Elezioni: i commenti dei Lazionetters

0 Utenti e 8 Visitatori stanno visualizzando questo topic.

Re:Elezioni: i commenti dei Lazionetters
« Risposta #6300 il: 06 Nov 2019, 16:54 »
Re:Elezioni: i commenti dei Lazionetters
« Risposta #6301 il: 09 Nov 2019, 12:25 »

In difesa di Nicola Zingaretti
Ora che risultati elettorali e sondaggi lo danno in declino, molti autorevoli commentatori intonano il canto funebre per un leader che ha l’unica colpa di aver fatto tutto quello che dicevano loro

09 novembre 2019
di Francesco Cundari


Da quando i risultati delle elezioni regionali e quelli ancor più impietosi dei sondaggi hanno messo in luce la debolezza del Pd, editorialisti e retroscenisti hanno cominciato a dare per scontata non meno che imminente la conclusione di un’agonia politica di cui, in verità, non ci avevano mai raccontato l’inizio.

E così, mentre già si cominciano a leggere i nomi dei possibili successori di Nicola Zingaretti, alle profezie di sventura sulle prossime scadenze elettorali si aggiungono le critiche e le recriminazioni, e in molti si domandano come sia potuto accadere che l’alleanza giallorossa, nata poco più di due mesi fa per sbarrare il passo alla destra, in così poco tempo sembri avere già sortito l’effetto diametralmente opposto.

Giusto ieri la media tra le rilevazioni di tutti i principali istituti di sondaggi certificata settimanalmente da Youtrend/Agi ha messo nero su bianco che il centrodestra avrebbe ormai la maggioranza assoluta dei consensi, mentre quello che dovrebbe essere il primo partito di opposizione, il Pd, otterrebbe appena il 18,7. Vale a dire esattamente lo stesso identico risultato delle politiche del 2018, quel minimo storico al quale era stata (giustamente) inchiodata la leadership di Matteo Renzi.

Pertanto, obiettare che sul risultato di oggi pesa la scissione di Italia Viva sarebbe doppiamente fuorviante: in primo luogo perché, come già spiegato su queste pagine, il risultato ottenuto dal Pd in Umbria (22,3), dove Italia Viva non si presentava, proiettato su scala nazionale sarebbe perfino inferiore (16,8). E in secondo luogo per una ragione di buon gusto, prima ancora che logica: sono infatti i sostenitori della tesi secondo cui a far crollare i consensi al Pd sarebbe stata la svolta a destra impressa da Renzi a dover spiegare perché, dopo la sua uscita dal Pd, quei voti non siano tornati a casa.

Tanto più in corrispondenza del tracollo del Movimento Cinque Stelle, che secondo la stessa teoria si sarebbe giovato proprio di quei voti di sinistra messi in fuga da Renzi (a giudicare dai flussi, se ne dovrebbe concludere che i voti di sinistra trasmigrati dal Pd verso di loro abbiano infine trovato casa nella Lega di Matteo Salvini).

Ma Nicola Zingaretti, a essere onesti, non è né il primo né il secondo nella lista di tutti coloro che dovrebbero dare qualche spiegazione in proposito. A spanne, direi che almeno i primi cento posti sono già occupati, con miglior titolo, da una lunga schiera di giornalisti, intellettuali e conduttori televisivi – ma anche attori, cantanti, registi e scrittori – che da almeno due anni ci spiegano come il Pd debba fare esattamente tutto quello che ha fatto Zingaretti negli ultimi due mesi.

Un coro assordante che non ha solo contribuito a spingere il Pd sulla strada sbagliata, ma che ha al tempo stesso contribuito a mettercelo nella posizione oggettivamente più difficile: quella di chi deve praticamente chiedere solo perdono per tutto quello che ha detto e fatto fino al giorno prima, e che dai Cinquestelle ha solo da imparare, se vuole riconquistare un rapporto con il suo popolo, con le periferie, con gli esclusi.

