioco. non solo, almeno.

io sinceramente faccio volentieri a meno di tutta la retorica delle maglie bagnate di sangue [!] e di sudore, dell'onore e la gloria, del ritorno dalle battaglie con la testa del nemico o senza la propria. ma mi sono visto al termine del primo tempo di lazio-juventus: rassegnato, triste, svuotato. no, cazzo. il giorno dopo, tutti tristi, rassegnati, svuotati. incazzati, chi con lotito, chi con pioli, chi con mauricio. no, cazzo, no. ho piegato il braccio destro, mano chiusa a pugno, pollice e indice aperti. "ma che stai a fa, james bond?" m'ha detto uno spiritoso. non ha capito: ho messo la elle sul cuore.


Offline pentiux

*****
17503
Re:la elle sul cuore
« Risposta #1 il: 09 Dic 2015, 20:48 »
one Love
Re:la elle sul cuore
« Risposta #2 il: 09 Dic 2015, 21:08 »
Bravo Pikkio.

Inviato dal mio GT-I9300 utilizzando Tapatalk

Re:la elle sul cuore
« Risposta #3 il: 09 Dic 2015, 21:44 »
la domanda che ci dovremmo fare e': stiamo veramente parlando di un gioco? se la risposta e' si, allora vanno bene tutte le analisi che abbiamo fatto e che faremo.

se stiamo parlando davvero di un gioco, il problema principale e' che giochiamo male. in questi casi o sono sbagliati gli interpreti, o e' sbagliato il modulo. in ogni caso c'e' un errore, o di pianificazione o di realizzazione: sulla prima non si puo' tornare indietro adesso, sulla seconda si. servirebbe una mano, in questi casi. ma problema chiama problema, la gente si disaffeziona, la sfica non si distrae mai e continuiamo a giocare tutte le partite da zero a uno senza manco far fare la fatica agli avversari di fare un tiro in porta che ci pensiamo da soli, e non parliamo della questione arbitrale per carita'. ma anche in questo caso, se e' vero che degli arbitri non si deve neanche parlare, se e' vero che contro la sfica tutto cio' che possiamo fare e' usare la scaramanzia, quello su cui si dovrebbe lavorare e' la disaffezione. il problema, un altro, e' che preferiamo entrare allo stadio camminando solo su un piede, sedersi sempre costantemente allo stesso seggiolino, vedere tutta la partita con le dita incrociate sulla palle e non fare un fiato per novantacinque minuti ma se qualcuno intona lotitopezzodimerda, oh, il problema manco me lo pongo. cosi' mentre la samp affonda, la sua gente canta e sventola le bandiere fino al novantesimo, quando partono i giusti fischioni; mentre il verona e' ultimissimo la sua gente canta e tifa e sventola le bandiere, dice che non serve a un cazzo ma, ohibo', mi sembra qualcosa di vicino al tifo. tutti quanti noi a parole cantiamo e beviamo per la lazio, poi andiamo allo stadio e non abbiamo che una sola reazione al silenzio, rivolta verso la tribuna d'onore.

ma lo giuro, io non volevo aprire l'ennesimo topic sugli errori della societa', di pioli, dei calciatori, di lotito e dei laziali, e su quanto invece sono fichi gli altri. e' tutto vero e tutto giusto: gli errori individuali di mauricio sono evidenti come quelli della societa' in sede di calciomercato, o quelli del parrucchiere di felipe anderson nella ricerca del taglio alla michael jackson quando aveva sette anni e cantava coi fratelli nei jackson five, o ancora quelli del pioli di questa stagione, del quale non abbiamo che una foto, preso di spalle, testa bassa e braccia larghe, fatta durante qualsiasi evento, sportivo e non, alla quale ha partecipato anche a livello personale. insomma, lotito va avanti per la sua strada, pioli pure, noi anche, i calciatori idem, e ognuno di noi sbatte contro un altro. sembra un quadro di snake con quattro serpenti che camminano e si ingrandiscono: il gioco dura poco, qualcuno si piglia subito di sicuro.

