Elezioni europee 2019: i commenti dei Lazionetters.

0 Utenti e 10 Visitatori stanno visualizzando questo topic.

Re:Elezioni europee 2019: i commenti dei Lazionetters.
« Risposta #60 il: 27 Mag 2019, 21:53 »
salvini 34,3 + Fi 8,8 + FDI 6,5 + FN & CP 0,5

il 50,1 % degli italiani hanno votato i fascisti


Il 50,1% dei VOTANTI, non degli italiani.

Offline Omar65

*****
6832
Re:Elezioni europee 2019: i commenti dei Lazionetters.
« Risposta #61 il: 27 Mag 2019, 21:54 »


A me la cosa che mi ha piu' colpito e' la vittoria di Farage in UK .

Cioe' sono mesi che ci bombardano , piu' o meno velatamente , che gli inglesi vorrebbero tornare indietro , che si sono sbagliati nel precedente referendum .

Dimostrazione che il voto e' diverso dalla sua rappresentazione teatral/televisiva .



Da quello che so io, moltissimi inglesi sono infastiditi da tutto questo tira e molla sulla Brexit: l'hanno votata e vogliono che si attui (da quelle parti sono abituati a pretendere che i politici facciano quello per cui sono stati votati)
Re:Elezioni europee 2019: i commenti dei Lazionetters.
« Risposta #62 il: 28 Mag 2019, 01:31 »
Da quello che so io, moltissimi inglesi sono infastiditi da tutto questo tira e molla sulla Brexit: l'hanno votata e vogliono che si attui (da quelle parti sono abituati a pretendere che i politici facciano quello per cui sono stati votati)

Difficile capire cosa pensino gli inglesi sul tema: da molti mesi, è diventata una regola non scritta che non si parla mai di brexit a cena, al lavoro o nel tempo libero. Gusto in famiglia e con gli amici più intimi.
Però è vero il fatto che anche con sei litri di birra scura sul gozzo e dieci shottini nello stomaco, l’inglese medio ha un rispetto della volontà popolare che lèvate....

UnDodicesimo

UnDodicesimo

Re:Elezioni europee 2019: i commenti dei Lazionetters.
« Risposta #63 il: 28 Mag 2019, 07:00 »
Il 50,1% dei VOTANTI, non degli italiani.

colpa anche di chi a votare non ci e' andato.

UnDodicesimo

UnDodicesimo

Re:Elezioni europee 2019: i commenti dei Lazionetters.
« Risposta #64 il: 28 Mag 2019, 07:13 »
Difficile capire cosa pensino gli inglesi sul tema: da molti mesi, è diventata una regola non scritta che non si parla mai di brexit a cena, al lavoro o nel tempo libero. Gusto in famiglia e con gli amici più intimi.
Però è vero il fatto che anche con sei litri di birra scura sul gozzo e dieci shottini nello stomaco, l’inglese medio ha un rispetto della volontà popolare che lèvate....

invece e' molto semplice, se ci vivi.

Brexit e' un argomento divisivo, ecco perche' qualcuno ha la regola non scritta di cui io francamente non mi sono accorto ;).

e' divisivo in tutti i sensi, sia generazionale che territoriale che culturale ecc.ecc.

ma ancor peggio, per come sono fatti gli anglosassoni in generale, e' l'impasse che si e' creata, che ha colpevoli un po' ovunque e non solo a Downing st.

un partito che ha al centro il tema era(e') per molti il partito con la soluzione a tale impasse.

infatti lo stesso UKIP, il partito indipendentista creato dall stesso Farange 'secoli' fa e che non ha mai avuto piu' briciole. e' risultato quello con la peggior perdita.



cosi come solo altri partiti non governativi, LibDem e Verdi, hanno 'vinto'
Re:Elezioni europee 2019: i commenti dei Lazionetters.
« Risposta #65 il: 28 Mag 2019, 18:27 »
Non condivido. Il M5S ha preso voti da dx, da cn e da sx, quelli di dx sono tornati a casetta ora che ne esiste una che può incidere in maniera più determinante rispetto a prima.
Però, se fosse come dici tu, MisterFaro, non si capisce una cosa.

Cioè
(1) se il 17% degli elettori cinquestelle che li votano ancora è la parte di sinistra,
(2) da cosa e perché si sarebbero allontanati quelli che non lo hanno votato più?

In pillole:

1) non ho detto che chi ancora li vota è di sinistra, può esserlo o può essere di centro o può essere uno senza posizioni particolari ma che spera questa nuova forza politica che si dichiara trasversale possa fare bene. In parte residuale potrebbero esserci ancora elettori di destra, la parte non becera/razzista/sessista che di votare salvini non ci pensa affatto

2) nei rapporti interni all'attuale governo non sono "tutti uguali", c'è una parte (salvini) che spinge verso la destra estrema e una (m5s) che non lo fa, non su tutto, e in parte lo frena. Da questa seconda parte si sono allontanati quelli che sono passati a votare salvini.


