Sei Nazioni 2019

0 Utenti e 27 Visitatori stanno visualizzando questo topic.

Re:Sei Nazioni 2019
« Risposta #100 il: 16 Mar 2019, 19:04 »
Io oggi invece chiacchierando sotto casa con dei fans rugbystici (con tanto di Peroni da 66 in mano) ho scoperto che il nostro allenatore è irlandese.
L'abbiamo preso straniero perchè ce fa vince?
Non abbiamo un allenatore italiano in pratica da quando giochiamo il 6 nazioni, e anche negli anni 90 per lo piu' gli allenatori erano francesi.
Pure nei club non e' che la situazione sia diversa, quasi sempre sono stranieri, probabilmente non abbiamo ancora una scuola di allenatori che sia competitiva a livello internazionale.
Re:Sei Nazioni 2019
« Risposta #101 il: 16 Mar 2019, 19:26 »
Io oggi invece chiacchierando sotto casa con dei fans rugbystici (con tanto di Peroni da 66 in mano) ho scoperto che il nostro allenatore è irlandese.
L'abbiamo preso straniero perchè ce fa vince?

E' il seguito di quello che ho scritto mia settimana scorsa.
Il rugby é, paradossalmente un gioco di scacchi giocato da 15 bestioni. Se fai caso gli allenatori spesso sono sulle tribune e non in campo. Per vedere tutti gli spostamenti, i movimenti dei giocatori, degli attacchi e delle difese. Quando li inquadrano ci sono sempre almeno 2 o 3 collaboratori con i computer che analizzano una fraccata di informazioni in tempo reale grazie anche all'analisi di ogni singolo giocatore che ha, dietro la maglietta, spesso un cantore GPS.
A quei livelli essere un allenatore richiede una formazione e una competenza, la sua e quella dei suoi collaboratori che, al momento, in Italia ancora non c'é.

Beh dai abbiamo perso solo 25 a 14, te l'hanno giá spiegato che perdere bene nel rugby è cmq una bella soddisfazione.

No, oggi personalmente m'é di parecchio roduto il culo.

Online Tarallo

*****
85946
Re:Sei Nazioni 2019
« Risposta #102 il: 16 Mar 2019, 23:21 »
Si ma calma :lol:

Online Lativm88

*
3611
Re:Sei Nazioni 2019
« Risposta #103 il: 17 Mar 2019, 03:31 »
Molto semplice. Una banda di buontemponi che devono venire a trollare su di un topic che non ha, per fortuna, nulla a che vedere con loro ed il cui contributo,ogni anno, è riassumibile in "aho che palle" e "nun vincete mai".

Grazie delle perle che inanellate con tanta disinvoltura.

Alla fine, per quanto mi riguarda, mi sono passato una bella giornata in compagnia "degli altri cinque" a parlare di sport e farmi na decina di birre. Bella pe me.
E bella pe voi.

E del prato dell'Olimpico mi frega quasi cazzi.

Online Tarallo

*****
85946
Re:Sei Nazioni 2019
« Risposta #104 il: 17 Mar 2019, 07:11 »
Ami il rugby più della Lazio. Non c'è niente di male, ma trovati un altro forum.

Online Tarallo

*****
85946
Re:Sei Nazioni 2019
« Risposta #105 il: 17 Mar 2019, 07:30 »
Sento di dover qualificare il post precedente. Un forum è un posto in cui si scambiano opinioni. Io ho odiato il 6 nazioni ogni volta che la Lazio giocava subito dopo, per i rischi di infortunio che può provocare e anche l'impatto sulla qualità del gioco, in particolare quando si gioca contro squadre tecnicamente inferiori e quindi le condizioni del terreno agiscono da livella tecnica. Fosse stato il tennis, il polo o gli scacchi, li avrei odiati altrettanto.
Questo è il solo motivo per cui sono entrato in questo topic. Tocca la Lazio. Se no ma stigrancazzi.
Uno a cui non importa questa cosa per me semplicemente ha a cuore altro più della Lazio. Chiunque, qui dentro, abbia a cuore altro (nello sport) più della Lazio deve andarsene a fare in culo, mia opinione personalissima e assolutamente irrilevante ai fini della permanenza o meno sul forum di chiunque, e lo incalzerò fino a che non cacceranno me.
E ai troll, se non sono il frutto della nostra vivida imnaginazione, si risponde ignorandoli.