io non ho medicine ne' cure. dovremmo dare tutti qualcosa in piu', non so cosa: qualcosa. ma darlo noi, senza chiedere che lo facciano gli altri. e invece pioli lo chiede alla squadra, la squadra al pubblico, il pubblico alla societa', la societa' a pioli e finisce il giro. fermiamo 'sto cazzo di giro della morte. c'e' livore, di tutti nei riguardi di tutti, mentre dovremmo essere quantomeno solidali. ci gonfiamo il petto quando parliamo dell'appartenenza ma non ci apparteniamo, stiamo perdendo la gioia, il sorriso, l'orgoglio di essere quelli che siamo per diventare quelli che vorremmo essere. la verita', forse, e' una sola: l'assunto iniziale e' sbagliato, non stiamo parlando di un gioco. non solo, almeno.

io sinceramente faccio volentieri a meno di tutta la retorica delle maglie bagnate di sangue [!] e di sudore, dell'onore e la gloria, del ritorno dalle battaglie con la testa del nemico o senza la propria. ma mi sono visto al termine del primo tempo di lazio-juventus: rassegnato, triste, svuotato. no, cazzo. il giorno dopo, tutti tristi, rassegnati, svuotati. incazzati, chi con lotito, chi con pioli, chi con mauricio. no, cazzo, no. ho piegato il braccio destro, mano chiusa a pugno, pollice e indice aperti. "ma che stai a fa, james bond?" m'ha detto uno spiritoso. non ha capito: ho messo la elle sul cuore.

Immenso Pikkio... Stesse sensazioni tue ma non avrei saputo scriverlo meglio.
Re:la elle sul cuore
« Risposta #4 il: 09 Dic 2015, 21:47 »

Offline Cliath

*****
6011
Re:la elle sul cuore
« Risposta #5 il: 09 Dic 2015, 23:13 »
la elle sul cuore... bella Pì! :love2:


:band1:

Offline laziAle82

*****
11461
Re:la elle sul cuore
« Risposta #6 il: 09 Dic 2015, 23:15 »

Online lory61

*****
2334
Re:la elle sul cuore
« Risposta #7 il: 09 Dic 2015, 23:20 »
Immenso Pikkio... Stesse sensazioni tue ma non avrei saputo scriverlo meglio.

Offline aquilante

*
2766
Re:la elle sul cuore
« Risposta #8 il: 09 Dic 2015, 23:56 »

"io non ho medicine ne' cure. dovremmo dare tutti qualcosa in piu', non so cosa: qualcosa. ma darlo noi, senza chiedere che lo facciano gli altri": leggere pikkio significa ritrovare la Lazionet che tutti amiamo

sempre forza Lazio

Online Ranxerox

*****
10728
Re:la elle sul cuore
« Risposta #9 il: 10 Dic 2015, 00:29 »
...ho messo la elle sul cuore.

Offline sharp

*****
20463
Re:la elle sul cuore
« Risposta #10 il: 10 Dic 2015, 05:06 »


.............




 :band1:       :band2:       :band3:





  :bandes:      :band6: :band5:





 :band7:         :band7: :band9:






                          :bakar:
Re:la elle sul cuore
« Risposta #11 il: 10 Dic 2015, 05:49 »
la L sul cuore o ce l'hai o non ce l'hai.
Grande Pikkio!

 :asrm

Offline Vavra

*
3896
Re:la elle sul cuore
« Risposta #12 il: 10 Dic 2015, 07:16 »
Bellissimo. Si potrebbero anche chiudere tutti gli altri topic.