Nota polemica:
sei un analista preparato, attento e intelligente, sono convinto che queste cose le sapevi già ma che in discorso di propaganda dialettica hai preferito fare il finto ingenuo. Sbaglio?

Offline orchetto

*****
12219
Re:Elezioni europee 2019: i commenti dei Lazionetters.
« Risposta #66 il: 28 Mag 2019, 18:28 »
"La Sinistra" (intendo la lista non il concetto) ha tentato l'ennesima riproposizione di ceto politico messo insieme con una colla scadente, con pezzi politicamente ambigui, tipo gente che fino a 5 minuti prima delle elezioni faceva l'occhiolino al PD zingarettiano.
Gran parte di ciò che si muove a livello sociale in senso antagonista non vota o vota saltuariamente.
Quel che si muove di cui sopra agisce in contesto in cui l'essere sociale non riconosce se stesso.
Stiamo qui in uno snodo che è sia sociale ma anche politico, inteso in senso primigenio, come scintilla, scatto iniziale, che ti fa dire io/noi siamo gli sfruttati, abbiamo propri interessi nostri e vogliamo cambiare, lottare, organizzarci. Se manca tutto questo ma fai finta che tutto questo ci sia pigli le tranvate.

Offline FatDanny

*****
17852
Re:Elezioni europee 2019: i commenti dei Lazionetters.
« Risposta #67 il: 28 Mag 2019, 18:37 »
Postilla importante: i risultati RIDICOLI delle formazioni di estrema destra dovrebbero far riflettere sul loro ruolo e su come vengono raccontate.
In quartieri dove vengono dati a capo di rivolte prendono così pochi voti da non riuscire ad organizzare manco una partita di calcio tra di loro.
Questo per dire quanto sia folle e sfacciatamente pro-salvini la narrazione mediatica dei suddetti.

1) Perché se il "popolo" è con i neofascisti allora Salvini risulta l'opzione politica più ragionevole e meno pericolosa tra le due

2) Perché evidentemente i problemi di cui parla Salvini sono effettivamente la priorità del paese

I media liberali dovrebbero vergognarsi davanti allo 0,nulla a cui da anni fanno una pubblicità spropositata.
Roba che in rapporto a partecipazione e attività espresse centri sociali e spazi autorganizzati dovrebbero stare tutti i giorni in prima pagina.
Non credo sia una svista mediatica, toccherebbe parlare di piena cecità. Qui c'è dolo.

Offline pan

*
2075
Re:Elezioni europee 2019: i commenti dei Lazionetters.
« Risposta #68 il: 28 Mag 2019, 18:59 »
ma il fatto che le formazioni di estrema destra non abbiano avuto chissà quanti voti non significa poi tanto. al momento c'è salvini che comunque garantisce loro e l'esserci e una similitudine in contenuti, quindi molti hanno votato lui. hanno dato forza a lui. un po' come quelli che sono di sinistra  e magari votano o hanno votato formazioni più moderate per paura del momento storico attuale.

Offline TomYorke

*****
9204
Re:Elezioni europee 2019: i commenti dei Lazionetters.
« Risposta #69 il: 29 Mag 2019, 11:00 »
A me sembra abbia detto altro:


Da qui il mio:

Ma io ormai da James mi prendo solo l'aspetto neutro di quel che dice.

Offline carib

*****
27897
Re:Elezioni europee 2019: i commenti dei Lazionetters.
« Risposta #70 il: 29 Mag 2019, 12:37 »
colpa anche di chi a votare non ci e' andato.
Questa affermazione l'ho sentita fare diverse volte. Secondo me non tiene conto dell'assenza totale di informazione corretta e continua sulle elezioni da parte della televisione pubblica. La gente IMHO non è scema e la democrazia è ancora per fortuna una cosa seria. La gente, se non conosce, se è confusa, se non ha le idee chiare, non delibera. E tante persone in Italia - data l'età - si informano ancora e unicamente attraverso i tg nazionali. Il fatto che le reti private - mediaset in primis - siano state occupate militarmente da un unico volto (di merd.a, aggiungo io), ha fatto il resto.

