Riflessioni generali, Stagione 2018/2019

0 Utenti e 40 Visitatori stanno visualizzando questo topic.

Offline Balde89

*
2361
Sesso: Maschio
Riflessioni generali, Stagione 2018/2019
« il: 06 Ott 2018, 16:41 »
Il problema del Laziale, sostanzialmente, è che ha poca memoria e tanta (troppa) speranza che tante volte si trasforma in ottusità.
L'eccessivo criticismo ha prodotto il fenomeno di rimbalzo dello "stattezitto e non discute, va tutto bene". Si è diffuso questo ottimismo patologico irreale che porta il Laziale medio a dire, dopo partite inguardabili come Frosinone ed Empoli, sticaxxi se giochiamo male, magari a vincerle tutte giocando così.
Ecco.
Mi spiace contraddire i simpatici e inguaribili ottimisti, ma le avvisaglie di una stagione problematica si intravedono proprio da questi piccoli dettagli.
Ma il Laziale ha memoria corta.

Sono campanelli che cominciano in campagna acquisti.
Quando senti Lotito dire che Milinkovic neanche per 300 milioni si vende, come all'epoca non si vendeva Biglia e non si vendeva Felipe Anderson, e per 40 milioni neanche lo scarpino di Hernanes.
Ma non lo vedete un loop che si ripete in tutto questo?

Che c'è di così sbagliato nel rivoluzionare una squadra e investire in vivaio, accademy, allenatore e collaboratori?
 
Il famoso salto di qualità è tutto quì eh. E' inutile girarci intorno.
Abbiamo una gestione che si atteggia a Big quando Big non è. Puntiamo a galleggiare sempre nella stessa mediocrità, glissando i fallimenti in campionato dicendoci che beh, Napoli, Juve, Roma, Inter e Milan sono più forti, c'è poco da fare. Ma cosa facciamo noi per costruire una rosa più forte? Nulla.

Dopo una buona stagione ci mettiamo ad urlare che abbiamo una squadra che vale miliardi, che Milinkovic non si vende neanche per il pil del Lussemburgo, che sono arrivate offerte per tanti giocatori ma noi decidiamo chi va via e chi resta perchè a differenza degli altri noi abbiamo il potere, che noi non dobbiamo vendere perchè il nostro bilancio è in regola... e via così per tutta l'estate.

E arriviamo ad inizio campionato con una squadra che secondo noi è il Real, con i giocatori con l'ansia da prestazione da dover dimostrare di valere più di Cristiano Ronaldo e un carico di aspettative che solo le Big possono permettersi.

Non sono i giornali che nella classifica di fine anno ci mettono sempre dietro, siamo noi che pensiamo erroneamente di stare più avanti.

Quindi possiamo parlare di modulo anche per 6 mesi da qui in avanti, possiamo convincerci che il problema è quello, la testardagine di Inzaghi. In realtà abbiamo una squadra con 3-4 buoni giocatori, un paio di potenziali fenomeni (che però tutto ancora devono dimostrare) e tanti, tantissimi giocatori nella media che pompiamo perchè fomentati da un paio di belle giocate.
La nostra squadra titolare è composta da 11 giocatori di cui solo 3-4 giocherebbero titolari in una big. E forse è anche tanto.

Questa è la realtà.
Il salto di qualità non arriva.
Prepariamoci alla solita stagione dell'anno dispari in cui sicuramente ci riprenderemo ma ormai abbiamo già inciampato. E sono gli inciampi che a fine stagione paghi.

Alla fine della giostra, quando anche questa stagione sarà finita, saremo di nuovo al punto di partenza, torniamo ad essere l'outsider perchè abbiamo fallito (di nuovo) la possibilità di entrare definitivamente fra le grandi.
E cominceremo a trovare alibi. Eh, ma gli altri rubano, eh ma gli arbitri, eh ma il bilancio in rosso degli... La realtà, amici Laziali, è che siamo noi ad avere la memoria corta e ad essere insensibili ai campanelli d'allarme.

