libri

0 Utenti e 42 Visitatori stanno visualizzando questo topic.

Online Tarallo

*****
80282
Re:libri
« Risposta #1940 il: 13 Nov 2018, 15:52 »
:lol:

Online Sonni Boi

*****
13668
Sesso: Maschio
Re:libri
« Risposta #1941 il: 14 Nov 2018, 09:54 »
Questo si candida direttamente a "Miglior post dell'anno" nei premi Oscar di fine 2018 di Lazionet  :lol:
Re:libri
« Risposta #1942 il: 25 Nov 2018, 13:14 »
Sto leggendo: " La tristezza ha il sonno leggero" di Lorenzo Marone.
Si fa leggere e devo dire che di notte quando mi sveglio di improvviso,  attacco a leggerlo.

Offline naoko

*****
7846
Re:libri
« Risposta #1943 il: 26 Nov 2018, 11:06 »
Sto leggendo con avidità Becoming di Michelle Obama.
Le parti riguardanti la sua formazione sono davvero incredibili. Il resto è molto curioso e interessante eh, ma secondo me la forza della sua storia in come è diventata se stessa, gli studi le sfide e le difficoltà.

Online mdfn

*
1328
Sesso: Maschio
Re:libri
« Risposta #1944 il: 04 Dic 2018, 14:41 »
Ho letto un libro che mi è piaciuto molto, Bussola di Mathias Enard.
Il protagonista è un ricercatore, un musicologo un po' decadente che non riesce a dormire la notte perché gli si presentano alla mente le immagini dei viaggi di studio che ha fatto in Medio Oriente, intrecciati all'amore (perduto? mai consumato?) per una donna lontana, anche lei ricercatrice.
Ma al di là della storia, mi piace come l'ha scritta. E' molto colto, quindi è necessario non lasciarsi spaventare quando tratta argomenti sconosciuti a un lettore non pratico della materia. E' colto sì, ma non professorale, il romanzo si occupa di musica, storia, letteratura, ma lo fa perché in quell'ambiente vivono i personaggi. C'è sempre l'essere umano dietro ai luoghi o al mestiere dello studioso.
Usa periodi lunghi, pochi punti e molte virgole, va a capo di rado. Però lo sa fare, la scrittura è viva, ha ritmo.
Insomma lo consiglio a chi vuole leggere un romanzo di una certa consistenza, in particolare a dei giovani avviati verso una carriera accademica. Per me è stata una scoperta.

Offline TheVoice

*****
4355
Sesso: Maschio
Re:libri
« Risposta #1945 il: 04 Dic 2018, 14:46 »
ho comprato M

dirovvi asap

Letto.
Ed anche ri-letto nei passaggi più importanti.
Per una decina di giorni mi ha tolto il sonno, la tv e tutto il resto.
Da leggere

Offline Rorschach

*****
10007
Sesso: Maschio
Re:libri
« Risposta #1946 il: 04 Dic 2018, 15:03 »
Letto.
Ed anche ri-letto nei passaggi più importanti.
Per una decina di giorni mi ha tolto il sonno, la tv e tutto il resto.
Da leggere

¡ǝɔsıuıɟ ǝɯoɔ ǝɹıp ıɯ uou

Offline Gasco luis veron

*
1111
Sesso: Maschio
Re:libri
« Risposta #1947 il: 04 Dic 2018, 15:29 »
Ho da pochi giorni, finito di leggere il romanzo postumo di Pasolini: Petrolio.

Il romanzo per la quale lui ci ha rimesso la vita poiche' sarebbe dovuto uscire all' epoca (ma mancavano delle parti che poi sono state ricomposte dopo la sua morte da alcuni esperti nel campo), e che usci' quindi per questo solo molti anni dopo la sua morte.

Oggi se scrivi un libro e fai dei nomi, con il sopravvento del consumismo capitalista non succederebbe niente, ma se all' epoca fosse uscito un libro del genere, oggi non ci ritroveremmo in queste condizioni.

