Lazio smembrato

0 Utenti e 27 Visitatori stanno visualizzando questo topic.

Offline Blueline

*
4991
blog of life
Lazio smembrato
« il: 11 Ott 2015, 07:15 »
Si parla del riordino delle regioni, molti accorpamenti e qualche sparizione. Il Lazio verrebbe in pratica smembrato e come entità politica non esisterebbe più.

Ad esempio:
http://cblive.it/notizie-molise/legge-di-stabilita-2016-riordino-delle-regioni-e-rilancio-del-mezzogiorno-petraroia-il-molise-unisca-le-forze

Ne sapete qualcosa?


Offline Auparayo

*
813
Re:Lazio smembrato
« Risposta #1 il: 13 Ott 2015, 00:34 »
Beh, giusto per dirne una, fa parte della mia Emilia Romagna una provincia che si sente lombarda (Piacenza), mentre tre province che per storia, logica e cultura sarebbe più logico appartenessero all'Emilia Romagna (Mantova, Pesaro-Urbino, Massa Carrara) stanno in altre province...  :p

Offline Auparayo

*
813
Re:Lazio smembrato
« Risposta #2 il: 13 Ott 2015, 00:41 »
Beh, giusto per dirne una, fa parte della mia Emilia Romagna una provincia che si sente lombarda (Piacenza), mentre tre province che per storia, logica e cultura sarebbe più logico appartenessero all'Emilia Romagna (Mantova, Pesaro-Urbino, Massa Carrara) stanno in altre province regioni...  :p

Offline Lativm88

*
4295
Re:Lazio smembrato
« Risposta #3 il: 13 Ott 2015, 09:30 »
Io vorrei Avellino, Benevento + il Molise   :=))

Poi pure Parigi.

 :=))

Offline orchetto

*****
12409
Re:Lazio smembrato
« Risposta #4 il: 13 Ott 2015, 10:42 »
Beh, giusto per dirne una, fa parte della mia Emilia Romagna una provincia che si sente lombarda (Piacenza), mentre tre province che per storia, logica e cultura sarebbe più logico appartenessero all'Emilia Romagna (Mantova, Pesaro-Urbino, Massa Carrara) stanno in altre province...  :p
Pesaro-urbino come dialetto è romagna ma sta nelleMarche, Mantova e Massa Carrara emilia (pur stando rispettivamente in Lombardia ed in Toscana)....emilia - romagna, in effetti si sono due aree dialettali diverse, con l'Emiliano che afferisce ai dialetti del Nord (ed attenzione per i linguisti c'è più differenza tra dialetto del Nord e del Centro che tra Centro e Sud malgrado oramai la sostituzione delle calate con il dialetto ci faccia sembrare spesso il cotnrario)....ma se ci pensi anche nel Lazio è così. Il frusinate ed il pontino (provincie di Frosinone e Latina) sono attraversate da una linea di confine che le divide tra dialetti del centro Italia e dialetti del sud (la linea passa da Fondi e sale su a Isola del Liri). Allo stesso tempo le parlate  dell'Aquilano pur trovandosi in Abruzzo, appartengono ai dialetti del centro Italia a differenza del resto delle parlate abruzzesi che afferiscono tutte al sud compreso il teramano che sta più a nord. Continuo? Tutto il nord reatino (compreso il cicolano) erano Regno di Napoli ma parlavano e parlano dialetti che afferiscono al centro Italia, eppure si lamentarono molto quando furono accorpati al Lazio, oggi i comuni del nord di Rieti darebbero oro per essere messi in Umbria.....