Quando in piena campagna acquisti dicevo che Milinkovic per 120 milioni era da vendere senza neanche pensarci due volte mi è stato dato del romanista.

Ma va bene così.
Sempre Forza Lazio e Domenica tutti allo stadio.


 


Re:Riflessioni generali, Stagione 2018/2019
« Risposta #1 il: 06 Ott 2018, 17:02 »
Il laziale tende a sopravvalutare la squadra, non pensando che il sangue dalle rape non si estrae, e che se la società investe briciole, difficilmente raccoglierà diamanti.
Lotito è un presidente per questa dimensione, che non è né un bene né un male in senso assoluto, ma semplicemente non deve creare più aspettative di quanto possa rispettarne, e noi non dobbiamo farci troppe illusioni.

Mi allaccio al tuo ragionamento per fare una piccola riflessione. Da noi sono passati giocatori che nel nostro ambiente sembravano fenomeni salvatori della patria, e altrove si sono rivelati giocatori piuttosto mediocri, quando non veri e propri pacchi.

Mi viene in mente, in primis, Hernanes, giocatore che ho sempre odiato (sportivamente parlando) per la sua lentezza, per l'inconsistenza, per la discontinuità, ma che in questo ambiente aveva generato un'allucinazione collettiva secondo la quale fosse particolarmente forte. E io che mi chiedevo di continuo dove lo si vedesse tutto questo valore. Andato via dalla Lazio, ha dimostrato tutta la sua mediocrità all'Inter e l'inutilità alla Juve.

Esempi diversi, i giovani. Chi dice che abbiamo un ottimo vivaio, secondo me non sa di che cosa parla. Se Cataldi, Murgia, Lombardi e (sì, ci metto anche lui ormai) Strakosha sono talenti, io sono il Papa. Interpreti assolutamente normali, da media Serie A, che noi eleviamo come giocatori di prospettiva. Quindi sfatiamo questo mito: non abbiamo un buon settore giovanile.

Detto questo, comunque, trovo che quest'anno il problema principale sia Inzaghi, un allenatore del tutto mediocre (anche lui sopravvalutato), inesperto e anche poco competente. Aveva iniziato benino, con umiltà, ma ormai si è perso nel fenomenismo, nell'ostinazione di portare avanti le sue idee con i paraocchi, ignorando i problemi che la squadra ha da più di un anno come se i tre gol a partita subiti fossero ogni volta una casualità. Se non cambiamo al più presto il tecnico, quest'anno arriviamo ottavi/noni.

Offline TomYorke

*****
7041
Re:Riflessioni generali, Stagione 2018/2019
« Risposta #2 il: 06 Ott 2018, 17:05 »
Ammazza oh, troppo troppo ottimismo nell'ambiente Lazio.
Ma da sempre eh.

Ma do' vivete?

Offline Ranxerox

*****
8004
Sesso: Maschio
Re:Riflessioni generali, Stagione 2018/2019
« Risposta #3 il: 06 Ott 2018, 17:24 »
La risposta è  già nei vostri post.
La Lazio non è una grande.
Non me ha livello economico e la storia.
Non ce l'ha mai avuto se non in un'occasione in 118 di storia.
Fatevene una ragione e vivete sereni che questa Lazio è una delle migliori che ci sia mai stato dato di vedere.

Offline meanwhile

*****
3607
Sesso: Maschio
Re:Riflessioni generali, Stagione 2018/2019
« Risposta #4 il: 06 Ott 2018, 17:29 »
Re:Riflessioni generali, Stagione 2018/2019
« Risposta #5 il: 06 Ott 2018, 17:30 »
La risposta è  già nei vostri post.
La Lazio non è una grande.
Non me ha livello economico e la storia.
Non ce l'ha mai avuto se non in un'occasione in 118 di storia.
Fatevene una ragione e vivete sereni che questa Lazio è una delle migliori che ci sia mai stato dato di vedere.
Concordo, però nel suo essere una squadra di fascia medio-alta, la Lazio di quest'anno (e anche quella dell'anno scorso) è anomala. Troppo sbilanciata, subisce in difesa più di una squadra da retrocessione, e questo si può e si deve migliorare a prescindere dal valore globale della rosa.