Forse così è più chiaro.
Re:Sei Nazioni 2019
« Risposta #106 il: 17 Mar 2019, 08:58 »
La questione é sempre una questione di forma.

Offline Omar65

*****
6803
Re:Sei Nazioni 2019
« Risposta #107 il: 17 Mar 2019, 10:00 »
MegaOTdicuimiscuso

Stamattina dal macellaio (abito in Francia, in una città rugbistica) cominciano a parlare di Italia Francia di cui mi ero ovviamente scordato. Dopo averci insultato malgrado la schifezza di torneo che hanno fatto, sono passati all'insulto del calcio, almeno, vòi mette, non siamo quella pupazzata di sport (se si fa schifo al 6 nazioni si può sempre insultare il calcio). Il giovane macellaio sa che sono italiano e mi chiede la mia opinione, ovviamente rispondo che non sono degno di parlare di rugby e il calcio non è degno di far parte delle loro conversazioni quindi non c'era molto da dire.
L'arroganza dei francesi sommata all'arroganza di uno sport che si sente speciale e superiore. La banca bruciata stamattina a Parigi deve aver ospitato una discussione simile.

EndMegaOTdicuimiscuso

OT

Ma cambiare macellaio?
 :=))

oppure, i franzosi, come te giri te giri, so' tutti così?

Online Lativm88

*
3611
Re:Sei Nazioni 2019
« Risposta #108 il: 17 Mar 2019, 10:10 »
Ammesso che sia vero, sticazzi.

Poi l'amore per l'erba dello stadio davvero non so se possa superare quello per la Lazio o il rugby e come le cose si associano.  E qui ci va sticazzi al quadrato.

I troll sono quelli che entrano in un topic, se ne sbattono dello stesso, ripetono incessantemente la stessa cosa e alludono/fanno battute, in sintesi, scassano la minchia per il gusto di farlo pur avendo esaurito il materiale di discussione molto molto presto.

C'è qualcuno qui che ricorda questo profilo?

Ad ogni buon conto bisogna fare per forza una classifica: prima questo poi quello, o il calcio o fottiti etc.

E tutto questo perché non riescono a fare un calendario o delle infrastrutture per permettere a due eventi di coesistere in una capitale europea del 2019.

Tutta Questa acrimonia  per della fottuta erba. Sticazzi. Amo il rugby più del prato dell'olimpico,sicuro.

Ad ogni modo mi sarebbe piaciuto parlare della fine del torneo,chiaramente per i pochi sfigati cui la cosa interessa, parlare della partita dell'Italia di ieri perché chi è entrato a perculare un attimo dopo la fine della partita, evidentemente, o non l'ha vista o, legittimamente, del rugby non ama veramente nessun aspetto altrimenti se ne sarebbe guardato.

Avrei anche voluto parlare della supremazia discreta del Galles e della partita più bella degli ultimi anni come pareggione tra Scozia e Inghilterra.

Purtroppo no, a me è passata la voglia, gli altri non partecipano più ma abbiamo una interessantissima disamina sul manto di uno stadio, sugli orari pallosi di un evento che ci distrae dall'unica cosa che conta, sulle peroni e sulla classifica della posta del mio cuore sulla falsa riga e tenore "dell'ami più la mamma o papà?"

MAraviglioso (cit)



Re:Sei Nazioni 2019
« Risposta #109 il: 17 Mar 2019, 10:43 »
E' il seguito di quello che ho scritto mia settimana scorsa.
Il rugby é, paradossalmente un gioco di scacchi giocato da 15 bestioni. Se fai caso gli allenatori spesso sono sulle tribune e non in campo. Per vedere tutti gli spostamenti, i movimenti dei giocatori, degli attacchi e delle difese. Quando li inquadrano ci sono sempre almeno 2 o 3 collaboratori con i computer che analizzano una fraccata di informazioni in tempo reale grazie anche all'analisi di ogni singolo giocatore che ha, dietro la maglietta, spesso un cantore GPS.
A quei livelli essere un allenatore richiede una formazione e una competenza, la sua e quella dei suoi collaboratori che, al momento, in Italia ancora non c'é.

