presunzione, supponenza, incoscienza, audacia, sfortuna o incapacita?

0 Utenti e 2 Visitatori stanno visualizzando questo topic.

presunzione, supponenza, incoscienza, audacia, sfortuna o incapacita?
« il: 28 Ago 2015, 10:59 »
Stamattina leggevo un dato che mi ha fatto molto pensare: della squadra schierata mercoledi sera a Leverkusen, l'unico che aveva esperienza in CL era Mauricio (peraltro forse il peggiore in campo).

Mi è allora venuta voglia di aprire un topic specifico sull'argomento.

Secondo voi, giocarsi la partita più importante della stagione, che che per la SS Lazio valeva un terzo del fatturato annuo, con una squadra di debuttanti è sinonimo di presunzione, supponenza, incoscienza, audacia, sfortuna o incapacità?



Offline pantarei

*
7310
Re:presunzione, supponenza, incoscienza, audacia, sfortuna o incapacita?
« Risposta #1 il: 28 Ago 2015, 11:04 »
mancanza di soldi

Offline Thunder

*
7208
Re:presunzione, supponenza, incoscienza, audacia, sfortuna o incapacita?
« Risposta #2 il: 28 Ago 2015, 11:05 »
Menefreghismo.

Aggiungo che solitamente chi va in Champions aumenta il monte ingaggi, noi l'abbiamo addirittura diminuito, avvicinandosi più ai livelli del Palermo e altre squadre di metà classifica, piuttosto che a quello delle big del nostro campionato.
Re:presunzione, supponenza, incoscienza, audacia, sfortuna o incapacita?
« Risposta #3 il: 28 Ago 2015, 11:09 »
mancanza di soldi

A parte che comunque anche quest'anno di soldi ne hai spesi, ma il mercato si può fare anche vendendo qualcuno che magari è reduce da una stagione positiva e puoi vendere incassando un sacco di soldi e nvestendo il ricavato per rimforzare complessivamente la squadra.

Fermo restando i 5 ragazzini comprati, vendere FA e comprare un Criscito, un Chicarito e un Clasie ci avrebbe rinforzato o indebolito?

Offline pantarei

*
7310
Re:presunzione, supponenza, incoscienza, audacia, sfortuna o incapacita?
« Risposta #4 il: 28 Ago 2015, 11:11 »
hai speso 10 mln .
MS + kishna - cavanda

Online rena89

*
1871
Re:presunzione, supponenza, incoscienza, audacia, sfortuna o incapacita?
« Risposta #5 il: 28 Ago 2015, 11:13 »
La società non ha fatto il massimo per raggiungere l'obiettivo (direi quindi superficialità) perchè come ha detto qualche altro netter ieri questo mercato era perfetto se non facevamo Supercoppa e Preliminari CL, ma con partite cosi decisive già ad agosto bisognava operare diversamente in tempi e modi differenti (ci metto anche un pizzico di sfortuna che però sappiamo che ci attanaglia sempre ovvero gli infortuni di Klose Biglia e Marchetti)

Offline ranocchio

*****
390
Re:presunzione, supponenza, incoscienza, audacia, sfortuna o incapacita?
« Risposta #6 il: 28 Ago 2015, 11:14 »
Stamattina leggevo un dato che mi ha fatto molto pensare: della squadra schierata mercoledi sera a Leverkusen, l'unico che aveva esperienza in CL era Mauricio (peraltro forse il peggiore in campo).

Mi è allora venuta voglia di aprire un topic specifico sull'argomento.

Secondo voi, giocarsi la partita più importante della stagione, che che per la SS Lazio valeva un terzo del fatturato annuo, con una squadra di debuttanti è sinonimo di presunzione, supponenza, incoscienza, audacia, sfortuna o incapacità?
È' una conseguenza delle scelte societarie, per lo più inevitabili con il nostro modello di business/sportivo che non prevede l'acquisizione di giocatori con esperienza da CL (sia per livello retributivo che per costo del cartellino).