Offline Jeffry

*****
10478
Re:la elle sul cuore
« Risposta #13 il: 10 Dic 2015, 08:59 »

Offline cartesio

*****
19202
Re:la elle sul cuore
« Risposta #14 il: 10 Dic 2015, 09:16 »

Il cuoLe?   :=))

Offline rocchigol

*****
10322
Re:la elle sul cuore
« Risposta #15 il: 10 Dic 2015, 09:18 »
inizio a sentirmi un corpo estraneo a tutti gli altri.
L'amore verso la LAZIO, per me, e' incondizionato. Mi importa pochissimo dei giocatori, figuriamoci del presidente. Per me c'e' la LAZIO. Stasera la vedro' con la passione di sempre.
Tutte le volte che vado allo stadio provo ancora i brividi salendo le scalette dell'olimpico.
Non diminuisce con le sconfitte, non aumenta con le vittorie. Per me l'amore per la LAZIO c'e' sempre stato, c'e', e sempre ci sara'. Forse in modo diverso commisurato all'eta', ma sempre enorme e spontaneo.
I discorsi da ragioniere, le critiche a tutti i costi, la tristezza sono tutte cose che non mi appartengono.
Per me Lotito puo' andare via domani o rimanere a vita. Non mi cambia nulla.
I giocatori devono impegnarsi e sputare sangue per la maglia, se non lo fanno li fischio e magari in un attimo di rabbia li insulto pure. L'allenatore deve essere competente ma sopratutto deve essere un LAZIALE. Come Eriksson come Petkovic come Pioli come Reja come Tommaso. Faccia pulita ed educazione.
io ho la LAZIO nel cuore. Il resto a volte mi fa rabbia, quasi sempre mi scivola via...

Offline gesulio

*****
19253
Re:la elle sul cuore
« Risposta #16 il: 10 Dic 2015, 10:39 »
tutto il topic va sul cuore.

grande!!!  :beer: :ssl
Re:la elle sul cuore
« Risposta #17 il: 10 Dic 2015, 11:30 »
inizio a sentirmi un corpo estraneo a tutti gli altri.
L'amore verso la LAZIO, per me, e' incondizionato. Mi importa pochissimo dei giocatori, figuriamoci del presidente. Per me c'e' la LAZIO. Stasera la vedro' con la passione di sempre.
Tutte le volte che vado allo stadio provo ancora i brividi salendo le scalette dell'olimpico.
Non diminuisce con le sconfitte, non aumenta con le vittorie. Per me l'amore per la LAZIO c'e' sempre stato, c'e', e sempre ci sara'. Forse in modo diverso commisurato all'eta', ma sempre enorme e spontaneo.
I discorsi da ragioniere, le critiche a tutti i costi, la tristezza sono tutte cose che non mi appartengono.
Per me Lotito puo' andare via domani o rimanere a vita. Non mi cambia nulla.
I giocatori devono impegnarsi e sputare sangue per la maglia, se non lo fanno li fischio e magari in un attimo di rabbia li insulto pure. L'allenatore deve essere competente ma sopratutto deve essere un LAZIALE. Come Eriksson come Petkovic come Pioli come Reja come Tommaso. Faccia pulita ed educazione.
io ho la LAZIO nel cuore. Il resto a volte mi fa rabbia, quasi sempre mi scivola via...
Be', e invece non lo sei. Io la penso esattamente come te. Siamo pochi, forse, a giudicare dagli spalti dell'Olimpico e non solo. Ma non siamo solo, né corpi estranei. Io ho imparato che la lazialità va vissuta così. Anzi, che la lazialità è questa. E che quindi nessuno potrà mai levarmela. Te pare poco??

Online syrinx

*
13373
Re:la elle sul cuore
« Risposta #18 il: 10 Dic 2015, 11:31 »
Daje!  :band1:

Offline tommasino

*
11208
Re:la elle sul cuore
« Risposta #19 il: 10 Dic 2015, 12:03 »
Evviva Pikkio, e tutti quelli come lui, evviva Lazionet, e sempre forza Lazio!
 

Powered by SMFPacks Alerts Pro Mod