Offline Miro25Klose

*
4709
Sesso: Maschio
Re:Riflessioni generali, Stagione 2018/2019
« Risposta #6 il: 06 Ott 2018, 17:49 »
Si è diffuso questo ottimismo patologico irreale

Ma sei serio? Ma quale ottimismo? La maggior parte dei laziali stanno sempre a piangere perchè non gli sta bene mai niente, io sento e leggo solo polemiche anche quando si vince. Adesso poi, dopo 2 sconfitte, fermate proprio, so usciti fuori tutti gli allenatori mancati che ti spiegano come dovrebbe giocare la Lazio e perchè Inzaghi non capisce un cazzo e che dovrebbe essere esonerato.
Come fai a dire che il nostro ambiente è ottimista io non lo so.

Offline superdelio

*
4048
Re:Riflessioni generali, Stagione 2018/2019
« Risposta #7 il: 06 Ott 2018, 17:52 »
ciaocòre.

Offline somar73

*
278
Re:Riflessioni generali, Stagione 2018/2019
« Risposta #8 il: 06 Ott 2018, 17:55 »
I post di Balde e Assoluto contengono elementi di interesse. Ma sono un po’ di parte: non é vero che sopravvalutiamo tutti i giocatori, per un hernanes ci sono anche i kolarov (ahimé) o i Lichtsteiner. Mi sono venuti in mente questi.
Comunque meglio questi post che quelli pjaperculo che già sono iniziati.
 :since :asrm

Offline Balde89

*
2361
Sesso: Maschio
Re:Riflessioni generali, Stagione 2018/2019
« Risposta #9 il: 06 Ott 2018, 18:29 »
Ci siamo indeboliti, chi dice il contrario vive su un altro pianeta.

Squadra con un anno in più, con le stesse lacune dello scorso anno. Per lo meno l'anno scorso c'era freschezza, entusiasmo, c'era la consapevolezza di vedere in campo una squadra con gli attributi.
Quest'anno scendono in campo come se sapessero che le nostre aspettative saranno deluse.

Ragazzi, abbiamo perso tutti gli scontri diretti e quando abbiamo vinto abbiamo giocato male contro avversari di seconda fascia.
Appena siamo andati a sfidare squadre un pò più blasonate abbiamo preso sempre più di due gol a partita.

Poi magari mi sbagliassi eh, sarei il primo entusiasta di ricommentare questo post fra 6 mesi dicendo "ammazza, non avevo capito niente".

Offline zorba

*****
3357
Re:Riflessioni generali, Stagione 2018/2019
« Risposta #10 il: 06 Ott 2018, 18:30 »
Ci siamo indeboliti, chi dice il contrario vive su un altro pianeta.

Squadra con un anno in più, con le stesse lacune dello scorso anno. Per lo meno l'anno scorso c'era freschezza, entusiasmo, c'era la consapevolezza di vedere in campo una squadra con gli attributi.
Quest'anno scendono in campo come se sapessero che le nostre aspettative saranno deluse.

Ragazzi, abbiamo perso tutti gli scontri diretti e quando abbiamo vinto abbiamo giocato male contro avversari di seconda fascia.
Appena siamo andati a sfidare squadre un pò più blasonate abbiamo preso sempre più di due gol a partita.

Poi magari mi sbagliassi eh, sarei il primo entusiasta di ricommentare questo post fra 6 mesi dicendo "ammazza, non avevo capito niente".

Ecco, magari già da domani...

In amicizia, Balde!