Peraltro e' la stessa impostazione societaria che ci ha portato a giocarci questa opportunità, che ci vede ben messi da un punto di vista della solidità di bilancio e che ha costruito una squadra giovane, con valori consolidati da top 5 del campionato e con un ottimo potenziale futuro, almeno sulla carta.
Credo che anche in Europa League si possa dire la nostra.

Non c'è quindi a mio avviso nessun sinonimo di quelli che elenchi. Ci sono scelte consapevoli che comportano opportunità e rinunce. Dobbiamo saper accettare la nostra dimensione e augurarci che si riesca a crescere gradualmente (con pazienza e bravura) di un altro gradino.

Lo dico non per fare apologia delle scelte societarie (farei cose diverse) ma perché una volta esercitato il proprio diritto di critica bisogna guardare la realtà e non alimentare frustrazioni e autoflagellazioni.

Forza Lazio
Re:presunzione, supponenza, incoscienza, audacia, sfortuna o incapacita?
« Risposta #7 il: 28 Ago 2015, 11:23 »
È' una conseguenza delle scelte societarie, per lo più inevitabili con il nostro modello di business/sportivo che non prevede l'acquisizione di giocatori con esperienza da CL (sia per livello retributivo che per costo del cartellino).

Peraltro e' la stessa impostazione societaria che ci ha portato a giocarci questa opportunità, che ci vede ben messi da un punto di vista della solidità di bilancio e che ha costruito una squadra giovane, con valori consolidati da top 5 del campionato e con un ottimo potenziale futuro, almeno sulla carta.
Credo che anche in Europa League si possa dire la nostra.

Non c'è quindi a mio avviso nessun sinonimo di quelli che elenchi. Ci sono scelte consapevoli che comportano opportunità e rinunce. Dobbiamo saper accettare la nostra dimensione e augurarci che si riesca a crescere gradualmente (con pazienza e bravura) di un altro gradino.

Lo dico non per fare apologia delle scelte societarie (farei cose diverse) ma perché una volta esercitato il proprio diritto di critica bisogna guardare la realtà e non alimentare frustrazioni e autoflagellazioni.

Forza Lazio
Concordo. L'unico rischio di tale percorso e' che sia troppo graduale per le star della squadra che potrebbero chiedere la cessione la quale poi sara' investita in altre aspiranti stars in un loop infinito senza mai raggiungere alcun traguardo  :D

Offline blow

*
20008
Re:presunzione, supponenza, incoscienza, audacia, sfortuna o incapacita?
« Risposta #8 il: 28 Ago 2015, 11:27 »
È' una conseguenza delle scelte societarie, per lo più inevitabili con il nostro modello di business/sportivo che non prevede l'acquisizione di giocatori con esperienza da CL (sia per livello retributivo che per costo del cartellino).

Peraltro e' la stessa impostazione societaria che ci ha portato a giocarci questa opportunità, che ci vede ben messi da un punto di vista della solidità di bilancio e che ha costruito una squadra giovane, con valori consolidati da top 5 del campionato e con un ottimo potenziale futuro, almeno sulla carta.
Credo che anche in Europa League si possa dire la nostra.

Non c'è quindi a mio avviso nessun sinonimo di quelli che elenchi. Ci sono scelte consapevoli che comportano opportunità e rinunce. Dobbiamo saper accettare la nostra dimensione e augurarci che si riesca a crescere gradualmente (con pazienza e bravura) di un altro gradino.

Lo dico non per fare apologia delle scelte societarie (farei cose diverse) ma perché una volta esercitato il proprio diritto di critica bisogna guardare la realtà e non alimentare frustrazioni e autoflagellazioni.

Forza Lazio
posso anche essere d'accordo, ed in parte lo sono, ma da tifoso, non occasionale, ma abbonato da oltre 30 anni e malato di Lazio, non riesco ad adeguarmi a questa apatia gestionale, da questa gestione col bilancino.
io tifare il bilancio non riesco.