Offline arkham

*****
13440
Re:Lazio smembrato
« Risposta #5 il: 13 Ott 2015, 11:04 »
Parlo da persona che conosce benissimo la realtà della provincia di Rieti.
Rieti città e la parte Nord della provincia sono per vocazione, storia e logistica, legati all'Umbria (Terni, Perugia), più di quanto lo siano a Roma.
Cosa diversa è la Sabina, che è molto più vicina (culturalmente ma anche territorialmente) alla capitale (pensate alla stazione di Fara Sabina come hub del metropolitano che arriva a Tiburtina).
Non sarebbe un dramma se Rieti andasse in Umbria, e certo sarebbe un danno minore del ridicolo accorpamento con Viterbo, anzi  il territorio peserebbe molto di più politicamente.
Ma annettere all'Umbria delle zone che nascono da quella che comunemente veniva definita la campagna romana, sarebbe per me un errore storico, perchè Passo Corese, per dire, è molto più in continuità con Fiano Romano o Monterotondo, di quanto non sia mai stata con Rieti e, ad esempio, con il Cicolano.
Re:Lazio smembrato
« Risposta #6 il: 13 Ott 2015, 11:20 »
Pesaro-urbino come dialetto è romagna ma sta nelleMarche, Mantova e Massa Carrara emilia (pur stando rispettivamente in Lombardia ed in Toscana)....emilia - romagna, in effetti si sono due aree dialettali diverse, con l'Emiliano che afferisce ai dialetti del Nord (ed attenzione per i linguisti c'è più differenza tra dialetto del Nord e del Centro che tra Centro e Sud malgrado oramai la sostituzione delle calate con il dialetto ci faccia sembrare spesso il cotnrario)....ma se ci pensi anche nel Lazio è così. Il frusinate ed il pontino (provincie di Frosinone e Latina) sono attraversate da una linea di confine che le divide tra dialetti del centro Italia e dialetti del sud (la linea passa da Fondi e sale su a Isola del Liri). Allo stesso tempo le parlate  dell'Aquilano pur trovandosi in Abruzzo, appartengono ai dialetti del centro Italia a differenza del resto delle parlate abruzzesi che afferiscono tutte al sud compreso il teramano che sta più a nord. Continuo? Tutto il nord reatino (compreso il cicolano) erano Regno di Napoli ma parlavano e parlano dialetti che afferiscono al centro Italia, eppure si lamentarono molto quando furono accorpati al Lazio, oggi i comuni del nord di Rieti darebbero oro per essere messi in Umbria.....

Pesaro-Urbino è malatestiana, mai stata romagnola pur con le sue affinità (soprattutto dialettali). Non per nulla le Marche (= "territori di frontiera") sono al plurale perché sono variegate, ma di Marche Pesaro-Urbino si tratta. Eppure...

Mantova sì, dovrebbe essere inclusa nell'Emilia visti i suoi rapporti storici con Ferrara e Modena e il suo dialetto. Anche se è gonzaghiana e non estense.

Parma-Reggio sono un altro blocco, Bologna è a sé; Piacenza, sì, è una città lombarda inclusa in Emilia.

Il problema è che quando si è fatta l'unità d'Italia si è creata una regione a tavolino copiando più o meno i confini della romana Regio Aemilia.

Più senso avrebbe l'inclusione di Piacenza nella Lombardia, il distacco della Romagna e l'annessione ad essa di Pesaro-Urbino da un lato e Bologna dall'altro e il mio sogno:

  • la formazione di una nuova regione formata da Rovigo (Veneto), Ferrara, Modena, Reggio, Parma (Emilia) e Mantova (Lombardia).

Avrebbe paradossalmente senso chiamarla Padania, se un nome con connotazione geografica non fosse stato politicamente abusato (Che poi "Padania" è l'insieme dei bacini del Po e suoi affluenti, per cui non ne fanno parte, per esempio, non solo Toscana, Umbria e Marche, ma nemmeno Liguria e Alto Adige, tanto per dire.

Offline fish_mark

*****
15968
Re:Lazio smembrato
« Risposta #7 il: 13 Ott 2015, 11:45 »
I territori delle attuali regioni seguono le circoscrizioni amministrative in cui fu ripartito il Regno d'Italia durante il censimento del 1861.
Per dire aveva poco senso farne 20, soprattutto per il dettato costituzionale. ma aveva senso pratico, id est politico (inteso delle carriere).