Scusa posso dire una cosa da profanissimo ( ma ho iniziato a vedermi gli highlights ed è già un passo avanti) ?
Prendiamo un allenatore italiano, magari meno avanzato tecnologicamente, meno preparato scientificamente ma che gli trasmetta un orgoglio, una cazzimma, uno che come si dice in gergo calcistico li appiccica al muro (certo viste le botte che se danno capisco che non è sto gran spauracchio, però...)
Tanto peggio di così che ci può succedere?

Io l'allenatore mercenario delle nazionali, anche nel calcio, non lo capisco proprio.
Re:Sei Nazioni 2019
« Risposta #110 il: 17 Mar 2019, 10:49 »

Purtroppo no, a me è passata la voglia


Si però il 90% del tuo rodimento è dovuto al fatto che ieri, nonostante l'Italia abbia giocato meglio della Francia, hai perso uguale.
Stacce.

Online Lativm88

*
3611
Re:Sei Nazioni 2019
« Risposta #111 il: 17 Mar 2019, 11:00 »
Si però il 90% del tuo rodimento è dovuto al fatto che ieri, nonostante l'Italia abbia giocato meglio della Francia, hai perso uguale.
Stacce.

Hahaha. Certo. Infatti tornando a casa assieme alle ragazze e ragazzi scozzesi, inglesi e gallesi con  cui ho condiviso la partita è le birre mi sono davvero lasciato andare ad atti di vandalismo cittadino.

Mi scoccia aver perso, ovvio.
Mi scoccia che stai qua a passare il tempo e rompe il cazzo? No, mi fa una gran tenerezza.
Re:Sei Nazioni 2019
« Risposta #112 il: 17 Mar 2019, 11:06 »
Po' esse che a me da profano, a volte anche indispettito dall'esaltazione di tutto ciò che non è calcio, interessa leggere qui dentro, in questa board marginale, di come amici laziali vivono la loro passione per questo sport?

E po' esse che vi siete allooppati e ormai anche battute che a me sembrano simpatiche vi fanno incaxxare a manetta e si reagisce di conseguenza?

Posso chiedere a chi più a chi meno di fare qualche passo indietro?

Grazie
MisterFaEcumenico
Re:Sei Nazioni 2019
« Risposta #113 il: 17 Mar 2019, 11:13 »
Mi scoccia che stai qua a passare il tempo e rompe il cazzo? No, mi fa una gran tenerezza.

Ma guarda che io sono onesto: l'ho detto da subito che a me il rugby non piace, però sto facendo uno sforzo per capirlo, per capirne di più, e ringrazio Italic che ci sta mettendo tanta pazienza per spiegarmelo.
Ripeto: non sono un  nazionalista spinto, anzi.
Però visto che c'è il problema dell'erba del campo mi piacerebbe che almeno ogni tanto vinciamo, almeno sta cosa ha un senso.
Pur non essendo fan del rugby me pò rode er culo pure un po a me che non vinciamo na partita dal 2015 e pigliamo il quarto cucchiaio di legno consecutivo?

Online Lativm88

*
3611
Re:Sei Nazioni 2019
« Risposta #114 il: 17 Mar 2019, 12:15 »
Ma guarda che io sono onesto: l'ho detto da subito che a me il rugby non piace, però sto facendo uno sforzo per capirlo, per capirne di più, e ringrazio Italic che ci sta mettendo tanta pazienza per spiegarmelo.
Ripeto: non sono un  nazionalista spinto, anzi.
Però visto che c'è il problema dell'erba del campo mi piacerebbe che almeno ogni tanto vinciamo, almeno sta cosa ha un senso.
Pur non essendo fan del rugby me pò rode er culo pure un po a me che non vinciamo na partita dal 2015 e pigliamo il quarto cucchiaio di legno consecutivo?