Offline gentlemen

*
12420
Re:presunzione, supponenza, incoscienza, audacia, sfortuna o incapacita?
« Risposta #9 il: 28 Ago 2015, 11:28 »
Io seppur arrabbiato per il fallimento CL, non me la prendo con la società, il cui modo di agire o progetto è chiaro: si va avanti con la programmazione A PRESCINDERE DAI RISULTATI, quindi si segue una strada di consolidamento costante, valorizzazione dei giovani, competitività, ma che però non viene influenzata da "colpi di testa", e che esula dalle contingenze dei risultati.
Può piacere o no, ma è così, e lo ha ben spiegato tare, che si ispira ai club di livello europeo della Bundesliga.
Lo stesso Bayer Leverkusen, che al timone non ha Lotito, ma la BAYER, una delle più grandi ed importanti multinazionali farmaceutiche del mondo, segue la stessa strategia che Tare applica, da poco, alla Lazio.
A me sta anche bene.
Il nostro obiettivo non può essere come il Bayern o la Juventus, ma essere come un Borussia Dortmund, Schalke 04 o Bayer Leverkusen, e mi sembra che stiamo nei binari giusti.
Alla società contesto, solo la scelta di chi guida la nave ovvero del tecnico, che secondo me è determinante, ma anche qui Tare, oltre a Pioli cercava un allenatore tipo quello del Bayer, purtroppo, al momento, Pioli sta palesando dei limiti nei momenti decisivi.

Online FeverDog

*****
6801
Re:presunzione, supponenza, incoscienza, audacia, sfortuna o incapacita?
« Risposta #10 il: 28 Ago 2015, 11:30 »
Io seppur arrabbiato per il fallimento CL, non me la prendo con la società, il cui modo di agire o progetto è chiaro: si va avanti con la programmazione A PRESCINDERE DAI RISULTATI, quindi si segue una strada di consolidamento costante, valorizzazione dei giovani, competitività, ma che però non viene influenzata da "colpi di testa", e che esula dalle contingenze dei risultati.
Può piacere o no, ma è così, e lo ha ben spiegato tare, che si ispira ai club di livello europeo della Bundesliga.
Lo stesso Bayer Leverkusen, che al timone non ha Lotito, ma la BAYER, una delle più grandi ed importanti multinazionali farmaceutiche del mondo, segue la stessa strategia che Tare applica alla Lazio.
Fino a qui sono d'accordissimo con te, può piacere o meno ma la strategia è questa, meglio abituarsi.
Re:presunzione, supponenza, incoscienza, audacia, sfortuna o incapacita?
« Risposta #11 il: 28 Ago 2015, 11:31 »
È' una conseguenza delle scelte societarie, per lo più inevitabili con il nostro modello di business/sportivo che non prevede l'acquisizione di giocatori con esperienza da CL (sia per livello retributivo che per costo del cartellino).

Peraltro e' la stessa impostazione societaria che ci ha portato a giocarci questa opportunità, che ci vede ben messi da un punto di vista della solidità di bilancio e che ha costruito una squadra giovane, con valori consolidati da top 5 del campionato e con un ottimo potenziale futuro, almeno sulla carta.
Credo che anche in Europa League si possa dire la nostra.

Non c'è quindi a mio avviso nessun sinonimo di quelli che elenchi. Ci sono scelte consapevoli che comportano opportunità e rinunce. Dobbiamo saper accettare la nostra dimensione e augurarci che si riesca a crescere gradualmente (con pazienza e bravura) di un altro gradino.

Lo dico non per fare apologia delle scelte societarie (farei cose diverse) ma perché una volta esercitato il proprio diritto di critica bisogna guardare la realtà e non alimentare frustrazioni e autoflagellazioni.