Offline Auparayo

*
813
Re:Lazio smembrato
« Risposta #8 il: 13 Ott 2015, 11:58 »
Pesaro-urbino come dialetto è romagna ma sta nelleMarche, Mantova e Massa Carrara emilia (pur stando rispettivamente in Lombardia ed in Toscana)....emilia - romagna, in effetti si sono due aree dialettali diverse, con l'Emiliano che afferisce ai dialetti del Nord (ed attenzione per i linguisti c'è più differenza tra dialetto del Nord e del Centro che tra Centro e Sud malgrado oramai la sostituzione delle calate con il dialetto ci faccia sembrare spesso il cotnrario)....ma se ci pensi anche nel Lazio è così. Il frusinate ed il pontino (provincie di Frosinone e Latina) sono attraversate da una linea di confine che le divide tra dialetti del centro Italia e dialetti del sud (la linea passa da Fondi e sale su a Isola del Liri). Allo stesso tempo le parlate  dell'Aquilano pur trovandosi in Abruzzo, appartengono ai dialetti del centro Italia a differenza del resto delle parlate abruzzesi che afferiscono tutte al sud compreso il teramano che sta più a nord. Continuo? Tutto il nord reatino (compreso il cicolano) erano Regno di Napoli ma parlavano e parlano dialetti che afferiscono al centro Italia, eppure si lamentarono molto quando furono accorpati al Lazio, oggi i comuni del nord di Rieti darebbero oro per essere messi in Umbria.....


La questione linguistica in effetti è molto importante, ma non è l'unica.

Ad esempio, Piacenza a livello storico e culturale penderebbe leggermente più verso l'Emilia, però sai, quando disti 35 minuti da Milano e 2 ore da Bologna, sulla storia e sulla cultura puoi anche soprassedere  :)

D'altronde, chi ha assegnato Mantova alla Lombardia deve aver deciso dopo un trip psichedelico mica da ridere.

Oltre ai legami storici e culturali con Reggio e Modena fortissimi (tanto per dirne una, il mio cognome, che è il secondo più diffuso in provincia di Modena - dopo Ferrari - con 12000 persone a portarlo, è di origine mantovana) a livello logistico l'arteria stradale principale che attraversa Mantova è l'autostrada A-22, non a caso, Modena - Brennero, mentre per andare da Mantova a Milano bisogna fare il giro del perdono.

Per quanto riguarda Pesaro-Urbino, oltre all'affinità linguistica totale col romagnolo, la città *forte* della zona è Rimini, e quando i comuni sono chiamati a decidere, stranamente, scelgono per l'annessione al riminese: http://www.smtvsanmarino.sm/politica/2009/07/31/annessione-alla-provincia-rimini-alta-valmarecchia-commento-presidente-vitali

Massa Carrara è l'unica provincia della Toscana che ha un dialetto di origine emiliana, non a caso, ero lo sbocco sul Mar Tirreno del Ducato Estense  :beer: Oltre a ciò, morfologicamente è la prosecuzione naturale dell'Appennino Parmense, quindi sì, si potrebbe anche dire che è stata schiaffata in Toscana per puro caso  8)


A proposito di viaggioni dopo assunzione di LSD, anche chi ha deciso la composizione della provincia di Terni non deve aver scherzato  :pp :pp

Offline Auparayo

*
813
Re:Lazio smembrato
« Risposta #9 il: 13 Ott 2015, 12:09 »

Più senso avrebbe l'inclusione di Piacenza nella Lombardia, il distacco della Romagna e l'annessione ad essa di Pesaro-Urbino da un lato e Bologna dall'altro e il mio sogno:

  • la formazione di una nuova regione formata da Rovigo (Veneto), Ferrara, Modena, Reggio, Parma (Emilia) e Mantova (Lombardia).

