Sei Nazioni 2020

0 Utenti e 9 Visitatori stanno visualizzando questo topic.

Sei Nazioni 2020
« il: 01 Feb 2020, 09:53 »
E apriamolo un topico sul 6 nazioni va. Cosi ci riposiamo dagli sforzi del calciomercato.
Si ricomincia, come ogni anni da 20 anni. Quest'anno peraltro si festeggia il quinquennale dell'ultima vittoria dell'Italia nel torneo. Bella prospettiva. Sullo scudo tricolore ricamato sulle magliette dell'Italia, pero', anche se non si legge c'é scritto "Speranza". E' quello che ci muove, ogni anno, a metterci davanti alla TV oppure su un freddo seggiolino per sperare che i nostri virgulti possano strappare una vittoria.
Si comincia oggi pomeriggio con il Galles. Con un nuovo selezionatore, Franco Smith. Uno che conosce bene il rugby italiano per aver già allenato una franchigia qualche anno fa. Ci conosce bene.
Nell'anno post mondiale molte grandi squadre hanno sempre qualche problema di ricambio generazionale. Qualche sorpresa é sempre dietro l'angolo. Non per noi va detto. Ma non si sa mai.
Il Galles é una nazionale che respira rugby, per chi conosce il gioco e lo ama é sempre uno spettacolo vederli giocare. Sono capaci di tutto. Ma in vent'anni di 6 nazioni due volte siamo riusciti a sorprenderli. L'ultima volta, va detto, 13 anni fa. Una volta riuscimmo anche a strappare un pareggio in casa loro, nel meraviglioso Millenium di Cardiff, il non plus ultra degli stadi in mezzo alla città dove il concetto di tribune verticali prende tutto il suo spessore. Ci lasciai il cuore e un iPhone che candendomi dalla tasca in cima alla tribuna rischio di finire in campo tanto sono verticali.
Oggi é complicata. Non potrebbe essere altrimenti. Anche se Franco Smith ha messo una bella formazione spericolata, con la doppia apertura. Semplificando il mediano d'apertura é il regista della squadra, quello che deve inventare la giocata, che detta i tempi (assieme al mediano di mischia che é più un regista della prima linea). In genere una squadra ne schiera uno, che porta il numero 10. Oggi Smith ne mette due, Allan, che é il titolare da anni, e Carlo Canna, che dopo un paio d'anni bui sembra vivere un buon momento con le Zebre, che porterà la maglia numero 12, ossia quella del centro. Questo potrebbe portare a qualche difficoltà in difesa ma offrire anche soluzioni più interessanti, fosforo e fantasia (cit.), a una terza linea di buon livello dove spicca il redivivo Minozzi che due anni fa giocò un grande torneo e che lo scorso anno, malgrado la rottura del crociato, é stato acquistato dai Wasps dove gioca titolare e fa faville.
Come ogni anno attacchiamoci a qualche nota positiva, e questo a arriva dalle nostre franchigie che non sono più le sparring partners nel torneo celtico, anzi, spesso le danno a squadre più titolate, tanto che il Benetton, lo scorso anno, é riuscito anche a qualificarsi per i playoff. Prima volta nella storia del torneo. Quest'anno anche le zebre sembrano riuscire a ottenere qualche risultato positivo e qualche scalpo eccellente. Vincere aiuta a vincere. I nostri ragazzi sembrano non subire più la sorte della sconfitta ineluttabile. Altra nota positiva é il percorso della nostra Under 20 che da un paio di anni é entrata nel lotto delle prime 8 squadre mondiali e si comporta benissimo nel campionato del mondo.
Ieri ha vinto in Galles all'esordio nel 6 nazioni Under 20. Grande risultato che sembra sia arrivato anche grazie a un dominio in tutte le fasi del gioco. Lo scorso anno i ragazzi avevano preso 40 punti dal Galles in casa. Va detto che quest'anno ci saranno i mondiali di categoria in Italia. Quindi c'é molta attesa e molta preparazione dietro i ragazzi. L'inizio é stato meraviglioso. Vediamo il seguito.
Grande attesa c'é anche per le ragazze che lo scorso anno avevano creato la sorpresa nel 6 nazioni femminile inclinandosi soltanto alle inglesi e arrivando seconde con 3 vittorie contro Scozia, Irlanda e soprattutto Francia nell'ultimo emozionante scontro vinto a Padova https://www.dailymotion.com/video/x74dh3c
Insomma, qualche cosa di buon c'é.
Un pronostico per questo torneo, ragionevolmente non può che essere una serie di onorevoli sconfitte senza concedere bonus offensivi. Si spera in una vittoria contro la solita Scozia, che sembra in calo e dovrà fare a meno di alcuni suoi giocatori simboli come Laidlaw, che ha smesso con la nazionale, e Fin Russell che é stato messo da parte per ragioni disciplinari.
Ma l'importante, fedeli alla parola nascosta sotto allo scudo tricolore, é sperare sempre.
Ed é quello che gli amanti italiani di questo sport non hanno mai smesso di fare.