 :=)) :=)) :=)) ;)

Offline WernerHeisenberg

*
700
Sesso: Maschio
Re:Riflessioni generali, Stagione 2018/2019
« Risposta #11 il: 06 Ott 2018, 19:25 »
Posso pure essere d'accordo su alcuni punti, ma la cojo.nella sugli arbitri non la accetto. Quello che si sta verificando quest'anno è proprio quello che hanno voluto e cercato l'anno scorso mandandoci dei sicari col fischietto. Va bene tutto, il "negazionismo storico" proprio no.
D'accordo sul discorso del repulisti, a maggio sarei stato ben contento di una rivoluzione in squadra con l'acquisto di giocatori di spessore. Imputo per la prima volta al Presidente la colpa di non aver avuto un pizzico di coraggio in più.

Offline syrinx

*
11685
Sesso: Maschio
Re:Riflessioni generali, Stagione 2018/2019
« Risposta #12 il: 06 Ott 2018, 19:31 »
Ammazza oh, troppo troppo ottimismo nell'ambiente Lazio.
Ma da sempre eh.

Ma do' vivete?

Non ci si crede.

Offline WernerHeisenberg

*
700
Sesso: Maschio
Re:Riflessioni generali, Stagione 2018/2019
« Risposta #13 il: 06 Ott 2018, 19:47 »
L'altra colpa, se vogliamo definirla tale, è quella di non essersi espresso sulla porcata dello scorso anno. Silenzi pesantissimi.
Abbiamo il 99% dei media, a meno di siti che possono conoscere i più battaglieri tra noi (vedasi [...]), che stanno facendo una battaglia contro Lotito, quindi contro la Lazio, riuscendo persino a mettere in mezzo ragazzi morti; siamo nemici giurati, per quanto sia anche colpa di alcune bestie che abbiamo nella nostra tifoseria, dell'élite culturale/politica di questo paese; siamo in co-abitazione della SdS (Squadra di Stato) stra-pompata e stra-aiutata; e per finire, ci siamo inimicati pure l'AIA. L'errore forse della società, ripeto, è non avere quel coraggio necessario a cambiare alcuni aspetti o a evitare questa "guerra totale": va comunque dato atto che si lavora in un campo minato.

Forza Lazio

asromamerda

Offline Davy_Jones

*****
5911
Sesso: Maschio
Re:Riflessioni generali, Stagione 2018/2019
« Risposta #14 il: 06 Ott 2018, 19:57 »
un topic su lazio.net che inizia con due lenzuoli che sostengono che ci sia troppo ottimismo e troppa speranza nell'ambiente laziale... magritte ci fa un raspone a due mani

Offline laziAle82

*****
11279
Sesso: Femmina
Re:Riflessioni generali, Stagione 2018/2019
« Risposta #15 il: 06 Ott 2018, 20:19 »
Io non vorrei smontare tutti questi bei ragionamenti, per carità.
Ma a livello di match siamo esattamente agli stessi punti dell’anno scorso. Nessuno mette la testa sotto la sabbia, ma ttto ‘sto dramma a me sembra decisamente esagerato.

Poi per carità, come si apre uno spiraglio per ricominciare a martellare sul solito tasto, i tanti che erano spariti PAF! Rieccoteli subito.
Re:Riflessioni generali, Stagione 2018/2019
« Risposta #16 il: 06 Ott 2018, 20:31 »
I post di Balde e Assoluto contengono elementi di interesse. Ma sono un po’ di parte: non é vero che sopravvalutiamo tutti i giocatori, per un hernanes ci sono anche i kolarov (ahimé) o i Lichtsteiner. Mi sono venuti in mente questi.
Comunque meglio questi post che quelli pjaperculo che già sono iniziati.
 :since :asrm
Grazie.
Beh, di parte no però, io sono laziale e voglio il bene della Lazio, non avrei nessun interesse a criticare se non pensassi davvero quello che dico.