Forza Lazio

E la medesima strategia che ha seguito con fortuna l'Udinese negli ultimi anni e che stanno provando a fare anche a Firenze. Per piazze del genere può trattarsi di una strategia vincente e condivisibile. Qui però si è a Roma, si gioca in uno stadio da 70 mila posti e ci si confronta quotidianamente con l'altra squadra della città che invece segue un'altra strategia e che ci sta surclassando in classifica da diversi anni (purtroppo).

Offline gentlemen

*
12420
Re:presunzione, supponenza, incoscienza, audacia, sfortuna o incapacita?
« Risposta #12 il: 28 Ago 2015, 11:37 »
E la medesima strategia che ha seguito con fortuna l'Udinese negli ultimi anni e che stanno provando a fare anche a Firenze. Per piazze del genere può trattarsi di una strategia vincente e condivisibile. Qui però si è a Roma, si gioca in uno stadio da 70 mila posti e ci si confronta quotidianamente con l'altra squadra della città che invece segue un'altra strategia e che ci sta surclassando in classifica da diversi anni (purtroppo).
Surclassando ?.....DOVE ?
Se mi parli di ambizioni dichiarate va bene, ma io, naturalmente escludendo i primi 4 anni della gestione Lotito, dove avevamo una società plurindebitata da riportare alla vita, ed un monte ingaggi molto limitato,
dal 2010 ad ora questo "surclassando" non lo vedo proprio.

Offline poto

*
49
Re:presunzione, supponenza, incoscienza, audacia, sfortuna o incapacita?
« Risposta #13 il: 28 Ago 2015, 11:45 »
È' una conseguenza delle scelte societarie, per lo più inevitabili con il nostro modello di business/sportivo che non prevede l'acquisizione di giocatori con esperienza da CL (sia per livello retributivo che per costo del cartellino).

Peraltro e' la stessa impostazione societaria che ci ha portato a giocarci questa opportunità, che ci vede ben messi da un punto di vista della solidità di bilancio e che ha costruito una squadra giovane, con valori consolidati da top 5 del campionato e con un ottimo potenziale futuro, almeno sulla carta.
Credo che anche in Europa League si possa dire la nostra.

Non c'è quindi a mio avviso nessun sinonimo di quelli che elenchi. Ci sono scelte consapevoli che comportano opportunità e rinunce. Dobbiamo saper accettare la nostra dimensione e augurarci che si riesca a crescere gradualmente (con pazienza e bravura) di un altro gradino.

Concordo con il modello di business/sportivo che non ci permette di acquistare calciatori da Cl, ma questa opportunità non ce l'ha data questo modello, bensì un serie di circostanze favorevoli.
Questo modello di squadra giovane non ha ambizioni, è un modello di "investimento", non certo un modello vincente. Io investo nei giovani e quelli bravi poi li rivendo facendo speculazione. E' un atteggiamento imprenditoriale che non lascia speranze al tifoso. Certo i bilanci quadrano, ma a me cosa cambia? Vado dal romanista o dallo juventino e gli sventolo in faccia la mia felicità per il bilancio?
Il peccato originale di questo presidente è quello di avermi spento il desiderio, neanche l'ambizione,  di sognare....
 

Offline giò7

*****
6647
Re:presunzione, supponenza, incoscienza, audacia, sfortuna o incapacita?
« Risposta #14 il: 28 Ago 2015, 11:52 »
Stamattina leggevo un dato che mi ha fatto molto pensare: della squadra schierata mercoledi sera a Leverkusen, l'unico che aveva esperienza in CL era Mauricio (peraltro forse il peggiore in campo).

Mi è allora venuta voglia di aprire un topic specifico sull'argomento.

Secondo voi, giocarsi la partita più importante della stagione, che che per la SS Lazio valeva un terzo del fatturato annuo, con una squadra di debuttanti è sinonimo di presunzione, supponenza, incoscienza, audacia, sfortuna o incapacità?

tolgo l'audacia e la sfortuna. Per il resto è un mix di tutto il resto. Nulla a cui non siamo abituati da quando quei due sono alla Lazio.