Avrebbe paradossalmente senso chiamarla Padania, se un nome con connotazione geografica non fosse stato politicamente abusato (Che poi "Padania" è l'insieme dei bacini del Po e suoi affluenti, per cui non ne fanno parte, per esempio, non solo Toscana, Umbria e Marche, ma nemmeno Liguria e Alto Adige, tanto per dire.[/b]


Sono tutto sommato d'accordo con te, tranne per l'esclusione di Bologna da quella regione, per tutta una serie di motivi (ad esempio logistici, perché questa nuova regione coprirebbe quasi tutta l'autostrada A13 Bologna - Padova e perché ci sarebbero città ricche e importanti *di confine* troppo penalizzate dalla scissione, tipo Cento di Ferrara, Argenta o Castelfranco Emilia, e linguistici, essendo il dialetto indistinguibile in molte zone *di confine* fra le prov. di Modena, Ferrara e Bologna)

Offline arkham

*****
13440
Re:Lazio smembrato
« Risposta #10 il: 13 Ott 2015, 12:19 »
Però il topic si chiamerebbe "Lazio smembrato" :p

Offline Bianchina

*
15810
Re:Lazio smembrato
« Risposta #11 il: 13 Ott 2015, 12:22 »
Parlo da persona che conosce benissimo la realtà della provincia di Rieti.
Rieti città e la parte Nord della provincia sono per vocazione, storia e logistica, legati all'Umbria (Terni, Perugia), più di quanto lo siano a Roma.
Cosa diversa è la Sabina, che è molto più vicina (culturalmente ma anche territorialmente) alla capitale (pensate alla stazione di Fara Sabina come hub del metropolitano che arriva a Tiburtina).
Non sarebbe un dramma se Rieti andasse in Umbria, e certo sarebbe un danno minore del ridicolo accorpamento con Viterbo, anzi  il territorio peserebbe molto di più politicamente.
Ma annettere all'Umbria delle zone che nascono da quella che comunemente veniva definita la campagna romana, sarebbe per me un errore storico, perchè Passo Corese, per dire, è molto più in continuità con Fiano Romano o Monterotondo, di quanto non sia mai stata con Rieti e, ad esempio, con il Cicolano.

senza contare tutte le zone che, da sempre, si considerano piu' Abruzzo che Lazio (tipo Amatrice).

Offline Auparayo

*
813
Re:Lazio smembrato
« Risposta #12 il: 13 Ott 2015, 12:25 »
Però il topic si chiamerebbe "Lazio smembrato" :p

Sì scusa, mi sono lasciata prendere la mano  :D

Boh, che dire, ad esempio che se prima o poi comuni come Leonessa o Magliana Sabina riuscissero ad annettersi all'Umbria non li biasimerei affatto e anzi, solo vedendo una cartina fisica o politica mi chiedo che cacchio ci facciano esattamente nel Lazio (ma sicuramente ci saranno 2000 motivazioni storiche o... ahem... di passate motivazioni/spartizioni politiche a supporto  :beer: )

Offline arturo

*****
10785
Re:Lazio smembrato
« Risposta #13 il: 13 Ott 2015, 12:29 »
Però il topic si chiamerebbe "Lazio smembrato" :p

infattamente.  :pp

Che poi ,'sto smembramento, è solamente temuto, oppure se ne parla compiutamente in qualche documento?