Ah, una postilla, contro l'Inghilterra a Roma il rugby italiano saluterà il più grande giocatore della nostra storia, Sergio Parisse. Un mito. L'unico giocatore azzurro che avrebbe tranquillamente giocato titolare nella Nuova Zelanda. Spero di esserci. L'ho visto giocare tantissime volta dal vivo. Non l'ho mai visto vincere una partita.



Online Sonni Boi

*****
14503
Re:Sei Nazioni 2020
« Risposta #1 il: 01 Feb 2020, 15:33 »
Quello che non cambia mai sono gli arbitraggi incredibilmente punitivi nei nostri confronti, e sempre molto larghi di maniche e generosi coi nostri avversari.

Già almeno 3 situazioni molto dubbie (mischia fallosa gallese nei nostri 22, mancato scivolamento fischiato ad Allan e ostruzione ridicola) in neanche un quarto d'ora.
Re:Sei Nazioni 2020
« Risposta #2 il: 01 Feb 2020, 16:09 »
Quello che non cambia mai sono gli arbitraggi incredibilmente punitivi nei nostri confronti, e sempre molto larghi di maniche e generosi coi nostri avversari.

Già almeno 3 situazioni molto dubbie (mischia fallosa gallese nei nostri 22, mancato scivolamento fischiato ad Allan e ostruzione ridicola) in neanche un quarto d'ora.
Esattamente.
Sembra un Juve - Cremonese dell'epoca Moggi.
Interpretazioni a senso unico, segno che, in questo sport,valiamo politicamente meno di niente.

Offline Lativm88

*
4044
Re:Sei Nazioni 2020
« Risposta #3 il: 01 Feb 2020, 17:15 »
Noi abbiamo fatto un'interpretazione anche onesta nei nostri limiti.

Qualche segnare di ordine nelle nostre fasi di gioco c'è stato.

Pensiamo alla prossima, l'obiettivo di questo gruppo è tenere la barca con una vittoria fino ad un fortunato ricambio generazionale

Offline PARISsn

*****
11100
Re:Sei Nazioni 2020
« Risposta #4 il: 01 Feb 2020, 19:18 »
Noi abbiamo fatto un'interpretazione anche onesta nei nostri limiti.

Qualche segnare di ordine nelle nostre fasi di gioco c'è stato.

Pensiamo alla prossima, l'obiettivo di questo gruppo è tenere la barca con una vittoria fino ad un fortunato ricambio generazionale

se dobbiamo sperare in un " fortunato " ricambio generazionale, quindi senza  poter  o voler costruire qualcosa di programmato,  me sa che nel frattempo ci cacciano e tornera' ad essere un 5 nazioni o ci sostituiscono con la Georgia che ci sta  a un passo nel ranking  mondiale...5 anni senza vincere una partita...23 sconfitte di fila...perdere col Galles forse piu' forte di sempre ci sta  ma non abbiamo mai passato la trequarti...una pena proprio..

Offline Lativm88

*
4044
Re:Sei Nazioni 2020
« Risposta #5 il: 01 Feb 2020, 20:50 »
se dobbiamo sperare in un " fortunato " ricambio generazionale, quindi senza  poter  o voler costruire qualcosa di programmato,  me sa che nel frattempo ci cacciano e tornera' ad essere un 5 nazioni o ci sostituiscono con la Georgia che ci sta  a un passo nel ranking  mondiale...5 anni senza vincere una partita...23 sconfitte di fila...perdere col Galles forse piu' forte di sempre ci sta  ma non abbiamo mai passato la trequarti...una pena proprio..

I ricambi generazionali non sono fortunati, sono programmati.

Se la nostra under 20 ci propone qualche buon talento è frutto di scouting e programmazione.

E comunque la Georgia ci sta attaccata perchr gioca col Portogallo di solito. Quando li incontriamo noi li battiamo.