In quel periodo furono gettate le basi del mondo attuale.

Quel libro, conteneva la stessa forza dirompente contro il sistema corrotto dell' epoca che poteva avere come forza negli anni successivi ad esempio la famosa valigietta di Falcone (tanto per rendere l' idea).

Alla fine la differenza e' che l' opera di Pasolini si eleva anche dal punto di vista letterale oltre che dal punto di vista dei contenuti in se stessi, ma lo scopo di Pasolini ero il medesimo di Falcone e cioe' quello di sfruttare la letteratura per smascherare il mondo della P2 e quindi il mondo corrotto per farci conoscere la verita'.

Su questo libro troverete tutti i nomi dei veri capi di quel periodo di questo paese, che controllavano l' allora ENI, compresi tanti personaggi e partiti politici che vi giravano attorno poiche' tutto era in mano al business del petrolio.

Infatti dopo Pasolini, a Falcone e Borsellino tocco' lo stesso triste destino.

Se si legge Petrolio, scopriamo che purtroppo quel libro e' ancora maledettamente attuale (basta immaginare i nomi dei personaggi, delle societa' e dei partiti politici rapportati ai nomi di oggi), e scopriremo che il sistema  attuale non e' nato dal nulla, ma  e' figlio anche peggiore di quello precedente che ha ucciso Pasolini!

Questo paese e' profondamente cambiato dopo la morte di Pasolini, Falcone, Peppe Impastato e Borsellino ovviamente, in peggio.

Speriamo di rialzarci presto e per farlo servira' la volonta' di tutti noi, ma la nostra forza dovra' essere trascinata da un nuovo personaggio del calibro dei suoi predecessori altrimenti culturalmente sara' difficile reagire.

Un libro difficile da leggere e a tratti anche pesante che consiglio vivamente: Pasolini l' ha voluto concepire volutamente cosi', per farci provare quei momenti, dove parallelamente al contesto ENI, lo stesso Pasolini parla anche della sua vita privata e della citta' di Roma, come avviene in pratica in tutti i suoi libri a volte in maniera maggiore e a volte in maniera piu' superficiale.




Offline Kobra

*
2259
Re:libri
« Risposta #1948 il: 05 Dic 2018, 09:43 »
Ho letto un libro che mi è piaciuto molto, Bussola di Mathias Enard.
Il protagonista è un ricercatore, un musicologo un po' decadente che non riesce a dormire la notte perché gli si presentano alla mente le immagini dei viaggi di studio che ha fatto in Medio Oriente, intrecciati all'amore (perduto? mai consumato?) per una donna lontana, anche lei ricercatrice.
Ma al di là della storia, mi piace come l'ha scritta. E' molto colto, quindi è necessario non lasciarsi spaventare quando tratta argomenti sconosciuti a un lettore non pratico della materia. E' colto sì, ma non professorale, il romanzo si occupa di musica, storia, letteratura, ma lo fa perché in quell'ambiente vivono i personaggi. C'è sempre l'essere umano dietro ai luoghi o al mestiere dello studioso.
Usa periodi lunghi, pochi punti e molte virgole, va a capo di rado. Però lo sa fare, la scrittura è viva, ha ritmo.
Insomma lo consiglio a chi vuole leggere un romanzo di una certa consistenza, in particolare a dei giovani avviati verso una carriera accademica. Per me è stata una scoperta.

Stessa sensazione con Zona.
 :beer:

Online mdfn

*
1328
Sesso: Maschio
Re:libri
« Risposta #1949 il: 05 Dic 2018, 15:02 »
Stessa sensazione con Zona.
 :beer:
Bene. Allora prima o poi me lo procuro.

Gasco, non ci hai parlato di due scene memorabili, il pratone della Casilina e la carrellata de Il Merda lungo via di Torpignattara.
 

Powered by SMFPacks Alerts Pro Mod