Quante dotte lezioni sono state inflitte ai dirigenti del Partito Democratico su come prendere esempio dai Cinquestelle, a cominciare dal reddito di cittadinanza, fino a ieri indicato da tanti come il tipico provvedimento di sinistra che il Pd avrebbe dovuto essere il primo a sostenere. E oggi come l’emblema di un metodo di governo capace di illudere molti per poi scontentare tutti, con effetti disastrosi tanto sul governo del paese quanto sul consenso dei governanti.

La linea dell’abbraccio acritico e incondizionato ai Cinquestelle – peraltro più simile a quello di un pugile suonato nei confronti dell’avversario che a quello di un innamorato – non si sarebbe affermata in modo tanto rapido e incontrastato, se non avesse avuto alle spalle due anni di un simile cannoneggiamento.

Per quanto l’immagine possa risultare straniante, gran parte dei nostri più autorevoli commentatori somigliano agli amici dell’indimenticabile Sogliola di Animal House, e con lo stesso spirito oggi sembrano compatire il segretario del Pd: «Avanti, Nicola, vorrai mica passare il resto della vita a piangere sul latte versato? Hai fatto una sciocchezza: ti sei fidato di noi».

Offline FatDanny

*****
17813
Re:Elezioni: i commenti dei Lazionetters
« Risposta #6302 il: 12 Nov 2019, 16:32 »
Re:Elezioni: i commenti dei Lazionetters
« Risposta #6303 il: 12 Nov 2019, 17:08 »
Sull'Ilva:

https://www.wumingfoundation.com/giap/2019/11/taranto-alien/

Articolo molto bello, e che pone interrogativi pesanti sul modello di sviluppo imposto a Taranto (e a gran parte dell'Italia?). Finalmente un autore che non si distrae su riflessioni sui massimi sistemi (almeno in quest'articolo), e che lascia pressocchè in sospeso un tema che qui sopra viene spesso dibattuto: il male del capitalismo.

Io mi domando e vi domando, senza vena polemica: ma un modello di sviluppo capitalistico E comunque ricco di elementi sociali (leggasi ambiente, servizi sociali, etc.) e di solidarietà sul tipo dei Paesi Scandinavi, perchè non potrebbe essere una soluzione possibile per l'Italia?

Perchè l'Italia (o dovrei dire gli Italiani), in tutte le sue (loro) declinazioni politiche, non riesce (riescono) a trovare una sintesi realistica su quel che è possibile fare senza dovere necessariamente buttare a monte quel po' di buono che abbiamo e senza inseguire chimere utopiche che prendono lo zerovirgola alle elezioni?

Grazie per la condivisione, FD.

Offline FatDanny

*****
17813
Re:Elezioni: i commenti dei Lazionetters
« Risposta #6304 il: 14 Nov 2019, 19:06 »
Per Gio e chi dice che non c'è un problema specifico oggi in merito a razzismo e neofascismo.
Questa è la percezione di chi se lo vive sulla pelle:

Balkissa maiga è italiana, originaria del Mali, vive a Roma da dieci anni. “Ma mai come negli ultimi 2 anni mi sono sentita aggredita con così facilità. Le aggressioni verbali che ho vissuto per strada non le conto più, sui mezzi pubblici non ne parliamo. Non li prendo più. Oggi - dice Balkissa - la gente sente di avere il permesso di fare tutto.”
Re:Elezioni: i commenti dei Lazionetters
« Risposta #6305 il: 14 Nov 2019, 19:41 »
Per Gio e chi dice che non c'è un problema specifico oggi in merito a razzismo e neofascismo.
Questa è la percezione di chi se lo vive sulla pelle:

Balkissa maiga è italiana, originaria del Mali, vive a Roma da dieci anni. “Ma mai come negli ultimi 2 anni mi sono sentita aggredita con così facilità. Le aggressioni verbali che ho vissuto per strada non le conto più, sui mezzi pubblici non ne parliamo. Non li prendo più. Oggi - dice Balkissa - la gente sente di avere il permesso di fare tutto.”