Offline orchetto

*****
12409
Re:Lazio smembrato
« Risposta #14 il: 13 Ott 2015, 12:33 »
senza contare tutte le zone che, da sempre, si considerano piu' Abruzzo che Lazio (tipo Amatrice).
Erano quelle che citavo io parlando del nord reatino altresì detto alta sabina.
Furono annesse al Lazio durante gli anni ,20 (vado a memoria).
Il dialetto dell'alta sabina e del cicolano (a parte alcuni vocaboli singoli di origine meridionale dovuti alla lunga permanenza sotto il regno di Napoli) è strutturalmente del centro italia così come lo è l'aquilano. Pensate che nel cicolano venivano mandati per secoli al confino i galeotti del regno di Napoli e ciò nonostante le parlate locali si sono mantenute afferenti a quelle del centro italia, mentre invece il teramano, che sta molto più a nord è meridionale come parlata.
Re:Lazio smembrato
« Risposta #15 il: 13 Ott 2015, 12:45 »
ma più di riordino si dovrebbe parlare della creazione di macroregioni tipo liguria-piemonte-valle d'aosta e via andare
fai sparire un bel po' di uffici e col tempo un po' di stipendi
ovviamente a quel punto ci saranno un buon numero di persone con fortissimi sentimenti regionali motivati poi solo da motivi economici

Offline Lativm88

*
4295
Re:Lazio smembrato
« Risposta #16 il: 13 Ott 2015, 12:46 »
Erano quelle che citavo io parlando del nord reatino altresì detto alta sabina.
Furono annesse al Lazio durante gli anni ,20 (vado a memoria).
Il dialetto dell'alta sabina e del cicolano (a parte alcuni vocaboli singoli di origine meridionale dovuti alla lunga permanenza sotto il regno di Napoli) è strutturalmente del centro italia così come lo è l'aquilano. Pensate che nel cicolano venivano mandati per secoli al confino i galeotti del regno di Napoli e ciò nonostante le parlate locali si sono mantenute afferenti a quelle del centro italia, mentre invece il teramano, che sta molto più a nord è meridionale come parlata.


perché l'abruzzo era parte integrante del regno Duosiciliano. così come la parte di Gaeta e dintorni.

Ed erano regno dal 1130. quindi anche le tradizioni culinarie si assomigliano.

Offline Lativm88

*
4295
Re:Lazio smembrato
« Risposta #17 il: 13 Ott 2015, 12:48 »
ma più di riordino si dovrebbe parlare della creazione di macroregioni tipo liguria-piemonte-valle d'aosta e via andare
fai sparire un bel po' di uffici e col tempo un po' di stipendi
ovviamente a quel punto ci saranno un buon numero di persone con fortissimi sentimenti regionali motivati poi solo da motivi economici

fosse per me le regioni le possono pure cancellare invece che ingrandirle (ciò peggiorerebbe le cose). Lasciano solo le province che sono sicuramente più vicine al territorio di quanto non lo sia la regione che fa fronte solo ed esclusivamente alle esigenze dal capoluogo (roma, napoli, milano etc)

Offline orchetto

*****
12409
Re:Lazio smembrato
« Risposta #18 il: 13 Ott 2015, 12:49 »
e invece fanno il contrario....

Offline Bianchina

*
15810
Re:Lazio smembrato
« Risposta #19 il: 13 Ott 2015, 12:51 »
Erano quelle che citavo io parlando del nord reatino altresì detto alta sabina.
Furono annesse al Lazio durante gli anni ,20 (vado a memoria).
Il dialetto dell'alta sabina e del cicolano (a parte alcuni vocaboli singoli di origine meridionale dovuti alla lunga permanenza sotto il regno di Napoli) è strutturalmente del centro italia così come lo è l'aquilano. Pensate che nel cicolano venivano mandati per secoli al confino i galeotti del regno di Napoli e ciò nonostante le parlate locali si sono mantenute afferenti a quelle del centro italia, mentre invece il teramano, che sta molto più a nord è meridionale come parlata.

vero.
perche' poi, se vai a toccare anche l'Abruzzo, ti accorgi che la dicitura gli Abruzzi e' piu' corretta.
L'aquilano fa storia a se', il chietino pure. E il teramano e' spaccato almeno in tre.
C'e' Pescara che rompe, li' in mezzo, rubacchiando da tutte le parti.
Sono tutte province d'impero, fatte dal fascismo, tipo Rieti e Pescara.
 

Powered by SMFPacks Alerts Pro Mod