Offline Lativm88

*
4044
Re:Sei Nazioni 2020
« Risposta #6 il: 03 Feb 2020, 14:51 »
Bellissima partita della Francia che nel primo tempo fa a pezzi l'Inghilterra.

Menzione speciale per le nostre ragazze, lo scorso anno seconde nel torneo, che ricominciano nel modo migliore battendo le gallesi.
Come detto, anche la U20 vince in trasferta, speriamo che sia utile nel prossimissimo futuro.
Re:Sei Nazioni 2020
« Risposta #7 il: 03 Feb 2020, 14:54 »
La Georgia ci fa un raspone a due mani tranquillamente. Da sempre.
Re:Sei Nazioni 2020
« Risposta #8 il: 04 Feb 2020, 22:06 »
Seriamente per chi ne capisce, è giusto rimanere in questa competizione anche con dei risultati inquietanti?
Il fine ultimo di ogni competizione è quello di vincere o almeno provarci, qui da anni e anni sembra anzi ce una sorta di bullismo tecnico tattico contro l'Italia che sembra perculata da ogni squadra.
C'è altro sport dove si verifica una situazione come questa?
Non sarebbe più giusto anche per "loro", ovvero le altre del 6 nazioni, giocare in 5 e competere alla grandissima?
Perché l'Italia rimane aggrappata? Questione economiche?
Se c'è qualcuno che ne capisce che possa spiegarmi.
P. S. Amo il rugby e seguo assiduamente lital rugby da 5/6 anni

Offline Lativm88

*
4044
Re:Sei Nazioni 2020
« Risposta #9 il: 04 Feb 2020, 22:31 »
Seriamente per chi ne capisce, è giusto rimanere in questa competizione anche con dei risultati inquietanti?
Il fine ultimo di ogni competizione è quello di vincere o almeno provarci, qui da anni e anni sembra anzi ce una sorta di bullismo tecnico tattico contro l'Italia che sembra perculata da ogni squadra.
C'è altro sport dove si verifica una situazione come questa?
Non sarebbe più giusto anche per "loro", ovvero le altre del 6 nazioni, giocare in 5 e competere alla grandissima?
Perché l'Italia rimane aggrappata? Questione economiche?
Se c'è qualcuno che ne capisce che possa spiegarmi.
P. S. Amo il rugby e seguo assiduamente lital rugby da 5/6 anni

Signore, dammi la forza.

Comincio con lo scusarmi con te, perché ogni anno si ripete la stessa cosa  :)

Sì, abbiamo diritto a giocarci il 6 Nazioni, è un diritto che ci siamo guadagnati nel fango di tanti campi di periferia fino al 1997, l'anno esplosivo, fino alle buone figure nei nostri primi anni tra i grandissimi.

Il rugby è come il pugilato, non come il calcio, il più grosso mena più forte.

Al di fuori del torneo, comunque tra le europee non abbiamo alcuna rivale, purtroppo siamo nel mezzo a livello di qualità e, sicuramente, abbiamo dilapidato (intesi come federazione) un immenso capitale emotivo/economico/di credito con delle scelte sbagliate. Ma il cammino per fare diventare uno sport popolare in un paese "monosportivo" (vedere topic Al riguardo) ci vuole tempo.
E anche se non serve fare diventare uno sport popolare per ottenere successi, serve tempo per fare crescere quello che hai seminato nel corso degli anni come le franchigie, come l'accademia nazionale e come i prospetti U20 che negli ultimi anni stanno vivendo apprezzabilissimi momenti di rugby vincente.

Re:Sei Nazioni 2020
« Risposta #10 il: 05 Feb 2020, 07:55 »
Signore, dammi la forza.

Comincio con lo scusarmi con te, perché ogni anno si ripete la stessa cosa  :)

Sì, abbiamo diritto a giocarci il 6 Nazioni, è un diritto che ci siamo guadagnati nel fango di tanti campi di periferia fino al 1997, l'anno esplosivo, fino alle buone figure nei nostri primi anni tra i grandissimi.

Il rugby è come il pugilato, non come il calcio, il più grosso mena più forte.