Offline Palo

*****
11419
Re:presunzione, supponenza, incoscienza, audacia, sfortuna o incapacita?
« Risposta #15 il: 28 Ago 2015, 11:56 »
Concordo con il modello di business/sportivo che non ci permette di acquistare calciatori da Cl, ma questa opportunità non ce l'ha data questo modello, bensì un serie di circostanze favorevoli.
Questo modello di squadra giovane non ha ambizioni, è un modello di "investimento", non certo un modello vincente. Io investo nei giovani e quelli bravi poi li rivendo facendo speculazione. E' un atteggiamento imprenditoriale che non lascia speranze al tifoso. Certo i bilanci quadrano, ma a me cosa cambia? Vado dal romanista o dallo juventino e gli sventolo in faccia la mia felicità per il bilancio?
Il peccato originale di questo presidente è quello di avermi spento il desiderio, neanche l'ambizione,  di sognare....
scusa ma la parte evidenziata te la devi essere sognata. Hai mangiato pesante?

Allo juventino gli puoi sventolare in faccia la tua maglia biancazzurra e il tuo orgoglio biancazzurra, al romanista ... sbattigli una coppa in faccia!

Offline ranocchio

*****
390
Re:presunzione, supponenza, incoscienza, audacia, sfortuna o incapacita?
« Risposta #16 il: 28 Ago 2015, 12:10 »
Concordo. L'unico rischio di tale percorso e' che sia troppo graduale per le star della squadra che potrebbero chiedere la cessione la quale poi sara' investita in altre aspiranti stars in un loop infinito senza mai raggiungere alcun traguardo  :D
Beh dal mio punto di vista e' una quasi certezza, per questo farei cose diverse.
Ma non sono in vista cambiamenti. Rispetto per i risultati raggiunti e ottimismo sono il mio spirito di compensazione.

Offline ranocchio

*****
390
Re:presunzione, supponenza, incoscienza, audacia, sfortuna o incapacita?
« Risposta #17 il: 28 Ago 2015, 12:12 »
posso anche essere d'accordo, ed in parte lo sono, ma da tifoso, non occasionale, ma abbonato da oltre 30 anni e malato di Lazio, non riesco ad adeguarmi a questa apatia gestionale, da questa gestione col bilancino.
io tifare il bilancio non riesco.
Ti capisco e non provo sentimenti diversi dai tuoi. Le cose però non cambieranno nel breve, dobbiamo saper cogliere il buono con ottimismo. Non voglio essere didascalico, e' il mio modo di rapportarmi alla nostra dimensione.

Offline Thunder

*
7208
Re:presunzione, supponenza, incoscienza, audacia, sfortuna o incapacita?
« Risposta #18 il: 28 Ago 2015, 12:13 »
Il nostro "modello sportivo" non ti impedisce di portare Milinkovic e Kishna un mesetto prima, non a due giorni dalla finale di Supercoppa e a 10 giorni dal preliminare di Champions. Ma di che cosa stiamo parlando, ma per carità.

Offline ranocchio

*****
390
Re:presunzione, supponenza, incoscienza, audacia, sfortuna o incapacita?
« Risposta #19 il: 28 Ago 2015, 12:14 »
E la medesima strategia che ha seguito con fortuna l'Udinese negli ultimi anni e che stanno provando a fare anche a Firenze. Per piazze del genere può trattarsi di una strategia vincente e condivisibile. Qui però si è a Roma, si gioca in uno stadio da 70 mila posti e ci si confronta quotidianamente con l'altra squadra della città che invece segue un'altra strategia e che ci sta surclassando in classifica da diversi anni (purtroppo).
Lo so. Bisogna tenere duro e sperare che Sabatini continui a spendere i soldi così male. E che Tare si confermi sempre molto più bravo di lui e dei suoi omologhi.
 

Powered by SMFPacks Alerts Pro Mod