Offline FatDanny

*****
17852
Re:Elezioni europee 2019: i commenti dei Lazionetters.
« Risposta #71 il: 29 Mag 2019, 12:45 »
a me che buona parte dell'astensionismo sia di sinistra sembra abbastanza evidente.
Non dico che rappresenti il 40% (circa il 20% di astensionismo è strutturale) ma almeno su un 15% di elettorato ritengo che sia lampante.
Proprio per questo rincorrere il centro è folle, perché non parla minimamente a questa amplissima fascia di elettori.

Un elettore di destra oggi ha ragioni e motivazioni per andare a votare, oltre ad avere diverse declinazioni del suo pensiero "efficaci" su un piano di azione politica, dalla Lega a FI passando per FdI (per quanto a noi possano far ribrezzo).

Un elettore di sinistra oggi invece può scegliere tra un'ipotesi che non vede come di sinistra (PD) e una che è tale ma priva di credibilità e progetto (la sinistra)
I più attivi/attenti politicamente possono optare per un voto in chiave anti-destre, ma, queste elezioni lo confermano, si tratta della minoranza di una minoranza.
I milioni di voti si spostano sulla base degli elementi ben elencati da carib.

Offline surg

*
7044
Re:Elezioni europee 2019: i commenti dei Lazionetters.
« Risposta #72 il: 29 Mag 2019, 13:12 »
Il M5S non ha attuato quanto aveva promesso ed è stato punito dagli elettori.
Tra qualche mese tocca alla lega di salvini
Re:Elezioni europee 2019: i commenti dei Lazionetters.
« Risposta #73 il: 29 Mag 2019, 13:24 »
No, l'astensionismo non ha colore, soprattutto in un caso come questo, con scarsa pressione politica.

Pensate che io sono riuscito a votare per miracolo: ero sotto botta per un evento su cui stavo lavorando e sono riuscito a scappare i dieci minuti necessari per votare.
Perfino io, pidiota inacidito, avrei potuto mancare le urne.
L'affluenza è il risultato di una pressione mediatica. Si è sempre elucubrato sull'astensione che favorirebbe ora l'uno ora l'altro e le opinioni sono tutte buone.

La mia opinione è al contrario che chi non ha votato, chi si è disinteressato, è il meno motivato e che in fondo, se forzato al voto lo darebbe proprio a Salvini, l'uomo forte che lo difende dall'invasione.

UnDodicesimo

UnDodicesimo

Re:Elezioni europee 2019: i commenti dei Lazionetters.
« Risposta #74 il: 29 Mag 2019, 13:53 »
Questa affermazione l'ho sentita fare diverse volte. Secondo me non tiene conto dell'assenza totale di informazione corretta e continua sulle elezioni da parte della televisione pubblica. La gente IMHO non è scema e la democrazia è ancora per fortuna una cosa seria. La gente, se non conosce, se è confusa, se non ha le idee chiare, non delibera. E tante persone in Italia - data l'età - si informano ancora e unicamente attraverso i tg nazionali. Il fatto che le reti private - mediaset in primis - siano state occupate militarmente da un unico volto (di merd.a, aggiungo io), ha fatto il resto.

indubbiamente si deve andare a votare con le idee chiare.

ma si puo' anche annullare la scheda e poi guardare all'impatto mediatico di un'elezione con circa il 4% di schede bianche e nulle, ed il 56% circa di partecipazione, ed una dove si raggiunge anche il 46% con il 100% di partecipazione.

magari poi le lamentele post elezione sulle percentuali, la deriva del paese, dei relativi 30 e rotti percento a destra, dei 20% alla non-cosi-tanto-sinistra ecc.ecc. sarebbero meno inter nos.
Re:Elezioni europee 2019: i commenti dei Lazionetters.
« Risposta #75 il: 29 Mag 2019, 16:21 »
alla luce di quanto successo negli ultimi anni, credo che creare il pd sia stata la più grande fregnaccia del secolo, a maggior ragione in un paese cattolico dove è presente il Vaticano, mi spiego: al di la delle politiche economiche fatte (alcune marcatamente liberali, che non hanno avvantaggiato i lavoratori così come i più deboli) il dato che che va consolidandosi da tempo è la sparizione del Centro cattolico.
Sarebbe servito come il pane un partito di ispirazione popolare a far da arginare alle varie destre italiane, che potesse far da catalizzatore ai voti moderati ma non reazionari (ricordo che preti e suore votano), la Margherita in quel senso andava benissimo per presidiare quella mattonella e bastava prendesse un 10% (pure qualcosa in meno), lasciando spazio a sinistra ad un grande partito socialdemocratico che doveva avere come missione il rinnovamento da un parte ed il riassorbimento di partitini, movimenti, delusi, astensionisti etc dall'altra, con parole d'ordine aggiornate su temi quali equità e tutela ambientale.
due anime distinte ma non separate, ciascuna impegnata a presidiare ed accrescere la propria area di consenso, e portare alla fine acqua al mulino della rilevanza politica in ottica governativa.
ci potrebbero provare  a ricreare sto partito di centro calenda e renzi, per me farebbero la fine di +Europa, servirebbe altro, un Bergoglio con 40 anni di meno...