Al di fuori del torneo, comunque tra le europee non abbiamo alcuna rivale, purtroppo siamo nel mezzo a livello di qualità e, sicuramente, abbiamo dilapidato (intesi come federazione) un immenso capitale emotivo/economico/di credito con delle scelte sbagliate. Ma il cammino per fare diventare uno sport popolare in un paese "monosportivo" (vedere topic Al riguardo) ci vuole tempo.
E anche se non serve fare diventare uno sport popolare per ottenere successi, serve tempo per fare crescere quello che hai seminato nel corso degli anni come le franchigie, come l'accademia nazionale e come i prospetti U20 che negli ultimi anni stanno vivendo apprezzabilissimi momenti di rugby vincente.

Immaginavo che ogni anno si riproponesse la stessa domanda da parte di qualche utente, mi dispiace ma era una mia curiosita.
Comumque grazie per la risposta.
Re:Sei Nazioni 2020
« Risposta #11 il: 05 Feb 2020, 13:24 »
Immaginavo che ogni anno si riproponesse la stessa domanda da parte di qualche utente, mi dispiace ma era una mia curiosita.
Comumque grazie per la risposta.

Per una sana rilettura.
https://www.lazio.net/forum/altri-sport/sei-nazioni-2019/

sennò riscriviamo sempre le stesse cose.
 :)

Offline Lativm88

*
4044
Re:Sei Nazioni 2020
« Risposta #12 il: 05 Feb 2020, 19:14 »
Immaginavo che ogni anno si riproponesse la stessa domanda da parte di qualche utente, mi dispiace ma era una mia curiosita.
Comumque grazie per la risposta.

ma no amico :beer: figurati :)

è che, purtroppo, la domanda è ricorrente e, purtroppo, i risultati della nazionale non aiutano a non farla più porre.

Siamo nel torneo, quantomeno godiamocelo anche se per il momento non riusciamo a competere ad armi pari.
Speriamo che questo avvenga presto.

Offline Lativm88

*
4044
Re:Sei Nazioni 2020
« Risposta #13 il: 08 Feb 2020, 10:35 »
Ottima prova degli U20 ieri in Francia che chiudono il primo tempo in vantaggio sui campioni del mondo in carica ma si attendono alla lunga 32-19
Re:Sei Nazioni 2020
« Risposta #14 il: 08 Feb 2020, 20:06 »
https://www.rugbymeet.com/it/news/6-nazioni/il-sud-africa-nel-sei-nazioni-a-partire-dal-2024

Cosa ne pensano i cultori del rugby ?

Veramente .

Sarebbe una svolta epocale o sbaglio ?

Offline Lativm88

*
4044
Re:Sei Nazioni 2020
« Risposta #15 il: 09 Feb 2020, 17:57 »
Sì, l'ingresso del Sud Africa nel sei nazioni sarebbe davvero una cosa epocale.

Due volte, dal 1883, sono state ammesse altre squadre a partecipare: nel 1910 con la Francia, nel 2000 con l'Italia. Inoltre, si romperebbe anche la tradizionalissima divisione per emisferi che ha sempre caratterizzato questo sport. Staremo a vedere, ma forse l'ingresso di due franchigie sudafricane nella vecchia Celtic League (dove giocano anche Benettone e Zebre) può essere un segnale in questo senso.

Per quanto riguarda la partita di oggi, abbiamo lottato e il risultato 35-22 per loro lo dimostra.

Siamo stati vicini sia al punto di bonus difensivo che a farli cagare addosso seriamente intorno al 60' quando ci siamo mangiati due touche offensive davvero promettenti.

Ad ogni modo, ripartiamo da questa prestazione perché tra due settimane abbiamo la Scozia in casa, la prima casalinga del torneo, dove dobbiamo gettare davvero il cuore oltre l'ostacolo.
Re:Sei Nazioni 2020
« Risposta #16 il: Ieri alle 17:12 »
Stupendo l'uso del Var nel 6 nazioni, cosa che mi ha lasciato stupito.
Le immagini incriminate vanno in replay sui maxischermi con arbitro pubblico e giocatori rivolti verso i maxischermi appunto.
Sarebbe bellissimo nel calcio, Immagino fischi e quant'altro

Offline jp1900

*****
6292
Re:Sei Nazioni 2020
« Risposta #17 il: Ieri alle 17:25 »
...

Ad ogni modo, ripartiamo da questa prestazione perché tra due settimane abbiamo la Scozia in casa, la prima casalinga del torneo, dove dobbiamo gettare davvero il cuore oltre l'ostacolo.
Brutta, brutta, brutta. Siamo veramente inesistenti.
 

Powered by SMFPacks Alerts Pro Mod