Sì, certamente giocatori buoni/ottimi ne abbiamo avuti e ne abbiamo ancora oggi, ma infatti non sto dicendo che siamo una squadra da metà classifica. Semplicemente tendiamo a vederci più forti di quello che realmente siamo. Kolarov e Lichtsteiner sono due esempi virtuosi portati da Sabatini, che ha lavorato un po' meglio di Tare. Quest'ultimo, suo malgrado, chiamato all'impresa impossibile di cavare sangue dalle rape, non sempre ha fatto bene. Il suo operato si divide nettamente in due parti:

1) giocatori molto forti (SMS, Luis Alberto, Immobile, De Vrij, Leiva) che hanno composto una più che dignitosa ossatura;
2) giocatori molto scarsi (Alfaro, Djordjevic, Mauricio, Bisevac, Novaretti, Vargic, Marusic, Patric) spesso diventati esuberi impossibili da piazzare da nessuna parte, e che hanno continuato o continuano a mangiarci parte del monte ingaggi inutilmente.

Poche mezze misure, pochi giocatori medi e di sicuro affidamento; il che porta a una squadra con ottimi elementi ma sempre incompleta, povera di seconde linee, che ti mette in campo dei quasi campioni in alcuni ruoli e delle pippe impresentabili in altri. I giocatori forti sono da secondo/terzo posto, quelli scarsi da Serie B. Non c'è equilibrio, e Inzaghi mette il carico da novanta giocando alla viva il parroco.

Inutile stare a dire che non c'è ottimismo, quando di fatto non ci sono i presupposti per sperare in una crescita. La campagna acquisti ci ha visti uscire indeboliti, per l'ennesima volta dopo una stagione in cui servivano rinforzi. Il pessimismo è un'altra cosa, questo si chiama realismo.

Offline olympia

*
4517
Sesso: Femmina
Re:Riflessioni generali, Stagione 2018/2019
« Risposta #17 il: 06 Ott 2018, 20:35 »
L'unico problema della Lazio è il suo pubblico. Ma l'avete visto lo stadio di Francoforte , da brivido. Noi sappiamo solo chiacchierare. Ma pensate a tifare, invece di scrivere cavolate. Tutti professoroni, che sanno tutto del calcio. Bravi, continuate così a distruggere tutto e tutti.

Offline alex73

*****
7489
Sesso: Maschio
Re:Riflessioni generali, Stagione 2018/2019
« Risposta #18 il: 06 Ott 2018, 20:38 »
Vedo anche io cose che nn mi sono piaciute però segnalo che siamo al 6 ottobre....qui sembra che la stagione sia andata a porta le già....mi sembra un Po eccessivo no?

Offline ES

*
10901
Re:Riflessioni generali, Stagione 2018/2019
« Risposta #19 il: 06 Ott 2018, 20:45 »
L'unico problema della Lazio è il suo pubblico. Ma l'avete visto lo stadio di Francoforte , da brivido. Noi sappiamo solo chiacchierare. Ma pensate a tifare, invece di scrivere cavolate. Tutti professoroni, che sanno tutto del calcio. Bravi, continuate così a distruggere tutto e tutti.

E già.

Ragazzi, senza voler fare polemica, ma abbiamo un pubblico da bassa serie A, allo stadio, e da sesto posto per un incassi.

Ma con che faccia parliamo?

Io non ce la faccio a muovere alcuna critica, mi limito a vergognarmi come tifoso Laziale.

E spero la squadra non si adegui alla nostra mediocrità, che è purtroppo oggettiva.

Senza polemica, davvero, non voglio creare contrapposizioni, però questa situazione è oggettivamente allarmante, inquietante, desolante.
Deprimente.

Io non ce la faccio a muovere alcuna critica, perché in quanto tifoso sto facendo meno della società, della squadra, e di tutti i componenti.
Con che faccia potrei?
 

Powered by SMFPacks Alerts Pro Mod