Se fosse un topic sul giardinaggio potrei anche seguire la tua linea e condividere il tuo pollice verde ma, purtroppo, non essendolo mi interessa poco.

Ad ogni buon conto meno male che c'è google se no molto di quello che hai scritto te lo dovevi inventare. Peccato che usi male la search bar perché l'Italia ha vinto più recentemente del 2015 una partita di rugby, non nel Sei Nazioni, ma un test match (ndr non ci sono amichevoli nel rugby). Digitando meglio sapresti anche che la giovanile arrivava a questo Sei nazioni da 3 vittorie consecutive, che quest'anno è arrivata sopra la scozia e che la femminile (gioca oggi) ha la possibilità di arrivare seconda nel torneo.


Proseguo: Mi è davvero difficile cercare un punto di incontro con te, per tua ammissione non ti piace lo sport né lo spirito che c'è dietro, non ne conosci le regole, guardi solo gli highlights, digiti su google qualche info qua e là e vieni qua o su topic sugli sport più vari a provocare con frasi autoconclusive sull'allenatore straniero che ti fa vincere, sullo sport più stupido del mondo etc.
Libero di scriverlo, ma per quanto io mi ci sforzi difficilmente riesco a trovare qualcosa, qualche considerazione tecnica sullo sport da condividere con te perché puoi pure usare qualche tattica da forum e passare per genuinamente interessato/svagato/involontariamente ironico ma sappiamo entrambi che il tuo scopo, così facendo, è passare quella mezz'oretta di tempo per apparire come ganzo su di un forum online il ché, lasciamelo dire, superati i 14 anni è una cosa piuttosto tenera  :beer:

Ma ci voglio provare, proviamo!
Assumo che non sei mai stato ad una partita del Sei Nazioni, vacci.
Vanne a vedere una, meglio ancora sarebbe andarsene a vedere una in una città tipo Edinburgo o Dublino. Anzi, invito tutti quelli che non sanno una mazza di rugby, per sfizio, ad andare a vedere una partita di questo torneo e di scambiare due chiacchiere con gli altri tifosi italiani o stranieri che ci sono. Poi mi dite.
Purtroppo Roma non offre la stessa emozione (parlo di quella perché lì sono stato) di Dublino quando si viene al Sei Nazioni. Ragazzi... è stata una delle cose migliori che ho fatto in vita, perché la partita è solo la scusa di condividere la passione dello sport. Frase fatta? Può essere. Voi andateci e poi mi direte. Voi mettetevi una maglietta dell'italia ed andate a Dublino la settimana, non il giorno, la settimana della partita di Sei Nazioni e poi mi direte.

Proviamo con un altro approccio ancora, quello tecnico tattico del gioco.
Vedi l'Italia, con il suo coach, al di là della lunga marcia che serve per far sì che un movimento intero, di nicchia, faccia breccia nel cuore dei ragazzi e delle ragazze ha il problema di lavorare più che sulla partita in sé su due cose fondamentali nel rugby:
Tenuta atletica / fondamentali.

La tenuta atletica è quella che ti permette di reggere ottanta minuti di tempo reale (non 90 farlocchi) prendendosi dei pullman in faccia e qui l'Italia, a differenza degli anni scorsi, c'è.

CI sono poi i fondamentali che sono: 1) le fasi del gioco come touche, mischia ordinata 2) i placcaggi 3) la trasmissione avanti/trequarti.

Ecco se lavori sulle basi, sulle fondamenta del gioco, devi farlo con la costanza necessaria e sacrificando anche il risultato immediato.


Personalmente sono soddisfatto di O'Shea e secondo me potrà, se la federazione vorrà seguirlo a prescindere dalla voglia di avere un capro espiatorio, fare solo che bene al movimento.