Offline cartesio

*****
18778
Re:Elezioni europee 2019: i commenti dei Lazionetters.
« Risposta #76 il: 30 Mag 2019, 14:31 »
Vedo che quasi tutti parlate delle elezioni europee in termini di politica interna, che per me è un errore, sia in senso politico che istituzionale.
Peraltro anche la campagna elettorale è stata svolta quasi tutta in termini di politica interna, trascurando questioni essenziali del nostro futuro come il futuro assetto dell'UE ed il ruolo che potrebbero/dovrebbero rivestire i nostri deputati nel parlamento europeo. L'Italia è un paese provinciale, dagli orizzonti limitati, non c'è niente di strano se ciò che viene da fuori la mette in crisi. Non siamo culturalmente preparati ad affrontarlo.
Ed è altrettanto normale che posizioni del tipo "non vogliamo pagare i debiti degli italiani" sembrino manifestazioni di egoismo nazionalista, invece di apparire come la logica risposta all'egoismo italiano che vorrebbe scaricare le conseguenze dell'evasione fiscale italiana sui partner europei.
Solidarietà solo quando ci conviene.
Re:Elezioni europee 2019: i commenti dei Lazionetters.
« Risposta #77 il: 30 Mag 2019, 22:03 »
colpa anche di chi a votare non ci e' andato.

Non capisco perchè debba essere una colpa.
Come dicono i giornalisti al giorno d'oggi: "se l'offerta politica non è allettante" (linguaggio che tradisce la mercificazione totale della politica) perchè uno deve votare per forza?

Poi sull'analisi dell'astensionismo non sono d'accordo ne con jim, ne con fat: l'astensionismo non è senza colore, ma non è neanche principalmente "di sinistra".
Il grosso secondo me sono ex elettori pentastellati disgustati dal governo gialloverde ( e a Roma dalla Raggi ).

Offline Pomata

*
10454
Re:Elezioni europee 2019: i commenti dei Lazionetters.
« Risposta #78 il: 30 Mag 2019, 22:50 »
Piccola nota: in una tornata elettorale in cui i Verdi hanno avuto grandi vittorie in tutta Europa, da noi non se l'e' filati nessuno  :((

Offline LaFonte

*
57
Re:Elezioni europee 2019: i commenti dei Lazionetters.
« Risposta #79 il: 30 Mag 2019, 23:51 »
Postilla importante: i risultati RIDICOLI delle formazioni di estrema destra dovrebbero far riflettere sul loro ruolo e su come vengono raccontate.
In quartieri dove vengono dati a capo di rivolte prendono così pochi voti da non riuscire ad organizzare manco una partita di calcio tra di loro.
Questo per dire quanto sia folle e sfacciatamente pro-salvini la narrazione mediatica dei suddetti.

1) Perché se il "popolo" è con i neofascisti allora Salvini risulta l'opzione politica più ragionevole e meno pericolosa tra le due

2) Perché evidentemente i problemi di cui parla Salvini sono effettivamente la priorità del paese

I media liberali dovrebbero vergognarsi davanti allo 0,nulla a cui da anni fanno una pubblicità spropositata.
Roba che in rapporto a partecipazione e attività espresse centri sociali e spazi autorganizzati dovrebbero stare tutti i giorni in prima pagina.
Non credo sia una svista mediatica, toccherebbe parlare di piena cecità. Qui c'è dolo.

Sono d'accordissimo con te (tranne che su un punto, su cui torno più avanti). Visti i risultati delle elezioni come ho letto in un commento su FB gli animalisti da soli hanno il 30% in più di casapound e feccianuova assieme. Tradotto è più concreto il rischio a breve termine di non poter mangiare carne di cavallo che di veder tornare il fascismo.

Non capisco però come possa essere pro-salvini la narrazione mediatica dei neofascisti. Io conosco tanta gente che è andata convinta a votare PD dopo anni di astensionismo per "fermare i fascisti". Per quanto assurda sia stata questa campagna elettorale da parte dei media di sinistra, lo spauracchio nero (nel senso di fascista) con l'elettore di sinistra funziona alla grande. Peccato però che funzioni per una volta sola, perchè poi alla prova dei fatti quando si vede che il pericolo è immaginario, l'elettore non ci casca più, anche perchè a parte del 'fermiamo i fasci' non c'è altra proposta concreta.
 

Powered by SMFPacks Alerts Pro Mod