E' stato sdoganato il disprezzo per il p.c.: oggi puoi dare del negro a chiunque. Per disgrazia, c'è un effetto circolare e moltiplicatore tra il linguaggio dei social, il linguaggio della politica e il linguaggio della quotidianiatà reale.

Altro problema, è che il linguaggio è in qualche modo conformativo della realtà.

Io non vedo ancora un tema reale di neofascismo. Di razzismo e, in generale, latente disprezzo della dignità umana, sotto il jingle clikkatissimo "prima gli italiani" (non "prima i deboli", "prima gli ultimi", "prima i meno fortunati": no, prima gli italiani. E sticazzi)......

Online carib

*****
27875
Re:Elezioni: i commenti dei Lazionetters
« Risposta #6306 il: 15 Nov 2019, 10:28 »

Io non vedo ancora un tema reale di neofascismo.
Perché? Sento dire spesso questa cosa e non mi capacito. Anche nei primi anni Venti gli italiani non sapevano di vivere il fascismo (violenza fisica e verbale, aggressioni, discriminazioni, soppressione e oppressione del dissenso, machismo etc etc: questo è il fascismo). Quando se ne accorsero - oppure quando se ne vollero accorgere...? - era troppo tardi.

salvini, meloni, casapound, pillon, ruini, forza nuova cosa sono, cosa dicono, cosa fanno di diverso dai marci su roma?
Re:Elezioni: i commenti dei Lazionetters
« Risposta #6307 il: 15 Nov 2019, 20:28 »
https://www.avvenire.it/papa/pagine/papa-francesco-a-cena-con-i-poveri

Sarò strano, ma Papa Francesco è, per me, l'unico vero comunista vivente!
Que viva Francesco!
Re:Elezioni: i commenti dei Lazionetters
« Risposta #6308 il: 15 Nov 2019, 20:32 »
Perché? Sento dire spesso questa cosa e non mi capacito. Anche nei primi anni Venti gli italiani non sapevano di vivere il fascismo (violenza fisica e verbale, aggressioni, discriminazioni, soppressione e oppressione del dissenso, machismo etc etc: questo è il fascismo). Quando se ne accorsero - oppure quando se ne vollero accorgere...? - era troppo tardi.

salvini, meloni, casapound, pillon, ruini, forza nuova cosa sono, cosa dicono, cosa fanno di diverso dai marci su roma?

Ti aspetto all’hotel Ripetta per la presentazione del nuovo libro di Vespa.

Sai quale è il titolo?
Sai chi lo presenterà (relatore unico)? :o :o :o :o

Offline pentiux

*****
17054
Re:Elezioni: i commenti dei Lazionetters
« Risposta #6309 il: 15 Nov 2019, 20:56 »
https://www.avvenire.it/papa/pagine/papa-francesco-a-cena-con-i-poveri

Sarò strano, ma Papa Francesco è, per me, l'unico vero comunista vivente!
Que viva Francesco!
Mo carib te lo senti te!!!  :)

Offline FatDanny

*****
17813
Re:Elezioni: i commenti dei Lazionetters
« Risposta #6310 il: 16 Nov 2019, 08:16 »

Online carib

*****
27875
Re:Elezioni: i commenti dei Lazionetters
« Risposta #6311 il: 16 Nov 2019, 10:33 »
Mo carib te lo senti te!!!  :)
so' ragazzi  :=))

Online carib

*****
27875
Re:Elezioni: i commenti dei Lazionetters
« Risposta #6312 il: 16 Nov 2019, 10:37 »


Sai quale è il titolo?
Sai chi lo presenterà (relatore unico)? :o :o :o :o
Sì - No  :oops:

Offline surg

*
7043
Re:Elezioni: i commenti dei Lazionetters
« Risposta #6313 il: 16 Nov 2019, 11:00 »
https://www.avvenire.it/papa/pagine/papa-francesco-a-cena-con-i-poveri

Sarò strano, ma Papa Francesco è, per me, l'unico vero comunista vivente!
Que viva Francesco!
Il fatto che nel mondo ci sia un unico comunista vivente mi tranquillizza

Online carib

*****
27875
Re:Elezioni: i commenti dei Lazionetters
« Risposta #6314 il: 16 Nov 2019, 11:24 »
e non si può nemmeno riprodurre
Re:Elezioni: i commenti dei Lazionetters
« Risposta #6315 il: 16 Nov 2019, 17:44 »
Sì - No  :oops:
.

Ebbè, chi in Italia è il massimo esperto della materia oggi?
Re:Elezioni: i commenti dei Lazionetters
« Risposta #6316 il: 16 Nov 2019, 20:36 »
Renzi : Ci rivolgiamo agli elettori di Forza Italia
Bellanova : Polverini e Carfagna benvenute .

Questo era il PD di Zanzalf . Quello per cui dovevo andare in sezione e cercare di cambiare .
Il PD che rappresentava la VERA SINISTRA , quella vera , mica quella vecchia .
Il partito che se volevi cambiare , dovevi iscriverti .
Lo stesso partito , ABBANDONATO , quando non seguiva piu' certe direttive .
Caro Zanzalf te ne sei andato come i bambini che padroni del pallone , abbandonavano il campo perche' il gioco non gli piaceva .

Si comincia a respirare , serve ancora il boccaglio perche' la merda , come l'acqua a Venezia , e' ancora alta .

Peccato che non scrivi piu' .

Chissa' quante perle ci avresti regalato in questi momenti .

L'opera ancora non e' finita .

Scusate , sono una persona brutta . Serbo rancore e soprattutto non dimentico .

Ma i problema non era il partito e quello che poteva rappresentare .

Il problema siete Voi .

Quelli della Vecchia Sinistra . Dei valori Cristiani (Giorgia) . Degli imprenditori (Colaninno,De Benedetti).

Finalmente fuori dai cog/ioni e senza veli .

Pero' .

Rimaneteci .

Fuori dai Cog/ioni .

Online carib

*****
27875
Re:Elezioni: i commenti dei Lazionetters
« Risposta #6317 il: 16 Nov 2019, 20:44 »
.

Ebbè, chi in Italia è il massimo esperto della materia oggi?
Fat Danny??  :shock:

 :=)) :beer:

Offline Omar65

*****
6832
Re:Elezioni: i commenti dei Lazionetters
« Risposta #6318 il: 16 Nov 2019, 20:55 »
Perché? Sento dire spesso questa cosa e non mi capacito. Anche nei primi anni Venti gli italiani non sapevano di vivere il fascismo (violenza fisica e verbale, aggressioni, discriminazioni, soppressione e oppressione del dissenso, machismo etc etc: questo è il fascismo). Quando se ne accorsero - oppure quando se ne vollero accorgere...? - era troppo tardi.





L'ho letto su consiglio di un netter qui dentro, che ringrazio.

Nell'Austria Felix e nell'Europa del dell'inizio del secolo scorso  solo pochissimi intellettuali si accorsero, inascoltati, di quello che stava avvenendo.

La presa di potere da parte dei totalitarismi avvenne tra l'indifferenza e la sottovalutazione generale del fenomeno, con uno sviluppo esponenziale e una semplicità agghiacciante.
Re:Elezioni: i commenti dei Lazionetters
« Risposta #6319 il: 16 Nov 2019, 21:40 »
Fat Danny??  :shock:

 :=)) :beer:

Un uccelletto mi ha detto che ci sarà Matteo....
 

Powered by SMFPacks Alerts Pro Mod