Re:Sei Nazioni 2019
« Risposta #115 il: 17 Mar 2019, 14:25 »
Se fosse un topic sul giardinaggio potrei anche seguire la tua linea e condividere il tuo pollice verde ma, purtroppo, non essendolo mi interessa poco.

Ad ogni buon conto meno male che c'è google se no molto di quello che hai scritto te lo dovevi inventare. Peccato che usi male la search bar perché l'Italia ha vinto più recentemente del 2015 una partita di rugby, non nel Sei Nazioni, ma un test match (ndr non ci sono amichevoli nel rugby). Digitando meglio sapresti anche che la giovanile arrivava a questo Sei nazioni da 3 vittorie consecutive, che quest'anno è arrivata sopra la scozia e che la femminile (gioca oggi) ha la possibilità di arrivare seconda nel torneo.

Allora io voglio leggere tutto quanto il tuo lungo post e lo faró, ma pet ora mi sono fermato qua .
Non ho fatto nessuna google search, come scritto sopra ho visto gli HIGHLIGHTS e durante gli highlights il commentatore diceva che nel sei nazioni ( sto topic è o no sul sei nazioni MASCHILE? ) l'Italia non vince dal 2015 e ha preso 4 cucchiai di legno consecutivi .
Ha detto na cazzata?

Poi possiamo sempre fa che quando lo juventino ti sfotte perchè hai vinto poco gli puoi rispondere che la squadra femminile under 16 della Lazio ha battuto 4-1 la Juve nel test match del torneo birra ichnusa,  ma avrebbe senso?
Re:Sei Nazioni 2019
« Risposta #116 il: 17 Mar 2019, 14:33 »
Scusa posso dire una cosa da profanissimo ( ma ho iniziato a vedermi gli highlights ed è già un passo avanti) ?
Prendiamo un allenatore italiano, magari meno avanzato tecnologicamente, meno preparato scientificamente ma che gli trasmetta un orgoglio, una cazzimma, uno che come si dice in gergo calcistico li appiccica al muro (certo viste le botte che se danno capisco che non è sto gran spauracchio, però...)
Tanto peggio di così che ci può succedere?

Io l'allenatore mercenario delle nazionali, anche nel calcio, non lo capisco proprio.

E' uno sport professionistico, quindi la parola mercenario é abbastanza evidente.
E' ovvio che lo faccia per soldi. Sono professionisti.
Come ho già scritto il rugby é uno sport estremamente complesso in cui l'aspetto fisico é evidentissimo ma non l'unico. Il lato tattico é fondamentale, moltiplicato per le varie fasi di gioco. Dall'attacco alla difesa passando per la touche, la mischia e tutte le tipologie di fasi.
Anni fa lessi di un giocatore italiano che aveva appena firmato per una squadra inglese e al suo arrivo aveva ricevuto un librone di almeno 100 pagine, con tutte le strategie, gli schemi che doveva imparare a memoria prima del primo allenamento. Questo fa si anche che spesso, se é vero che c'é un head coach, é difficile che faccia tutto da solo. C'é l'allenatore della difesa (fondamentale), l'allenatore dell'attacco, quello della mischia, quello della touche e, manca crudelmente all'Italia, anche quello dei calci piazzati. Al momento non c'é una personalità italiana che possa catalizzare tutte queste necessità. Arriverà, ma per ora non si vede.
Sulla cazzimma, personalmente credo che, come nel calcio abbia un suo valore relativo. Se manca il resto ci fai poco. Anzi, spesso l'aggressività per l'aggressività senza riflessione ti porta a fare errori e i tuoi avversari non te lo perdonano.

Sul nazionalismo, nel rugby bisogna far una discussione a parte. A differenza degli altri sport la nazionale non rappresenta il paese ma la federazione*. E questa differenza non é cosi sottile.
I criteri per essere eleggibile sono molto più blandi che nel calcio. Non é obbligatorio avere il passaporto. Basta aver giocato in un paese, mi sembra, per 3 anni consecutivi e si può giocare per la rappresentativa della federazione. Questo fa si che le varie nazionali siano piene di giocatori nati e cresciuti altrove. Anche le migliori. Anzi, soprattutto le migliori. l'Italia, forse, é una di quelle che ne utilizza di meno.

* La spiegazione di questa anomalia é molto semplice, la federazione Irlandese di Rugby, al momento dell'indipendenza dell'Eire caso unico scelse di non separarsi in due e di continuare a rappresentare tutte le province dell'isola. Quindi anche l'Irlanda del Nord. Questo fa si che nell'Irlanda giocano giocatori Irlandesi e nordirlandesi (come ad esempio il capitano Rory Best). L'effetto di questa cosa si ha anche negli inni. L'inno della repubblica d'Irlanda viene suonato solo quando l'Irlanda gioca a Dublino. In trasferta l'inno che viene suonato é un inno scritto apposta per il rugby.
Re:Sei Nazioni 2019
« Risposta #117 il: 17 Mar 2019, 14:38 »
Ho paura che inizieranno a chiamarlo Torneo delle 5+1 nazioni

Online Lativm88

*
3611
Re:Sei Nazioni 2019
« Risposta #118 il: 17 Mar 2019, 14:52 »
Allora io voglio leggere tutto quanto il tuo lungo post e lo faró, ma pet ora mi sono fermato qua .
Non ho fatto nessuna google search, come scritto sopra ho visto gli HIGHLIGHTS e durante gli highlights il commentatore diceva che nel sei nazioni ( sto topic è o no sul sei nazioni MASCHILE? ) l'Italia non vince dal 2015 e ha preso 4 cucchiai di legno consecutivi .
Ha detto na cazzata?

Poi possiamo sempre fa che quando lo juventino ti sfotte perchè hai vinto poco gli puoi rispondere che la squadra femminile under 16 della Lazio ha battuto 4-1 la Juve nel test match del torneo birra ichnusa,  ma avrebbe senso?

No, non hai detto Na cazzata. È così. Nel sei nazioni maschile maggiore non vinciamo dal 2015.
Manco però il titolo del topic è 6 nazioni maschile maggiore.

E  visto che la discussione qua sopra è virata più volte sulla legittimità della presenza dell'Italia nel torneo mi sono sentito in diritto di riportare informazioni circa tutto ciò che riguarda il torneo anche a livello giovanile (che ci si auspica possa essere anche un buon modo per superare il ricambio generazionale) e a livello femminile come dato sulla situazione Dello stato dell'arte del movimento rugbystico italiano.

Ps. Dagli highlights, per curiosità,  durante la partita di ieri t'è sembrato mancasse più la fortuna o la cazzimma?

Possono chiamare il torneo come vogliono: 5+1, 4 e mezzo più un quarto, radice di 2. Possono anche fare titoli, come è successo ai francesi, come "vacanze romane" prima di venirsi a prendere la loro prima sconfitta in Italia  alla quale assistetti di persona con infinita goduria. Fortunatamente non cambia che il torneo, per ora, oltre a chiamarsi sei nazioni permette a tanti appassionati di divertirsi, a tanti ragazzi e ragazze di appassionarsi e a mostrare anche, permettetemi il paragone col calcio, che il pubblico che si vorrebbe per le partite di pallone rotondo (ah le famiglie, ah il clima disteso, ah il divertimento) già esiste, già c'è.

Online Lativm88

*
3611
Re:Sei Nazioni 2019
« Risposta #119 il: 17 Mar 2019, 14:58 »
PS. tra le altre cose, purtroppo, credo che Ghiraldini abbia terminato anzitempo la sua avventura in nazionale e, forse, proprio come rugbista.
La rottura del crociato a 34 anni mi sa che non si recupera più.

Quest'anno ci saranno i mondiali in Giappone* e lì saluteremo anche Zanni e Parisse che, ieri, meritavano un congedo diverso dal Sei Nazioni per quello che sono stati in campo per l'Italia e per il rugby stesso.

*Ah sì magari apriamo un topic pure su quello quando sarà il momento! Prometto che non lo farò sul forum dei Kashima Antlers  :=))(scherzo eh)

 

Powered by SMFPacks Alerts Pro Mod